UNATURAL DESASTER
Violent Fate (MCD)

Etichetta: autoprodotto
Anno: 2005
Durata: 30 min
Genere: thrash metal


Per conoscere gli "Unatural Desaster" dobbiamo spostarci in una non ben precisata parte degli Stati Uniti (probabilmente New York), dove Peter Aiello (chitarra, voce), J.S. Medina (batteria), Dima Kay (chitarra) e Bonnie Edner (basso) si trovano e decidono, per un breve periodo con il nome di "Well of Tears", di suonare old school thrash metal... e ce la mettono veramente tutta per non uscire da questo limitato quanto ormai deceduto genere.
E così tutto "Violent Fate", un mini album autoprodotto di sette canzoni, suona in maniera talmente superata e obsoleta da risultare imbarazzante. Purtroppo neppure l'esecuzione è brillante, penalizzata dalla scarsa qualità della produzione, e sono evidenti delle ingenuità che da musicisti che sono in pista da oltre 20 anni, vedi il batterista che suonava nei Chicken Shits nel 1983, non sono tollerabili (pensare che J.S. Medina si vanta di essere allievo di John Macaluso... speriamo che il maestro non lo venga a sapere).
Non ben chiaro il motivo per cui l'album risulta diviso in due parti, Side Thrash e Side Metal, visto che non esiste la benchè minima differenza tra le quattro tracce contenute nella prima parte e le tre contenute nella seconda; forse un attacco di nostalgia quando la stessa cosa veniva fatta sui vinili, anche se in genere queste scelte avevano un motivo ben preciso.
Sconcertante è la voce di Peter Aiello... dopo pochi secondi, soprattutto in tracce come "Stalinicism" e "Violent Fate", ci si aspetta che esca Ciccio Valenti a dirci che siamo vittime di una candid camera. Non raggiunge mai la sufficienza per tutta la durata del CD; forse solo in "Faith Terminated" risulta accettabile perchè viene lasciato un grande spazio ad una parte parlata. Speriamo trovino al più presto un cantante!! Magari uno svecchiamento generale non farebbe male, magari lasciando più spazio a Bonnie Edner, che con il suo progetto parallelo degli En Vayne, propone cose certamente più originali e creative, a volte anche distanti dal metal. Chissà che un compromesso tra le sue idee più innovative e quelle dello zoccolo duro della band non porti a qualcosa di più interessante.
(J.L.Seagull - Settembre 2007)

Voto: 5


Contatti:
Mail: cobraviolet@yahoo.com
Sito internet: http://www.unaturaldesaster.com/