WORMACHINE
WorMachine

Etichetta: Hybrid Records / Boycott Records / Next Music
Anno: 2004
Durata: 42 min
Genere: cyber rock/metal melodico


I WorMachine si sono formati nel 2001. Dall'anno della sua formazione, questo trio francese ha pubblicato ben tre demo: "Needle Work" (2001), "Worm Attack" (2002) e "3" (2003). Il 2004 ha visto finalmente il gruppo debuttare con l'album omonimo. Questo CD ha ottenuto una serie di buoni riscontri dalla critica di settore, soprattutto quella transalpina. Ora, anche Shapeless prova a dire la sua.
L'immagine di copertina del promo è una foto il cui soggetto è indefinibile. Il colore dominante è il rosso, forte ed intenso, con qualche ombra.
La formazione del gruppo vede Khou_Dj (chitarra - ma si occupa anche della parte grafica), Pi_R (basso, voce, programmazione) e Neon (batteria, percussione).
Il classico gimmick altisonante stampato sul retro del promo recita "la vostra sanità mentale è in pericolo!". C'è da restarne spaventati, eheh! I WorMachine amano definire il loro stile "Electro Metal Hybrid". Questa definizione, nella sua vaghezza, può andare bene. Ma, e non potete darmi torto, il termine "metal" suggerisce quasi inconsapevolmente nel lettore un senso di aggressività sonora, di pesantezza. In realtà, la proposta musicale del gruppo non è per nulla estrema. Anzi, si rivela raffinata e più vicina al rock e al synt-pop che al metal. L'elemento metal, apportato quasi esclusivamente dalla chitarra, ha una valenza ritmica: dona vigoria al brano. Non è però essenziale allo sviluppo delle varie composizioni. Le undici canzoni presenti in "WorMachine" potrebbero funzionare ugualmente senza l'utilizzo della chitarra distorta. Questo perché la musica del trio è fondamentalmente pop/rock, a prescindere dalle schitarrate. Dal rock ha tratto l'agilità ritmica e la grinta, dal pop il gusto per la grande melodia. Tra le fonti di ispirazione del gruppo primarie vanno citati soprattutto i Depeche Mode, la cui influenza, dapprima nascosta, si fa sempre più sentire mano a mano che il CD avanza verso la sua conclusione. Gli esempi più clamorosi sono "In The Flesh", "Animals" e "Are You Happy", rispettivamente la settima, la nona e l'undicesima traccia. Sembrano remix in chiave metal di tre canzoni di Gahan e soci (la voce però è diversa). Ma la musica dei WorMachine include anche altre influenze decisive, quali Nine Inch Nails (nella loro versione più melodica - si ascolti "Accelerator"), White Zombie (si senta la prima, bellissima "Virus"), echi dei Prong e dei Ministry. In alcuni casi addirittura, i più peculiari, sembra di trovarsi di fronte ad una sorta di cyber-stoner! I riff blueseggianti, pesanti, sembrano rileggere i Monster Magnet in chiave tecnologica. Un'intuizione bizzarra, ma non del tutto da buttare. Gli esempi? "Swallow" e "Touch The Sun".
La voce di Pi_R è molto bella ed espressiva, e dona alle composizioni quel tocco in più. Visto il suo ruolo di cantante, chitarrista e programmatore, mi viene da pensare che si tratti della mente pensante del gruppo. Il suo talento è indubbio, sebbene l'amore per le band che ho citato poco fa condizioni tante volte le sue composizioni. La sua abilità, unita a quella degli altri due musicisti, ha sfornato però perle quali "Virus", "Devils In The Head" e "Stand". Il termine "catchy" può andar bene a tutte e tre le canzoni, sebbene per motivi diversi. Nel primo caso, è la ritmica a fare da padrone. Si tratta di un brano trascinante che non può lasciare indifferenti. Negli altri due casi, è invece la melodia ad avere la meglio. I ritornelli rendono "Devils In The Head" particolare e "Stand" un potenziale singolo, grazie al suo ruffiano americanismo.
Ma c'è un po' di tutto in questo album di debutto. Forse la carne al fuoco è un po' troppa, e questo è andato a discapito dell'equilibrio. Le tracce sono molto diverse fra di loro: sintomo sì di entusiasmo, ma anche di immaturità. Per contro, i WorMachine hanno già trovato un suono tutto loro, che li distingue dalla massa e personalizza anche le composizioni più derivative.
Che giudizio dare a questo trio? Beh, un 7 mi pare più che idoneo. Vi consiglio però di giudicare da voi stessi. I WorMachine infatti hanno messo a disposizione di tutti un promo di due canzoni gratuito. Sì, avete letto bene, gratuito! Basta andare nel sito ufficiale della band e richiederlo. Dato che non avete nulla da perdere, provateci. Potreste trovare la musica che fa per voi!
(Hellvis - Giugno 2005)

Voto: 7


Contatti:
Mail WorMachine: info@wormachine.com
Sito WorMachine: http://www.wormachine.com/

Sito Next Music: http://www.nextmusic.fr/