INFERNAL ANGELS
Shining Evil Light

Etichetta: Officina Rock
Anno: 2006
Durata: 46 min
Genere: black metal con parti sinfoniche e acustiche


Gli Infernal Angels di "Shining Evil Light" sono un gruppo profondamente diverso da quello che avevo recensito ai dempi del loro secondo demo "Vigilia Secunda". Rimpiazzati Prince Of Tears, Phobos e Deimos, e privati della cantante Katia (ovvero i 4/5 della line up di allora), Xes e i nuovi compagni hanno mutato inevitabilmente lo stile della band, colmando quelle che erano le loro lacune più gravi.
L'album di debutto degli Infernal Angels contiene nove canzoni molto più mature e, per certi versi, decisamente più vicine al black metal propriamente inteso, rispetto al demo precedente. Detto questo, apro subito una parentesi. Su "Shining Evil Light" convivono elementi black metal, orchestrazioni e numerosissime parti acustiche arpeggiate. Dunque non stiamo parlando di black metal crudo, rabbioso e grezzo, però va sottolineata l'assenza di quegli elementi estranei al genere, provenienti ad esempio dal death melodico, che invece avevano caratterizzato qualche loro canzone in passato, e sono spariti anche gli assoli.
Fatta questa precisazione, andiamo ad analizzare l'album in dettaglio.
Come detto, non si tratta di musica imperniata sulla violenza: ci sono dei momenti in cui le ritmiche sono sì sostenute, anche se mai esasperate, ma anche frequenti aperture acustiche. Nel complesso le canzoni risultano d'atmosfera, a tratti orrifiche, altre volte un po' teatrali, in particolare quando sopraggiungono le orchestrazioni, nonostante alcune accelerazioni esplodano di prepotenza, improvvise. In genere la musica rimbalza continuamente tra questi due modi di esprimersi. Questo potrebbe essere un primo limite da considerare, visto che tutti i brani o quasi risultano così vincolati, senza possibilità di variare. Inoltre non ci sono brani particolarmente diretti, dacché vengono sempre in qualche modo smorzati dal continuo susseguirsi di break acustici, oscuri, sinistri. D'accordo suonare qualche canzone interamente cadenzata, ma un album intero alla lunga rischia di stancare, visto e considerato la poca originalità negli arpeggi e l'assenza di variazioni sostanziali. Su un album di black metal ortodosso sarebbe sciocco avanzare una critica del genere, ma avendo a che fare con brani tutto sommato vari ed articolati, qualche spunto singolare non avrebbe guastato.
Ci sono altri dettagli da sistemare: non mi sono piaciute, ad esempio, le voci sussurrate (nella title-track e su "Endtime Divine") e, peggio ancora, quelle ribassate in stile Cradle Of Filth (su "Palace Of Silence"), che proprio non riescono a dirmi nulla. Si potrebbero accantonare alcuni riff eccessivamente derivativi e magari evitare di ripetere più volte lo stesso break all'interno delle canzoni. La prima volta fa un effetto, la seconda lo si conosce già e risulta noioso se lo si ripete inalterato da cima a fondo.
"Shining Evil Light" piacerà a chi ascolta black metal sinfonico non particolarmente aggressivo, oppure a chi si sta addentrando pian piano verso questo genere e non riesce ancora a digerire produzioni sporche, riff scarni e minimali e via dicendo. La registrazione, infatti, non è di quelle insopportabili, anche se molti aspetti sono da rivedere. Belli i suoni della chitarra acustica, discreti quelli delle elettriche, sia puliti che distorti, mentre la batteria è da rivedere, troppo impostata su frequenze alte che fanno perdere profondità al suono. Per il futuro consiglio di non utilizzare i trigger e puntare ad ottenere un suono il più naturale possibile, anche a costo di sacrificarne in parte la nitidezza. Sono certo che si accompagnerebbe molto meglio alle chitarre nei frangenti melodici.
Segnalo, infine, la presenza della cover di "At The Heart Of Winter" degli Immortal, senza dubbio una scelta indovinata.
Se siete interessati all'acquisto, tenete a mente che le prime 333 copie sono numerate a mano.
(BRN - Maggio 2007)

Voto: 6


Contatti:
Mail Infernal Angels: infernalangels@supereva.it
Sito Infernal Angels: http://www.infernalangels.org/

Sito Officina Rock: http://www.officinarock.it/