IRREVERENCE
War Was Won

Etichetta: Andromeda / On Dead Sound Agency
Anno: 2005
Durata: 35 min
Genere: thrash metal


Da Milano, ecco gli Irreverence. Li abbiamo già incontrati sulle pagine di Shapeless, in occasione della recensione del MCD "Target: Hate". In tale occasione, il nostro recensore ed ex capo Teonzo aveva pure tracciato qualche breve nota biografica, alle quali rimandoil lettore. In questa sede posso comunque scrivere che, dopo la pubblicazione di questo MCD, gli Irreverence si sono distinti per una presenza sul palco quasi stakanovista. Alcune di queste date si sono rivelate particolarmente stimolanti, come quelle con i Tankard ed i Carnal Forge, o le esperienze al Metal Camp 2005 o al Titan Of Thrash.
Passati sotto contratto con la On Dead Sound Agency, i musicisti hanno pubblicato "War Was Won". Ad esso sono seguiti tour di supporto in patria ed all'estero.
Attualmente gli Irreverence sono liberi da contratto, dato che il rapporto con la On Dead Sound si è interrotto, e sono in possesso di nuovo materiale che presto dovrebbe concretizzarsi in una nuova release, sempre a base di thrash puro ovviamente.
"War Was Won" non è quindi un'uscita freschissima, essendo stata pubblicata nel 2005, ma è comunque un bene parlarne. Non è che i dischi esauriscano il loro potenziale negli attimi immediatamente successivi alla pubblicazione, no? Eheh!
Dietro la copertina minacciosa si trova un libretto professionale di dodici pagine, ben stampate e ricche di testi e fotografie. La formazione che ha inciso il CD vede Riccardo Paioro alla voce ed alla chitarra, Luca Colombo all'altra chitarra, Davide Firinu alla batteria e Mauro Passiatore al basso.
Thrash senza compromessi, dunque. La musica degli Irreverence reca incisa su di sè i segni lasciati dalla storia di questo sottogenere del metal: sono infatti riscontrabili una pluralità di influenze, ed a seconda dei passaggi possono venire alla mente paragoni con questo o quell'altro gruppo. Non si contano i richiami al thrash europeo, con la scena tedesca in prima linea, ma non passa certo in secondo piano l'esempio inevitabile della Bay Area nonchè le derive più tarde del genere. Non bisogna nemmeno dimenticare il contributo di certo death/thrash melodico che ha fatto furore negli anni '90. Insomma, gli Irreverence hanno preso da più parti, ed hanno cercato di tradurre questi insegnamenti secondo la propria sensibilità artistica.
Il risultato, come appena scritto, è un thrash metal tagliente, aggressivo e spietato. Nel corso delle dieci tracce che compongono questo CD, l'ascoltatore non può che lasciarsi andare al più sentito degli headbanging, mentre cascate di riff e continui cambi di tempo iniettano adrenalina pura nelle sue vene. Non ci sono rallentamenti di sorta, cali di tensione, no. L'assalto è continuo, irrefrenabile, e cavalca l'impeto dell'astio: un astio contro una società sbagliata, nutrita dall'odio e dalla violenza. Leggendo i testi mentre si ascolta la musica, si scopre come le parole scritte da Riccardo siano veritiere e convincenti. E' travolgente leggere frasi come: "I know / Live by my own rules / Loser / Stronger than you / Terrorizer / I'm a loaded bomb / Can kill a man without a shot" mentre le chitarre si inseguono l'una con l'altra, e basso e batteria sorreggono il tutto con tanta grinta! Grinta e sudore, passione ed amore per un determinato genere musicale: ecco cosa trasuda mentre trascorrono i minuti, ed il CD snocciola valide composizioni quali "State Of Threat", "Dregs Of Society", la title-track, "Neverending Life" o "In The Chaos".
Mauro e Luca formano una sezione ritmica di tutto rispetto, che non perde un colpo ma mantiene alto il tiro, in ogni frangente. Le chitarre di Riccardo e Davide si dimostrano abili a tessere trame interessanti, forse un po' derivative, ma il gusto degli arrangiamenti non si discute.
"War Was Won" è un CD molto ben realizzato, che riesce a comunicare agli appassionati quelle sensazioni che solo il thrash metal è in grado di evocare. Non si tratta di una pietra miliare del metal, però è un'uscita solida, realizzata con criterio ed intelligenza. La buona produzione di Harris Johns e del Music Lab di Berlino è riuscita a trovare la dimensione ideale per la musica di questi coriacei milanesi, bilanciando alla perfezione pesantezza ed agilità.
In caso amiaste il thrash nudo e crudo, e siate stufi delle ultime uscite spurie e poco sincere, rivolgetevi agli Irreverence. Non ne resterete delusi!
(Hellvis - Maggio 2007)

Voto: 7.5


Contatti:
Riccardo Paioro
Via Cucchiari 12
20122 Milano
ITALY
Mail Irreverence: thrash@irrevernce.it
Sito Irreverence: http://www.irreverence.it/

Sito On Dead Sound Agency: http://www.ondeadsound.com/

Sito Andromeda: http://www.andromedadischi.it/