REVENGIA
A Decade In The Dark

Etichetta: Metal Fortress
Anno: 2005
Durata: 45 min
Genere: heavy metal


Revengia è il nome di una creatura personale del chitarrista svedese Matti Almsenius. Formata la band negli anni '80, ha pubblicato un demo nel 1989. Qualche tempo dopo, però, Matti ha deciso di spostarsi negli Stati Uniti, per studiare musica. Al suo ritorno, e dopo la leva, i Revengia hanno ricominciato a tenere concerti. Nonostante le buone risposte del pubblico, il gruppo è arrivato al capolinea nel 1993. In realtà, la band non si è mai sciolta. Semplicemente, si è persa, come capita tante volte. Anche perché Matti era già impegnato con altri gruppi, i The End e gli Eucharist.
Nel 2001, però, i Revengia sono tornati in pista. Accanto a Matti, si sono ritrovati Roger Bentsson (basso) e Daniel Erlandsson (batteria - Arch Enemy). Tutto il vecchio repertorio è stato registrato allo studio ZerOonE di Varberg (dove abita Matti), tra il 2001 e il 2004. Il risultato di questo sforzo è il CD programmaticamente intitolato "A Decade In The Dark". Va sottolineato che in tre canzoni, il basso è suonato da Martin Karlsson (Eucharist), che in futuro prenderà il posto di Roger Bentsson.
La copertina è molto semplice: nera, con in alto il logo della band ed in basso il titolo. Il libretto, di otto pagine, è ricco di foto e contiene tutti i testi.
La qualità di registrazione è buona, potente. D'altro canto è facile aspettarsi questo da un gruppo svedese, no?
La musica dei Revengia altro non è che heavy metal. OK, i suoni sono moderni ma la musica è molto tradizionale. Talvolta ci sono delle accelerazioni che portano il gruppo ai limiti dello speed. Nella sua globalità, comunque, questo album è un buon esempio di metal suonato per pura passione, e non per fare un qualcosa di nuovo. Sì, di originalità ce n'è ben poca tra le otto tracce del CD. Ma sono gli stessi Revengia a non voler essere innovativi. In fondo, tutti i musicisti svolgono un ruolo importante anche in altre band: questo gruppo altro non è che uno sfogo.
La chitarra costruisce riff di buon livello, piuttosto cupi, sempre azzeccati. Basso e batteria lo seguono a ruota, senza perdere un colpo. La voce di Matti è piuttosto rozza, alla Lemmy per intenderci, ma sta bene nel contesto sonoro. I Revengia sono un insieme grintoso, dal suono potente e dal notevole talento nell'arrangiamento.
Il songwriting è abbastanza vivace. Si passa da canzoni oscure, come la tirata "Revengia" o la malvagia "Premonition Of Death", fino a prove più americaneggianti e ruffiane quali "The Revenger" e, soprattutto, "Dying For An Answer". Peccato che le composizioni non siano tutte sullo stesso livello, ed in alcuni casi risultano un po' macchinose o banali ("The Evil Draughtman").
Scritto questo, è comunque vero che i Revengia possano andare incontro agli amanti più sinceri dell'heavy metal. Sempre che riescano ad apprezzare le vocals di Matti, che a primo acchito tendono a spiazzare. Se volete il mio consiglio, bisogna apprestarsi all'ascolto di "A Decade In The Dark" privi di qualunque pregiudizio. Basta lasciarsi trasportare dai riff sanguigni e dalle intelligenti melodie. Va preso con spontanea semplicità. In tal caso potreste apprezzare parecchio quest'album.
(Hellvis - Luglio 2005)

Voto: 7


Contatti:
Mail Revengia: revengia@revengia.se
Sito Revengia: http://www.revengia.se/

Sito Metal Fortress: http://www.metalfortress.com/