STRANGE LAND
Anomaly

Etichetta: autoprodotto
Anno: 2001
Durata: 69 min
Genere: Heavy/Rock Progressive


Ed eccoci qua, alle prese con questa notevole band di Heavy Progressive, proveniente nientepopodimeno che dal Wisconsin, negli States. Come? Vi state chiedendo come mai l'inossidabile Muad'Dib stia recensendo un gruppo Heavy Prog? Che sia impazzito all'improvviso? Niente di tutto questo! Tranquillizzo tutti i miei innumerevoli fans (probabilmente ho più detrattori!!!) (la seconda che hai detto! - nd teonzo), dicendo che pur essendo piuttosto tradizionalista in certi aspetti, riesco al contempo a non avere il 'paraorecchi' e ad avere gusti musicali più o meno a 360 gradi! Sono un appassionato del Prog anni '70, questo è vero, ma apprezzo anche Marillion, Magellan, Symphony X e perché no... i primi due dischi dei Dream Theater riesco a digerirli bene (pur considerandoli abbastanza 'freddini').
Qualcuno di voi starà già sbuffando... ma allora che cosa è che non ascolta sto scassapalle? Facile! Nu Metal, Crossover e roba simile degli anni '90.
In ogni caso sappiate che il buon teonzo esige una scheda compilata prima di 'assumere' i suoi recensori, dove ci sono svariate domande a cui rispondere: se siamo gay, se ci piacciono i Pooh e se abbiamo la discografia completa dei Death (dettaglio fondamentale e necessario - nd teonzo). Vi assicuro che non è per niente facile entrare su Shapeless (ancor meno rimanerci...) (con uno scassapalle come me... - nd teonzo), per chi volesse tentare consiglio di farsi una buona 'cultura' musicale.
Orsù... bando alle ciance! Passiamo a questi Strange Land! (sarebbe anche ora... - nd teonzo)
Confesso che la musica prodotta da questi tre ragazzi (la tastiera viene suonata dal bassista/cantante Chad Novell) mi è piaciuta parecchio, è ben fatta, piacevole e le canzoni scivolano via una dopo l'altra come una dozzina di birre il venerdì sera! Incredibile! E' raro trovare un gruppo Progressive del genere, la loro formula vincente non è quella mettere in mostra le proprie 'doti tecniche' (cosa ribadita anche nella biografia) bensì nel dare più attenzione alla melodia e a passaggi vocali orecchiabili.
Il risultato è straordinario!
Forse è la prima volta che sento un gruppo Prog con un'attitudine così immediata, i brani riescono ad essere articolati e ricchi di vari cambi di tempo, ma allo stesso tempo sono decisamente diretti e semplici, senza troppi fronzoli da sfoggiare.
C'è tanto Rock in questo gruppo, tantissimo, cosa ribadita dai coinvolgenti refrain di Chad Novell, anche il resto della band si adegua a questo modo di vedere le cose, la chitarra impreziosisce il tutto con ottime parti arpeggiate, assoli poco appariscenti ma carichi di una bellissima melodia, la batteria è varia e crea strutture intelligenti quando è necessario, senza strafare più di tanto. Non riesco a scegliere una brano su tutti, probabilmente l'opener "All Things Considered" rappresenta un po' tutto il disco che non ha reali cedimenti.
Anche la produzione è molto buona, questo è il loro primo lavoro autoprodotto, vi consiglio vivamente di procurarvi "Anomaly", passerete oltre un'ora ascoltando ottima musica in bilico fra Rock Heavy e Prog, cosa che non vi farebbe per niente male! Questo lavoro potrebbe piacere veramente a tutti, se preferite roba più 'intricata' e meno 'sanguigna' degli Strange Land cercate altro, a voi la scelta!!!
(Muad'Dib - Febbraio 2003)

Voto: 9.5


Contatti:
Mail: strange-land@apexmail.com
Sito internet: http://www.strange-land.net/