OBDUKTION
Encounter In A Dream

Etichetta: NMC Music
Anno: 2002
Durata: 37 min
Genere: Death


E` la prima volta che mi capita fra le mani un disco underground greco: la prima cosa che mi e` venuta in mente ascoltando questo disco e` la poca originalita` che ne esce. D'accordo che un disco death metal non dovrebbe divagare molto dal filone principale, ma i gruppi che rimangono death fottutamente metal con una propria espressivita` sono parecchi. Ue', non voglio assolutamente denigrare questi Obduktion, ci mancherebbe altro! Fra l'altro questo e` il loro primo album, ma che arriva dall'esperienza di 8 anni con la stessa formazione e 3 demo all'attivo.
Il lavoro e` buono, le maggiori influenze che ci stanno dietro sono quelle dei DEATH dei vecchi tempi, dagli assoli graffianti e acutissimi ai riff centrali piu` "tranquilli" e tecnici. Questa aggressivita` e` alternata a brevissimi momenti di melodicita` portati avanti dal chitarraio solista, e tutto questo mi fa venire in mente gli Ammott con i loro lavori negli Arch Enemy.
A proposito di chitarristi, devo dire che mi e` piaciuto parecchio, in alcune canzoni, l'accostamento di una chitarra parecchio ribassata e di una normale e squillante: ottimo abbinamento!
Per un lavoro Death Metal mi sono meravigliato come non sia presente alcun pezzo di batteria ultratirato a manetta: la velocita` della parte ritmica e` portata avanti da un basso in continuo dududududuudududu, insomma, che sta fermo sulla stessa nota impazzendo; oppure in contiune scale avanti e indietro che in qualche occasione scaturiscono in brevi stacchi solistici.
Quello che riesce poco a convincermi e` il cantanto: il growl mi pare troppo anonimo, va bene in basso e gorgheggia bene, ma c'e` quel nonsoche che me lo rende anonimo.
Tutto sommato il lavoro e` buono, se siete alla ricerca di normale lavoro death metal, questo disco fa per voi.
(gg - Marzo 2003)

Voto: 7


Contatti:
Mail Obduktion: obduktor@yahoo.gr
Sito Metalfighters (distributore): http://www.truemetal.org/metalfighters/