GOTHA + THE WOODS SILENCE
20 Marzo 2004
Country Star
Albignasego (PD)


Comincio la rece dicendo che i Gotha sono il gruppo di Tamas, che oltre ad essere uno dei recensori della zine, è anche e soprattutto un amico, quindi se qualcuno vuole pensare male è libero di farlo. Io me ne sbatto e faccio lo stesso la rece del concerto.
Il pubblico purtroppo era proprio poco, saremo stati una trentina ad occhio, inclusi alcuni eroici amici dei Gotha arrivati da Fabriano (5 ore di macchina...). Le cause di questo credo siano principalmente due: la promozione praticamente nulla effettuata in zona (se non mi avvisava Tamas manco venivo a sapere del concerto, eppure abito a 40 km dal locale...); la concomitanza con un casino di altri concerti metal in giro per il Veneto in questa settimana. L'altra nota negativa è stata la resa sonora: il locale non ha un impianto di amplificazione, e si usavano direttamente gli ampli dei The Woods Silence. Questo può andar bene per un buco come il Ristoro, ma non per un locale di media grandezza come il Country Star.
I primi a suonare sono stati i The Woods Silence. Era la prima volta che li ascoltavo (sto ancora aspettando il demo...), ed erano in formazione ridotta a 3 elementi, visto che uno dei due chitarristi si era rotto una gamba. Il gruppo suona death melodico, e credo che questa assenza abbia influito un bel po' sulle canzoni, visto che di solito questo genere si basa sugli intrecci tra le due chitarre. Comunque sia hanno fatto una buona prova, dal lato tecnico sono stati abbastanza bravi, nonostante qualche stecca del chitarrista. Quello che non mi ha convinto sono le canzoni: troppo derivative al primo ascolto, non m'è rimasto in testa un passaggio che fosse uno... Di sicuro vanno risentiti con la formazione al completo, ma credo che debbano lavorare maggiormente sulla personalità della loro musica, visto che ormai il death melodico è uno dei generi più inflazionati.
Poi è arrivato il turno dei Gotha, con la formazione a completo a 5 elementi. Rispetto a quando li avevo conosciuti 4 anni fa hanno un nuovo bassista ed un nuovo cantante (questo è stile Chuck Billy, nel senso che è un armadio vero e proprio, hahahaha). Lo stile dei Gotha è un classico thrash metal in stile americano, bello diretto e grezzo, senza orpelli e senza pretese di originalità. I Gotha mettono in chiaro che suonano per passione di questo genere e per fare casino. Nonostante i problemi di amplificazione (la voce che saltava a colpi, e la seconda chitarra coperta dalla solista), sono riusciti a coinvolgere i pochi spettatori e a dare una bella botta di vita a tutti (cosa necessaria, visto che avevano cominciato dopo mezzanotte). Come al solito la mia memoria per le scalette fa veramente cacare, quindi non mi ricordo con esattezza cosa hanno suonato e nemmeno in che ordine. Dovrebbero aver suonato tutti i pezzi del loro nuovo album "Thrasherized" (a memoria la mia preferita è stata "Full Of Hate"), più 4 cover ("War Ensemble" e "Raining Blood" degli Slayer, "Refuse/Resist" dei Sepultura e "Demonic Refusal" dei Testament). I thrasher con loro vanno sul sicuro, il loro concerto è stato coinvolgente nonostante i problemi logistici.
(teonzo)


Contatti:
Sito Gotha: http://www.gotha-thrash.com/