INNER LOGIC
Parallel Reality

Etichetta: autoprodotto / Alkemist Fanatix
Anno: 2009
Durata: 13 min
Genere: hardcore


Gli Inner Logic sono scozzesi e si sono formati nel 2008. Agli inizi, hanno pubblicato un demo intitolato "The Atomic Garden Demo". Il gruppo ha poi allargato la propria formazione, e con questa ha registrato "Parallel Reality". La formazione che ha inciso il CD consiste in Dek alla voce, Ronnie alla chitarra solista, Ryan alla chitarra ritmica, Daniel al basso e Craig alla batteria.
La copertina di "Parallel Reality", dai colori scuri, ci mostra una donna con le braccia alzate verso il cielo, sul quale spicca una luna rossa. Questo lavoro è stato registrato all'Urban Studio nel settembre del 2008.
"Believe" è introdotta da un riff avvincente di chitarra, che presto si apre in una cavalcata hardcore, melodica e potente. Il gruppo appare molto affiatato e convinto, dotato di una discreta tecnica e della giusta attitudine. La struttura della composizione è semplice, così come l'arrangiamento. La prima chitarra si esibisce anche in un assolo gustoso. La voce del cantante è pulita, ruvida il giusto. Ciò nonostante, "Believe" non riesce ad impressionare più di tanto: è una canzone carina, ma nulla di più.
"Parallel Reality" è una traccia molto più aggressiva della precedente, lineare nel suo svolgimento e possente come impatto. Le scelte compositive di questi scozzesi sono sempre tradizionali, salvo qualche iniezione melodica ambigua e qualche strizzatina d'occhio al metal. Certamente, la title-track è più convincente di "Believe".
"Nation Apart", stuzzicante e nervosa, fa della facilità il suo punto di forza. L'esecuzione del quintetto è sempre molto istintiva, e non scevra da qualche imprecisione. Stilisticamente, gli Inner Logic restano ambigui, e cavalcano quella linea pericolosa che potrebbe renderli avversi sia agli amanti del hardcore che a quelli del metal. Oppure, ma è difficile, potrebbe ottenere successo da entrambi i fronti. Ma il gruppo non mi sembra abbastanza talentuoso per ambire a questo
"Live For Today/Outro" è in possesso di una ritmica arrembante, che ben sorregge la facile melodia della chitarra. L'intervento della voce è puntuale, e ben studiato questa volta. La traccia poi si assesta sul consueto alternarsi tra strofe e ritornelli, con ogni tanto qualche passaggio strumentale breve e conciso.
Gli Inner Logic, con questo demo, dimostrano tutto il loro entuasiasmo e la loro buona volontà. Però non possono nascondere i loro limiti. Primo fra tutti, un songwriting poco incisivo: pur non scrivendo canzoni brutte, i musicisti non riescono a renderle memorabili. I riff sono carini, ma le strofe ed i ritornelli sono spesso scontati. Al giorno d'oggi, occorre essere un po' più severi con sè stessi, e ricercare se non l'originalità almeno la particolarità. Comunque sia, il gruppo potrà crescere. E' previsto un full-length per quest'anno, e spero vivamente che ci presenti degli Inner Logic diversi, più maturi e personali. Altrimenti, il loro album d'esordio non potrà che essere modesto come questo demo.
(Hellvis - Marzo 2010)

Voto: 6


Contatti:
Sito Inner Logic: http://www.myspace.com/innerlogicband

Sito Alkemist Fanatix: http://www.alkemist-fanatix.com/