PORTAL
Seepia (ristampa)

Etichetta: Profound Lore Records
Anno: 2005
Durata: 31 min
Genere: death


Ci sono vari gruppi col nome Portal: gli ex Cynic; i brutallari svedesi autori di "Forthcoming"; un paio di altri che non ricordo; poi questi australiani. Questi Portal australiani sono una specie di ufo, sia perché sono veramente in pochi ad averli ascoltati, sia perché non danno molte informazioni su di sé. Sulla line-up posso solo dire che è composta da 5 persone: The Curator, Illogium, Mephitic, Werm ed Aphotic (non so chi suoni cosa). Sulla storia ho qualche info in più. Si sono formati nel 1994, poi hanno esordito nel 2002 con l'EP "The End Mills" per Blacktalion Media. Nel 2003 hanno stampato l'album "Seepia", sempre per Blacktalion Media. Nel 2004 hanno fatto uscire un secondo EP dal titolo "The Sweyy". Nel 2005 è uscita questa ristampa di Seepia ad opera della Profound Lore Records, dopo qualche rimaneggiamento (inclusa rimasterizzazione).
Questo album contiene 8 canzoni piuttosto schizzate. Lo stile a grandi linee è un death metal marcio, ma questa definizione non è corretta al 100%. Marcio lo è nell'impatto sonoro, ma non in quello compositivo. Questi Portal sono dotati di una forte personalità, usando molte strutture e soluzioni non convenzionali. Tutto si può dire, tranne che siano l'ennesimo gruppo death uguale a mille altri. La prima cosa che colpisce è il casino che esce dalle casse: la registrazione è proprio scarsa (dicono che la prima stampa fosse peggiore, non oso immaginare cosa si sentisse!), suscitando l'impressione di trovarsi di fronte all'ennesimo gruppo di zappatori imbranati. Ma non è così: pur se i suoni sono sporchissimi, l'album è pieno di riff tecnici e contorti. Idem le parti di batteria: sembrano fustini del detersivo, ma ci sono un sacco di fill personali e sghembi. Anche la voce è peculiare: è sempre un growl, ma non è esagerato e nemmeno appesantito da tonnellate di effetti. Poi ci sono vari passaggi rumoristi, ad esempio con campane in lontananza ed ululati vari.
Tutto si può dire di questo lavoro, tranne che sia ruffiano o standard! Potrei definire questo album come la colonna sonora ideale per un film horror ambientato in qualche fogna: riesce a ricreare una atmosfera malsana, claustrofobica ed angosciante. Non si può non provare ribrezzo al primo ascolto, è una reazione cercata e voluta. Ma è un ribrezzo morboso, che stuzzica la curiosità e ti fa venir voglia di continuare. E continuando si cominciano a notare i dettagli, si comincia a notare la personalità del gruppo e ad apprezzare le varie soluzioni assurde che usano.
La produzione, come detto, è veramente scarsa, con suoni poco definiti e un volume di uscita basso. La confezione invece è proprio figa! E' un digipack sottile (solo cartoncino e niente plastica) con un libretto curato con tutti i testi. La grafica è adattissima, giocata sul nero e marrone.
Dare un giudizio a questo lavoro è difficile. Da una parte non si può non tener conto della registrazione veramente scarsa. Dall'altro lato bisogna anche ammettere che con una registrazione pulita l'album perderebbe molto fascino. Inoltre si tratta di un album che può piacere a poca gente: il marciume che si respira è adatto ai maniaci del metal estremo grezzo e scarno. Ma la musica non è adatta a quel tipo di gusti: non segue i canoni di quelle proposte. Quindi per apprezzarlo bisogna saper digerire sia la roba marcia sia la roba schizzata (direi quasi "sperimentale"), e di solito chi è a favore di una è contro l'altra. Con me ha fatto centro! E' di sicuro un album che può piacere a poche persone, ma se cercate qualcuno che faccia death metal definibile tale ed abbia anche una propria personalità definita, allora di album di sto tipo usciti negli ultimi 10 anni ne trovate veramente pochi: ecco, se avete apprezzato i The Chasm, allora con questi Portal andate sul sicuro (pur essendo molto diversi fra loro). Questo "Seepia" non è un capolavoro, ma gli va dato il merito di emergere con forza dal mare di cloni.
(teonzo - Marzo 2006)

Voto: 8


Contatti:
Sito Portal: http://www.portalabode.cjb.net/
Sito Portal - myspace: http://www.myspace.com/portalxiii

Sito Profound Lore Records: http://www.profoundlorerecords.com/