MUSTYWIG
[knowledge of another sun]

Etichetta: Blackfading Records / Alkemist Fanatix
Anno: 2008
Durata: 57 min
Genere: crossover / alternative rock


I Mustywig sono un gruppo provieniente da Napoli attivo dal 1996. Leggo che nel corso degli anni, sia per naturale evoluzione che a causa della variazione dei componenti del gruppo, la proposta musicale ha cambiato pi¨ volte direzione...
Conoscevo di nome la band ma non avevo mai ascoltato niente e quindi "[knowledge of another sun]" rappresenta per me il biglietto da vista dei Mustywig.
Leggendo qua e lÓ sul sito e la loro pagina MySpace ho visto che si sprecano i concerti dal vivo e che addirittura il gruppo si Ŕ fatto recentemente un giro negli Stati Uniti per promuovere la loro musica. Devo dire che ascoltando l'album pi¨ volte la devozione alla causa e l'estrema preparazione del gruppo vengono fuori e giÓ dopo poche note si ha l'impressione di trovarsi di fronte a un gruppo di un certo livello.
NOn basta ascoltare uno o due brani per capire "tutto" (sic!) dei Mustywig... la loro musica Ŕ fatta di sfumature, di arrangiamenti non usuali e di crescendo che "prendono" solo sulla lunga distanza e dopo svariati ascolti, anche se non mancano concessioni a certo rock da classifica nelle loro composizioni.
I Mustywig suonano come uno strano incrocio tra i Tool e certo rock altenativo americano, in linea di massima. Non mancano suggestioni di altro tipo nei vari pezzi, vedi certe reminescenze new wave (l'iniziale "The Conjury Of The Silence", ad esempio) o i suoni tipicamente elettronici di ""Project Blue Book".
Da un punto di vista strumentale ben poco c'Ŕ da dire, i musicisti sono molto preparati e anche il cantante, spesso nota meno curata e caratteristica in questo genere di produzioni, si rivela veramente bravo (in certe soluzioni riesce a ricordarmi il grandissimo Myles Kennedy di Mayfield Four/Alter Bridge, e scusate se Ŕ poco...).

Si passa tranquillamente da momenti pi¨ ricercati e d'atmosfera a canzoni abbastanza orecchiabili, in linea con certe cose attuali provenienti soprattutto da oltre oceano; anche in questi frangenti il gruppo mantiene comunque una certa personalitÓ e cerca di stare lontano da soluzioni banali o troppo risentite. Apprezzabile in quest'ottica il gusto dei musicisti, che hanno lavorano molto nella cura degli arrangiamenti, anche in sede compositiva; penso all'uso degli armonici da parte del bassista, o la moltitudine di suoni e colori usata nei vari pezzi da tutti gli strumentisti...

Insomma, dopo 50 minuti di ascolto possiamo dire sicuramente di avere a che fare con un gruppo di caratura internazionale. Magari non tutti i lettori di Shapeless apprezzeranno la proposta del quintetto campano, visto che qui siamo lontano dal metal tout court. Chi invece ama spaziare negli ascolti e non disdegna ibridi sonori possibilmente con una certa pesantezza (di suono) di fondo farebbe bene a segnarsi questo nome. I Mustywig sono una grande band.
Non me la sento di segnalare questo o quel brano, visto che raramente ci sono cadute qualitative, sia nelle racce pi¨ sperimentali che in quelle pi¨ ordinarie (sentire l'arrembante e ottima "Majestic-12"). Un album da ascoltare tutto d'un fiato nella sua varietÓ e nella sua bellezza.
(Linho - Marzo 2010)

Voto: 9


Contatti:
Mail Mustywig: info@mustywig.net
Sito Mustywig: http://www.mustywig.net/

Sito Alkemist Fanatix: http://www.alkemist-fanatix.com/