W.A.S.P.
23 Novembre 2004
New Age
Roncade (TV)


Sono arrivato al New Age verso le 21.30, e tutti i parcheggi vicini al locale erano strapieni. Cos comincio a far manovre per tornare indietro e cercare un parcheggio distante, e mentre faccio retromarcia mi accorgo che ho bloccato la strada ad un autobus... guardo meglio, ed era l'autobus del gruppo...! Ops! Vabbeh, almeno mi sono rassicurato che dovevano ancora cominciare!
Cos entro nel locale, e mi apposto come mio solito dietro al mixer. Dopo un bel po' di attesa, e dopo che il New Age si era riempito come un uovo (mai visto cos pieno, ad occhio eravamo almeno 500 persone), Blackie e compagni salgono sul palco e vengono tolti i teloni che coprivano tutto. La prima sorpresa riguarda il nuovo modello del microfono di Blackie, sempre molleggiato e a V, ma stavolta ha un bel teschio davanti ed ben pi grande (almeno rispetto all'altra volta che li ho visti)! Tant' che pi volte durante il concerto Blackie si letteralmente arrampicato sopra, e con la testa arrivava quasi sul soffitto... dev'essere divertente saltare sopra al microfono e dondolarsi avanti ed indietro suonando!
Riguardo la scaletta, come mio solito non ho molta memoria. Hanno cominciato con "Inside The Electric Circus", per poi proporre vari classici ed un paio di canzoni dall'ultimo doppio concept. La prestazione di Blackie stata molto buona. Ormai con venti anni di esperienza alle spalle sa come tenere il palco a perfezione, e ad ogni suo gesto c'era un boato del pubblico. Con la chitarra ha fatto il suo dovere, prendendosi spazio anche per qualche assolo. La voce il suo solito problema: parte sempre bene, ma dopo 4-5 brani comincia a perdere colpi, per finire sempre rauco. Gli altri tre musicisti hanno fatto il loro dovere di spalla. Il batterista tirava delle sane legnate, il bassista ha passato met tempo a lanciare plettri al pubblico (almeno una trentina, se non record poco ci manca!) ed il chitarrista solista (un po' tamarro) ha svolto il suo ruolo con precisione. Ma ovviamente il palco era tutto per Blackie, era lui a muoversi a destra e sinistra e ad attirare tutte le attenzioni del pubblico.
In complesso stato un concerto molto bello, col pubblico esaltato al massimo dal primo all'ultimo minuto. Perlomeno per quel poco che durato, il difetto stato proprio questo: i W.A.S.P. hanno suonato per circa un'ora e 10 minuti, e non c'era nessun gruppo di supporto. Un po' poco per chi ha pagato il biglietto, vista la quantit di classici a loro disposizione potevano spremersi un po' di pi.
(teonzo)