IGNITION CODE
Upgraded

Etichetta: autoprodotto
Anno: 2010
Durata: 12 min
Genere: math/death metal melodico


Alessandro Falà (voce), Sabatino Fossemò (chitarra), Marco Di Carlo (chitarra), Gaetano Ettorre (basso) e Guido Borracino (batteria): questi sono gli Ignition Code, un gruppo attivo dal 2007 e al suo esordio sulla scena con questo tre tracce, "Upgraded".
La copertina di questo lavoro è molto semplice: il titolo del demo campeggia al centro del logo del gruppo, simile a quel simbolo che viene cliccato tutte le volte che si deve spegnere un computer.
Si parte con "Human B.P.M.", una canzone che esemplifica chiaramente lo stile compositivo degli Ignition Code. La prima cosa che salta all'orecchio è l'impatto del brano e la violenza esecutiva dei nostri, davvero notevole. Il gutturale di Alessandro è devastante, ed i riff ritmici proposti dalle due asce sono taglienti e pesantissimi. Successivamente, interviene la melodia ed il brano avverte un lieve rilassamento: la melodia infatti limita l'impatto, ma rende la composizione decisamente più fruibile e varia. Nei momenti melodici, gli Ignition Code dimostrano di ispirarsi in parte al death metal melodico di matrice svedese; quando invece la band si esibisce in sezioni prive di melodia e tutte votate all'aggressività, ecco presentarsi alle orecchie dell'ascoltatore delle influenze math-metal, vicine vuoi ai Meshuggah, vuoi ad altri gruppi simili. Non sono da escludere richiami (in)consapevoli a band dalle radici thrash quali Nevermore o MachineHead.
"Gamegear" conferma quanto il quintetto desideri far male al suo pubblico. L'impatto è sempre ai massimi livelli, grazie anche ad una qualità di registrazione più che egregia, capace di enfatizzare il tutto. Curiose invece le scelte melodiche, belle distese, che intervallano in maniera stridente i momenti più arrembanti: il cantante utilizza un registro di voce piuttosto grave, che riporta alla mente in qualche modo i buoni vecchi Type O Negative. Che sia un omaggio al rimpianto signor Steele? Comunque sia, gli Ignition Code dimostrano di aver parecchie freccie nella loro faretra, alcune delle quali decisamente insospettabili.
"Mikrokid" è un brano oscuro e cattivo. E' anche un nuovo esempio di tecnica chirurgica e di talento compositivo. Il ritmo non è velocissimo, ma è ostinato. Tra l'altro, la musica di questa band è ricca anche di potenziale evocativo, e riesce a comunicare all'ascoltatore scenari futuristici e cibernetici. Non per nulla, stando al foglietto di presentazione degli Ignition Code, il conflitto uomo-macchina è uno dei temi portanti della loro poetica. Di conseguenza, complimenti per l'abilità con la quale hanno tentato di rendere queste tematiche in musica.
"Upgraded" finisce in maniera secca, ed il silenzio successivo al suo ascolto è ricco di significato. Innanzitutto perchè ci fa capire quanto potente e violenta sia la musica dei nostri, paragonata al silenzio successivo. In secondo luogo, perchè le sensazioni che questa musica ci lascia sono davvero positive.
Gli Ignition Code ci sanno fare, e non posso che complimentarmi con loro. Vogliono picchiare, e ci riescono alla grande. Vogliono essere melodici, e non tradiscono le loro stesse aspettative. Bisogna soltanto vedere come riusciranno a reggere un minutaggio da full-length... Beh, questo appartiene al futuro. Per ora, consideriamo questo "Upgraded", un lavoro interessante ed avvincente anche se non sempre originalissimo. Però il gruppo ha talento, attitudine e passione. Le basi per un futuro radioso ci sono tutte quindi! Avanti così allora!
(EGr - Marzo 2011)

Voto: 7.5


Contatti:
Mail: ignitioncode@yahoo.it
Sito internet: http://www.myspace.com/ignitioncode