OBUS
Segundos Fuera

Etichetta: Rimer Rock
Anno: 2003
Durata: 45 min
Genere: Heavy Metal


Si sa che per ragioni anagrafiche ed affettive sono legatissimo alla grande era degli anni ottanta, quando il metallo era metallo e non c'erano proprio cazzi! Di quei tempi m'è rimasto l'amore per quelle band "piccole" ma toste, passionali, feroci e cazzute, con quella sana e insopprimibile capacità di badare al sodo e a lasciare da parte inutili orpelli e menate varie... Fatti, non pugnette insomma!!!
Ecco spiegato perché da circa venti anni sono un fedele e fanatico seguace degli Obus!!! Questi spagnoli sono una piccola grandissima leggenda, un mito che ahimè pochi conoscono al di fuori dei patri confini e del Sud America, una band dalla straordinaria ed invidiabile attitudine!!!
Quattro vecchi ed inossidabili cavalieri dell'apocalisse che incuranti dell'impietoso scorrere del tempo profondono sangue sudore e lacrime senza pietà e senza risparmio! Francisco Laguna (chitarra e cori), Juan Luis Serrano (basso e cori), Fernando Sanchez (batteria e cori) ed il miticissimo Fortu Sanchez (voce) saranno pure invecchiati, avranno i capelli grigi e avranno anche perso il conto delle rughe e degli anni, ma sono e restano dei grandi, difatti, dopo una carriera ventennale, eccoli ancora tra noi con questo nuovo "Segundos Fuera"!!!
Certo, i tempi belli della Mausoleum Records sono lontani e la leggendaria voce di Fortu si è fatta meno limpida e calda, più sporca, ruvida e vissuta (come si conviene ad un Rocker di alto lignaggio e caratura superiore!), ma la classe è sempre quella, grandiosa e cristallina, basti ascoltare l'etilicissima opener "Esta Ronda La Paga Obus" (vero e proprio anthem alcolico!) per capire che energia e forza ci sono ancora alla grande, immutate e senza pari!!!
Magari i nostri prodi hanno un poco sollevato il piede destro dall'acceleratore, passando da Judas Priest e Iron Maiden a Motörhead, AC/DC e Mötley Crüe (quelli veri, quelli di "Shout At The Devil", per capirci) vedi ad esempio "Salvajamente Sexy" che pare uscita dalla penna di un Nikki Sixx iberico, ma sanno ancora incazzarsi come bestie contro i prepotenti e gli stronzi come il presidente Giorgino Camminatore Cespuglio, bersaglio della protestataria e antiamericana "Mas Que Un Dios", poi non posso non citare il granitico e massiccio 4/4 di purissima scuola Angus & Malcom Young della trascinante "Sin Direccion", indubbiamente uno dei pezzi più riusciti del disco, assieme all'inno "Besa Mi Culo"... vero manifesto programmatico dell'Obus pensiero, da ascoltarsi fino in fondo e goderselo alla grande, per poi pigliare e scaricare senza rimorsi e rimpianti nella tazza del cesso tutta la merda che ci tocca ascoltare, andare poi al Pub con gli amici, mettersi a bere come tombini e poi cantare tutti in coro
TU, CABRON,
CIERRA TU BOCA
Y BESA MI CULO...
Ora e sempre Obus!!!
(Metal Mike - Gennaio 2004)

Voto: 8


Contatti:
Sito internet: http://www.obusnet.com/