MÍRKER
Höstmakter

Etichetta: Northern Silence Productions
Anno: 2008
Durata: 49 min
Genere: black metal


I Mörker nascono in Svezia nel 2004 e la line-up Ŕ cosý composta: Ascaroth alla voce, Larssa alle tastiere e Grimner che si occupa della chitarra e del basso. Nel 2005 rilasciano un demo intitolato "Den Sista Utfärden" riprodotto poi come MCD dalla Northern Silence Productions. Tale demo verrÓ poi anche aggiunto nello split con i norvegesi Draugsang. Si avvalgono poi della collaborazione di Niklas Pelli dietro le pelli, manco a farlo apposta. Nel 2006 esce il nuovo album intitolato "Skuggornas Rike". Ed ora dunque, in questo 2008, Ŕ uscito "Höstmakter", masterizzato da Necromorbus.L'album Ŕ uscito in formato gatefold-LP in 500 copie,in vinile in 200 copie ei versione A5 digibook in 1000 copie, oltre alla normale versione in cd.
Ben dodici le tracce per questo "Höstmakter", partiamo dunque con la prima traccia col botto. "I Flodens Forsande Brus" ha una partenza arrembante con chitarre sparate, per arrivare ad una chitarra pi¨ tranquilla che introduce il ritornello melodico e deciso, molto bello da ascoltare, accompagnato anche dal pianoforte. ╚ una traccia che sicuramente guarda alle forme pi¨ recenti di black metal, dal sapore maggiormente melodico, tranne che nella parte iniziale. Buona la sezione ritmica, vocals adeguate e chitarre che fanno davvero un buon lavoro.
"Segertåg" comincia con il pianoforte che risulterÓ sempre presente, supportato dalla chitarra che snocciola riffs veloci ma non ripettivi fino allo stremo come spesso accade nel black. Bellissimo il rallentamento di chitarra che introduce la parte centrale per ripartire con decisione per frammentarsi in poche note con la tastiera sullo sfondo. Anche questa traccia risulta molto melodica in pi¨ punti.
Pi¨ "cattiva" Ŕ l'intro di "Mitt Arv". I riffs qui si susseguono veloci e desolati, che danno pi¨ un senso di oppressione. Soprattutto nella lentezza della parte centrale con un qualcosa di simile ad un assolo e riprendendo quello che poi Ŕ il riff principale, deciso. Ripartenza a tutta velocitÓ per il finale davvero cavalcante, batteria e chitarra fanno a gara a chi viaggia di pi¨.
Note acustiche per aprire "Dödsångest", con alternanza di distorsione e acustica, fino a dar maggior vigore alla distorsione. Questa traccia Ŕ in linea con molte delle ultime uscite, un po' Dark Funeral un po' Blodsrit. I Mörker fanno un sapiente uso dei cambi di tempo, alternando momenti potenti e vigorosi con altri pi¨ lenti ma ugualmente carichi di energia.
Quinta traccia brevissima: "Dödens Visa" Ŕ una strumentale di sole chitarre acustiche, messa a stemperare un po' la frenesia che si era accumulata nelle tracce precedenti.
Dopo aver lasciato questo intermezzo acustico si riparte con "Djupa Spår Av Tvivel", con riffs veloci e avvincenti dal gusto epic a dire il vero, potrebbero essere tranquillamente suonati anche dagli Ensiferum per intenderci. La velocitÓ contraddistingue questa traccia, melodica anch'essa, davvero ben suonata. Una buona traccia che esula dal contesto dato che di black ha ben poco.
"I Kamp Mellan Liv och Död" ha una forte presenza di pianoforte che ricorda i tempi di "Stormblast". Anche questa canzone Ŕ molto ispirata, molto ben eseguiti i riffs, snocciolati con velocitÓ ma anche con maestria. Il songwriting Ŕ davvero buono, niente Ŕ banale, davvero piacevole da ascoltare.
"Undergången" Ŕ ancora una traccia composta da chitarre acustiche leggermente pi¨ lunga della precedente, di cui non si pu˛ dire molto.
"Själen Vandrar Sin Egen Väg" ha un inizio veloce, con riffs che si susseguono rapidi e di pura scuola svedese. Cambi di tempo azzeccati e rallentamento centrale acustico, con ripartenza veloce riprendendo i riff iniziali. Questa Ŕ giÓ pi¨ una traccia black di stampo svedese rispetto alle altre, grazie soprattutto all'incisivitÓ e ripetitivitÓ della chitarra.
Altra strumentale "Falk". Stavolta oltre alla chitarra acustica si affacciano anche gli altri strumenti. Bella e triste melodia intonata per questa occasione.
Come ci hanno abituato, dopo la strumentale si ritorna alle tempeste elettriche della title track, lunga ben sei minuti. Ritmo medio, con riffs dai toni bassi e dal carattere freddo. Anche qui si ripetono spesso ma non hanno quel minimalismo che contraddistingue un riff black. Ben ideata, ha un carattere avvincente e coinvolgente. Soprattutto nel finale si raggiunge un picco nel songwriting che molti gruppi invidierebbero.
Chiusura perfetta con "När Allt Är Över...", ultima strumentale del disco ed anche la pi¨ lunga. Inizio lento di chitarra con pochi colpi di tamburo a scandire il tempo. Ritmo che si mantiene costantemente lento, con una melodia malinconica in sottofondo davvero ben studiata. Finale in dissolvenza per questa traccia e per il disco.
Che dire, qui si parla di un disco straordinario, ogni traccia Ŕ eccellente, studiata nei minimi particolari e con un songwriting davvero ispiratissimo. Non si riescono a trovare difetti evidenti tranne che nel concetto: i fans pi¨ sfegatati del cosiddetto "black metal old school" lo getteranno dalla finestra perchŔ si sente molta melodia nelle dodici tracce. Melodia che non guasta affatto invece, e dÓ un tocco di personalitÓ in pi¨ a questi Mörker. La tastiera non Ŕ sempre in evidenza ma quando c'Ŕ si fa sentire con piacere. Il tutto perfettamente supportato dall'ottima produzione, ogni singola nota si sente chiara e forte senza sbavature. La copertina invece rappresenta una foresta al tramonto, al cui centro campeggia il logo del gruppo. Davvero un'ottimauscita per la Northern Silence, che ha prodotto un album fantastico. Consigliato a tutti i fan del metal estremo, non solo ai blacksters pi¨ avanguardisti ed aperti, poichÚ (non vorrei sbagliarmi) ma sembra di ascoltare anche passaggi di altri generi, viking e epic su tutti, quindi se i fans di questi generi sono di larghe vedute allora possono benissimo acquistarlo. Sconsigliatissimo invece ai fans dell'old school, al cui ascolto potrebbe venire un infarto, ma ci˛ non toglie affatto che "Höstmakter" sia un album di qualitÓ superiore alla media.
(Kaiser Zar Luka - Dicembre 2008)

Voto: 8.5


Contatti:
Mail M÷rker: morker@gmail.com
Sito M÷rker: http://www.morker.se/

Sito Northern Silence Productions: http://www.northern-silence.de/