NEURAXIS
A Passage Into Forlorn

Etichetta: Neoblast
Anno: 2001
Durata: 23 min
Genere: brutal death


"A Passage Into Forlorn" è il secondo album in studio dei Neuraxis, un gruppo canadese (del Quebec per la precisione) che suona del brutal death metal. La line-up del gruppo è la classica a 5 elementi (2 chitarre, basso, voce e batteria), e va fatto notare che il chitarrista Steven Henry è il proprietario della Neoblast, un'etichetta che cerca di promuovere i gruppi underground del Quebec.
Questo album non segue ciecamente i canoni del brutal, in quanto la voce è quasi sempre urlata in stile hardcore e raramente un growl basso, ed il suono delle chitarre inoltre non è ipercompresso e dai toni abbassati; la velocità d'esecuzione è molto alta, così come la violenza delle canzoni, e per questo mi sento di classificarlo come brutal. Le canzoni sono tutte sparate a manetta, anche se in un paio c'è pure spazio per degli stacchetti melodici, e l'ultima è un'outro semiacustica. La registrazione è molto buona, i suoni sono puliti e non perdono di potenza, e si riesce a seguire tutti gli strumenti senza fatica.
La confezione del CD è molto buona, l'artwork è curato e c'è un bel libretto a colori con testi, foto, e tutte le info del caso. Oltre alla parte audio c'è una sezione multimediale curatissima, con 4 video live, gli mp3 di tutte le 12 canzoni del precedente album "Imagery" (non le ho ancora sentite quindi non so come siano, però va fatto un plauso al gruppo per questa iniziativa), una marea di foto, informazioni e biografia del gruppo. Insomma, una sezione multimediale veramente succulenta.
In conclusione, l'album in sè non ha particolari difetti qualitativi, le canzoni sono tutte belle e suonate in maniera impeccabile. L'unico vero difetto è la durata, 23 minuti sono pochini anche per un album brutal. La scarsa durata e la difficile reperibilità (io l'ho comprato da un mailorder canadese, non credo proprio sia disponibile in Italia) sono gli ostacoli maggiori per l'acquisto di questo album. Se questi fatti non vi danno fastidio, provate pure a cercare quest'album. Certo non dice nulla di nuovo nel genere, certo non spicca per tecnica (ormai ci sono decine di gruppi brutal tecnicissimi), resta però un prodotto gradevole. Consigliato a chi vuole farsi una cultura sulla scena underground del Quebec, una delle migliori al mondo per quanto riguarda il death metal.
(teonzo - Maggio 2002)

Voto: 7


Contatti:
Sito Neuraxis: http://www.neoblast.com/neuraxis
Sito Neoblast: http://www.neoblast.com/