ZEMIAL
I Am The Dark (Singolo)

Etichetta: Temple Of Darkness Records
Anno: 2009
Durata: 8 min
Genere: black/heavy metal


Graditissimo ritorno quello dei greci Zemial, band dall'attitudine incorruttibile che torna in questo 2009 che si sta già avviando alla sua conclusione con un singolo composto da due canzoni per un totale di otto minuti. Le sonorità ultra marce del demo "Necrolatry", già recensito dal sottoscritto su queste pagine, sono da un bel po' di tempo un lontano ricordo, in quanto il duo ellenico aveva già virato dal successivo "Face The Conqueror" del 2003 verso uno stile maggiormente "pulito" e più influenzato dal metal classico, con risultati un po'altalenanti, a mio modestissimo avviso. Dopo il già citato EP gli Zemial hanno quindi prodotto il loro unico full-length in quasi 20 anni di carriera, "In Monumentum", del 2006, che non ho avuto la fortuna di ascoltare, e ora sono di nuovo pista con questo singolo.
La prima traccia, che dà il titolo all'uscita, propone un black/heavy metal dalle tinte quasi epiche, e dimostra che i nostri, come in passato, hanno nel sangue una maestria nel forgiare pezzi semplici ma di sicura presa che ben pochi gruppi possiedono. Con questa "I Am The Dark" ne danno ulteriore prova: la canzone, composta da pochi riff minimali ma efficacissimi, trova la sua forza in un ritornello che non mancherà di stamparsi nella testa di chiunque lo ascolti.
La successiva "Words Of The Temple Of Shadows" , per quanto di base segua grossomodo le coordinate stilistiche della title track, si differenzia in parte per delle sorprendenti partiture aggiuntive, molto esotiche e atmosferiche, che arricchiscono il pezzo e gli donano un'aura quasi tribale; oltre ad una voce femminile, gli Zemial aggiungono anche strumenti non convenzionali (mi sembra di riconoscere uno xilofono) che trasformano il finale in un vortice strumentale molto suggestivo: senz'ombra di dubbio una grande prova da parte loro.
In definitiva, di questo singolo si può certo dire sia un ritorno all'altezza, che non mancherà di entusiasmare qualsiasi fan della band greca, ma che può senz'altro attirare l'attenzione anche di chi tra voi sia alla ricerca di musica retrò e primordiale; vi lascio quindi con una buonissima impressione su questi due pezzi e con il consiglio di ritracciare anche il materiale più datato, per dare a questo meritevole progetto il supporto che merita.
(Ranstrom Gail - Ottobre 2009)

Voto: 7.5


Contatti:
Sito Zemial: http://www.myspace.com/zemial

Sito Temple Of Darkness Records: http://www.templeofdarknessrecords.com/