Melix


Mail: melix@stargazer.it

Il tutto parte dal presupposto che la musica e' una forma d'arte, e l'arte e' l'espressione di emozione.
Detto cio' amo tutti i dischi che riescono a trasmettermi qualcosa, quindi, in ambito strettamente heavy metal, non fisso dei paletti per creare compartimenti stagni tra i vari generi, ma tendo ad ascoltare tutto quello che mi passa il convento.
Predilezione particolare per il genere death e per l'heavy classico - definizione che parte dai Black Sabbath passa per i Judas Priest e racchiude la NWOBHM - mentre nutro una certa antipatia verso il power odierno, figlio degli stilemi dettati 20 - 30 anni fa.
Per il resto mi diletto nell'ascolto di certo crossover e di formule sperimentali, conseguenze dell'applicazione della filosofia evolutiva che ha sempre contraddistinto il metal fin dagli inizi.

10 Dischi Preferiti in nessun ordine (che mi vengono in mente or ora):

Queensrÿche - "Promised Land"
Death - "Individual Though Patterns"
Anathema - "Alternative 4"
Carcass - "Heartwork"
Prong - "Rude Awakening"
Voivod - "Phobos"
Judas Priest - "Unleashed In The East"
Rush - "Moving Pictures"
Blue Oyster Cult - "Tyranny And Mutation"
Strapping Young Lad - "City"