UNLIGHT (GER)
Death Consecrates With Blood

Etichetta: Massacre Records
Anno: 2009
Durata: 45 min
Genere: black/thrash metal


"Death Consecrates With Blood" è l'ultimo lavoro dei tedeschi Unlight, gruppo la cui carriera ha avuto inizio nel 1997. Sin dagli esordi, la formazione si è dimostrata piuttosto instabile, tanto che alla pubblicazione del demo "Des Baphomets Rückkehr" (1999) si potevano già segnalare vari avvicendamenti in seno alla band. Avvicendamenti che sono continuati, e che hanno fatto slittare l'esordio su full-length al 2003. In quell'anno, il gruppo ha autoprodotto e pubblicato l'album "The Nordic Stormbringer". La buona prova su CD ha fatto sì che la Heavy Horses Records si interessasse agli Unlight, e la cosa ha portato nel 2005 alla realizzazione di "Inferno".
Nel 2006, con i Nordafrost, i tedeschi hanno realizzato lo split "To Our Forefathers". L'anno seguente, sono tornati con un nuovo full-length, sempre prodotto dalla Heavy Horses: "Eldest Born Of Hell". Il loro terzo full-length ha riscosso un ottimo successo, ottenendo alti voti in Germania. E' stato così che la Massacre Records si è interessata al quartetto. Il felice matrimonio è stato coronato da "Death Consecrates With Blood", l'oggetto di questa recensione.
Il promo ricevuto dalla Massacre, come al solito, è privo di artwork completo. Si intravede però la copertina dal caldo color arancione, che mostra una strana figura con il volto di scheletro.
Non sò dire nulla sugli studi di registrazione, perchè purtroppo l'informazione è assente dal pacchetto promozionale, però non ho problemi ad indicare la formazione degli Unlight: Blaspherion alla voce ed alla chitarra, Necron all'altra chitarra, Tartaros al basso e Lord Grond alla batteria. Si tratta di musicisti completi, la cui ispirazione e formazione musicale va al di là dei limiti del black. Lord Grond infatti suona anche nei Bitterness, vecchie conoscenze di Shapeless Zine, autori di un death metal melodico di buona, talvolta ottima qualità.
Passiamo dunque al commento di "Death Consecrates With Blood", un album che nei suoi tre quarti d'ora di durata ne fa vedere delle belle. Si tratta infatti di un bel disco: probabilmente, il migliore del quartetto. Grazie ai mezzi messi a disposizione dalla Massacre, la musica degli Unlight riesce finalmente a rendere al meglio. Ho scritto di non poter nominare gli studi di registrazione, e la cosa è davvero un peccato: infatti la qualità di registrazione è stupenda. I suoni sono potentissimi e nitidi, senza risultare nè troppo artificiali nè eccessivamente leccati. Questa resa sonora è stata creata proprio su misura per gli Unlight, ed il risultato è davvero stupefacente.
Non basta però una grande qualità di registrazione per rendere grande un disco. Ma gli Unlight non sono un gruppo di mezze calzette. Si tratta di un gruppo dalla lunga gavetta, e che ha fatto tesoro dell'esperienza. Questa cosa, unita al talento, ha dato vita ad un album interessantissimo e coinvolgente. E' impossibile non esserne catturati, qualora ne si apprezzi il genere. A tal proposito, gli Unlight propongono un black metal tradizionale, che spesso si concede scappatelle nei territori del thrash. Anzi, talvolta queste scappatelle diventano fughe vere e proprie, e il thrash, nelle sue accezioni più oscure, riesce a prendere il sopravvento. Più raramente, si avvertono anche dei germi death metal, ma si tratta di piccolezze. Il miscuglio di generi è comunque emozionante, sostenuto com'è da un songwriting naturale e molto intelligente. Sembra quasi, a voler essere maligni, che gli Unlight strizzino sovente l'occhio agli ascoltatori. Non credo però sia così. Non c'è nulla di artificiale qui. E' una mia sensazione. Tutto sembra ispirato, ed è proprio l'ispirazione genuina il vero punto di forza del gruppo tedesco. Poi forse non tutti i brani sono impeccabili, e si avverte qualche calo di tono. Ma anche se non ci troviamo di fronte ad un capolavoro, è giusto comunque sottolineare che abbiamo a che fare con un disco davvero bello.
La potenza e l'impatto devastante vengono subito messi in chiaro con la title-track, uno dei brani più belli dell'intero CD. Nonostante siano stati utilizzati tutti gli elementi classici del black metal, gli Unlight mettono in mostra un songwriting intelligente, piazzando un ritornello intrigante al seguito di una strofa estrema. Sebbene il black sia predominante, le qualità thrash dei nostri donano alla composizione un dinamismo notevole. La stessa intensità si può ritrovare anche nel brano di chiusura del CD, "Dead Angel Innocence", che ci lascia con le orecchie ronzanti e una gran voglia di far ripartire il CD da capo. Infatti i 45 minuti di durata corrono via veloci senza che nessuno se ne renda conto. Di aspetto diverso, ma ugualmente stupenda, è la strisciante "The Passing Of Black Storms", malsana ma davvero bella, con quel ritmo non veloce ma incalzante alla DarkThrone. E l'utilizzo delle successioni armoniche e dei riff è, in questo caso, originale.
Buona l'accoppiata "Carnal Baptism"/"Dancing Upon The Bones Of A Naive Perception", la prima mesta con quel succedersi di note in stile Burzum, la seconda violenta e thrash, che richiama a gran voce gli Slayer. Altri forti richiami al thrash metal si avvertono in "The Old Black Magic Spell" che però, a fianco di un passaggio introduttivo di gran valore, tende poi a perdersi nella distanza. Stesso discorso per "Becoming The Ungodly Sin", il cui songwriting non sembra così naturale come in altre occasioni. Le altre canzoni del CD sono tutte di buon livello, e non ha senso commentarle una ad una. In effetti "Death Consecrates With Blood" è un disco che funziona nel suo complesso, ed è un peccato suddividerlo in tracce ottime e canzoni meno buone. Sì, gli Unlight miglioreranno. Tutto è migliorabile. Ma "Death Consecrates With Blood" è un ottimo disco di black/thrash. Lasciamo quindi da parte la puzza sotto il naso, e chiediamoci se questo CD riesce a darci ciò che, in genere, cerchiamo in un lavoro di questo genere. La risposta è questa: sì, ci dà tutto ciò che vogliamo, e anche di più. Ragion per cui, sosteniamo questo gruppo!
(Hellvis - Marzo 2009)

Voto: 8


Contatti:
Mail Unlight (GER): unlight@unlight.org
Sito Unlight (GER): http://www.unlight.org/

Sito Massacre Records: http://www.massacre-records.de/