UOCHI|TOKI
Vocapatch

Etichetta: Burp
Anno: 2003
Durata: 62 min
Genere: elettronica / rap / sporadico hardcore - noise


Questo CD degli Uochi|Tochi non ha nulla a che vedere con quanto trattato in genere da Shapeless. Anzi, non vorrei scrivere una stupidaggine ma penso che questo sia il primo CD rap recensito dalla nostra webzine! Beh, che la voce rappi non ci sono dubbi ma non pensate che si tratti della solita uscita di hip hop italiano, anzi... "Vocapatch" è un oggetto misterioso, di difficile catalogazione: non saprei dire fino a che punto gli Uochi|Tochi siano artisti o quanto cialtroni. Forse la risposta sta nel mezzo.
Musicalmente parlando Napo (fetore\meta-lamentele), Nico (low tech\lavoratore indefesso) e Lele (morte\distruzione) creano una sorta di elettronica semplice e primitiva, di difficile ascolto considerata la notevole durata del CD. Inoltre, in "Vocapatch" ci sono alcune tracce di hard-core casinoso, in bilico tra noise e casualità.
L'aspetto più interessante di "Vocapatch" si trova nei testi, declamati con voce irritante. Il tono in genere è ostile, accusatorio. Le invettive sono scagliate con una verve che ha del comico, tra il serio e il faceto. Si passa da argomenti ai limiti del nonsense a considerazioni velate di amaro. Tra giochi di parole, arditi accostamenti verbali ed impreviste coltellate di scurrilità gli Uochi/Tochi fanno del loro meglio per metterci a disagio. Ogni elemento costitutivo della loro musica non è coinvolgente. C'è solo freddezza e distacco.
La band è sponsorizzata dal Sito della Morte, nel quale si possono trovare bizzarri metodi per morire. Ogni argomento è un pretesto per andare contro corrente. Meglio la morte che il conformismo, questo è sicuro e credo sia ampiamente condivisibile. Lo humor nero è di casa dagli Uochi|Tochi. Diversi, veri e propri freak musicali, toccano tematiche distanti ai più, provocando reazioni differenti a seconda dell'ascoltatore. In genere sollevano perplessità, altre volte suscitano applausi.
Sinceramente non so che voto dare a questo lavoro. Credo che meriti la sufficienza per la singolarità della proposta, per il suo estremismo. Si tratta di uno scherzo divertito che potrebbe rivelarsi molto più serio di quanto i suoi stessi ideatori abbiano mai pensato.
(Hellvis - Febbraio 2004)

Voto: 6


Contatti:
Mail: lazebiose@libero.it
Mail: vincile@libero.it
Sito internet: http://www.sitointernet.cjb.net/