VENOM
Possessed

Etichetta: Neat (recensita la ristampa su CD della Castle Comunication)
Anno: 1985
Durata: 43 min
Genere: Black fuckin' Metal! ma molto piu` thrash degli altri


Quarto e ultimo disco in studio per la prima formazione in studio di Cronos, Mantas e Abaddon. Chiariamo subito il concetto: alla quasi totalita` degli ascoltatori dei Venom questo disco fa schifo. Bha. Certo, non dico che sia il loro migliore, anzi, dei primi 4 e` sicuramente il disco peggiore, ma dire che fa completametne schifo e` una vaccata. Il giudizio di "schifezza" puo` venire in mente quando si ascoltano canzoni relativamente oscene come "Suffer Not The Children" o "Mystique", ma questi episodi sono rari.
Poche canzoni pero` svettano sopra tutte le altre in fatto di qualita` e impatto sonoro come ai vecchi tempi, e visto che sono poche le cito tutte: "Satanachist", che sembra sia una canzone di "Welcome to Hell" persa negli studios e ritrovata durante le registrazioni di questo Possessed, con un riff assassino e tagliente e una intro distorta che fa venire le lacrimucce di nostalgia; "Powerdrive", l'opener, tiratissima come niente altro con una doppia cassa da far invidia a tanta gente e che mi ha fatto voglia di scrivere nella descrizione del genere thrash; "Burn This Place (to the ground)" e "Too Loud (for the crowd)" che sembrano uscite (o forse scartate? chi puo` dirlo?) dal disco "At War With Satan" e sembrano i degni successori a "Stand Up and be Counter" di AWWS. Basta.
4 grossi successi su 13 canzoni (che in effetti sono tantissime) non mi sembrano certo pochi e sicuramente non possono permettere di trattare un disco come una merda. Forse il giudizio dei piu` arriva appunto dal fatto che il disco e` lunghissimo e che comunque ci si aspettava qualcosa di piu` dai 3 inglesotti. Da citare la title-track che, come ci si aspetterebbe da un loro disco, sia la canzone piu` cazzara e ignorante, e invece e` lunga (quasi 5 minuti), molto articolata e lenta in partenza (per lo standard del disco naturalmente, magari fossero cosi` tutte le canzoni lente di questo pianeta) e continuamente accelerata fino alla fine.
Il fatto che dopo questo disco abbiano splittato non e` da attribuire al fatto che il disco sia considerato anche da loro una schifezza, ma da contrasti fra Mantas e gli altri due, il quale si era stufato della vita on the road della band, mentre gli altri 2 sostenevano che la band vivesse prevalentemente sul palco. Da qui la decisione di splittare.
Non so dire se questo sia stato un bene o un male, se i Venom erano gia` sulla loro parabola discendente allora forse e` stato meglio cosi`. Tanto i Venom in futuro avranno bisogno di soldi e faranno questa fottuta reunion alla fine degli anni '90 e registreranno "Cast In Stone", ma questa e` una storia a parte.
Restando su questo bistrattato Possessed, devo aggiungere che il libretto fa veramente schifo: l'immagine di copertina e` anche un'idea interessante (una foto in negativo di 2 bambini felici con una canottierina con il loro logo), ma il booklet e` fatto solo da un misero fogliettino con una loro foto in posizione plastica in bianco e nero, la stessa foto che c'e` in quarta di copertina del booklet e la stessa che c'e` sul retro della custodia del disco, le ultime 2 a colori.
(gg - Luglio 2002)

Voto: 7



Anch'io non capisco perché quest'album venga così schifato. Molti pezzi sono bruttini, noiosetti, altri non sono nulla di cui esaltarsi ma passabili, altri ancora invece sono davvero belli, ma nel complesso se la cava. Se non conoscoscete i Venom pigliatevi i primi 3, se poi vi ritenete ultrafan pigliate pure questo.
(bist - Agosto 2002)

Voto: 6



Per me questo disco e' il solito casino. Parlare di qualita' quando ci sono di mezzo i Venom fa ridere anche i polli. Devo pero' ammettere che qui mancano i pezzi da 90 rispetto alla prima imprescindibile trilogia dei loro lavori. E' tutta roba ascoltabile, per carita', ma va data precedenza ai dischi precedenti se uno ancora non li ha. In quest'ultima riedizione della Neat pero' c'e' la solita corposa razione di bonus track e per il prezzo contenuto del CD ne consiglio comunque l'acquisto.
(Mork - Agosto 2002)

Voto: 6.5