HAULIN'ASS
Towards Which Future

Etichetta: Vacation House Soulcraft Recordings
Anno: 2009
Durata: 28 min
Genere: hardcore ibridato con altri generi


Gli Haulin'Ass si sono formati nel 1999. Nel corso della loro carriera, questi piacentini hanno pubblicato un demo ("Haulin'Ass", 2001), l'autoproduzione "Get Some Stress" (2004) ed hanno partecipato a svariate compilation. Inoltre, il gruppo si sempre dimostrato molto attivo sul palco, accompagnando anche band di una certa fama.
A dieci anni dalla loro nascita, gli Haulin'Ass hanno esordito finalmente su full-length con questo "Towards Which Future", pubblicato dalla Vacation House. Tale album stato registrato nella primavera del 2008, presso l'Elfo Studio di Piacenza, e masterizzato all'Oasis Mastering Studio di Santa Barbara, USA. La formazione che ha inciso questo CD vede Pietro Corvi alla batteria, Francesco Panelli al basso, Giosu Cremonesi e Marcello Marchesini alle chitarre ed Alberto Fontanella alla voce.
"Towards Which Future" composto da dodici tracce, per meno di mezzora di musica. L'album un concept, e le composizioni sono divise in tre capitoli, il primo e l'ultimo costituiti da tre brani l'uno, e quello centrale da sei.
La copertina a colori, ma il bianco dello sfondo domina su tutto. Si vede una mosca in primo piano, ed il ronzio di questo insetto caratterizza anche l'introduzione del CD. Il libretto, di dodici pagine, contiene tutti i testi (in italiano ed in inglese), alcune foto e le informazioni riguardanti la formazione degli Haulin'Ass e la registrazione.
Sia nel sito del gruppo, sia nel foglietto informativo allegato al promo, ho notato una certa insistenza su un concetto: gli Haulin'Ass suonano hardcore, ma un hardcore fuori dagli schemi. Non posso che dichiararmi d'accordo con questo, dopo aver ascoltato "Towards Which Future". La musica contenuta nel CD mantiene s un legame con l'hardcore propriamente detto, ma troppo ibridato con altri generi (metal in primis, ma anche crossover, o rock in generale) per poter essere considerato come un esempio tradizionale del genere. Al tempo stesso, ho ritenuto che etichettare questa musica come "metalcore" potesse essere fuorviante, vista l'accezione che questo termine ha assunto al giorno d'oggi. Inoltre la componente hardcore dominante. Comunque sia, ascoltando queste dodici composizioni, si nota come il quintetto abbia voluto liberarsi dagli schemi, sperimentando ed azzardando soluzioni curiose.
Purtroppo, i risultati si sono rivelati altalentanti. Spesso, la musica degli Haulin'Ass non riesce ad essere cos personale come, presumo, gli artisti vorrebbero. Cito due esempi pratici, le canzoni "Knots To The Comb" e "Liar". In esse, il gruppo ha tentato di staccarsi di parecchio da ci che viene comunemente considerato hardcore. Peccato per che, nel far questo, sia caduto dalla padella alla brace, per cos dire. Infatti, si liberato dai legami del hardcore per finire incatenato da altre influenze, nella fattispecie quella ingombrantissima dei System Of A Down. Ecco, l'influenza del gruppo americano presente in quasi tutte le composizioni, e limita fortemente il potenziale creativo dei nostri. Infatti, l'hardcore non convenzionale di "Towards Which Future", pu essere considerato semplicemente come un misto tra l'hardcore propriamente detto ed i System Of A Down. La cosa palesata ancora di pi dal modo nel quale il cantante interpreta le sezioni pi melodiche: se in genere Alberto strilla come un ossesso, quando vuole intonare delle melodie adotta uno stile che ricorda moltissimo quello enfatico di Serj Tankian. Non solo. Le melodie stesse ricordano quelle particolarissime dei System Of A Down, e la cosa in questo caso ancor pi sospetta. L'origine armena degli artisti americani giustifica la scelta di determinate melodie; nel caso degli Haulin'Ass, l'utilizzo di tali melodie e vocalizzi una conseguenza della forte influenza che i System Of A Down hanno avuto su di loro.
Proprio per questo motivo, ho preferito le composizioni pi schiettamente hardcore. Almeno, ci si pu rifare ad un influenza generica, e non ad un gruppo ben definito. Ecco quindi che canzoni come "Burning The Core" oppure "Pretty Conspiracy", ma anche "Lei Regina" o il rock'n'roll potenziato di "Bornfreak" risultano decisamente pi appetibili al mio palato.
Tecnicamente, il quintetto molto preparato. L'arrangiamento dei brani davvero curato, e l'attenzione al particolare professionale, anche se il gruppo non si negato qualche sprazzo di istinto. Gli Haulin'Ass sono molto potenti, e lo studio di registrazione riuscito a ricreare un impatto quasi live. Caratteristico, il loro approccio nervoso al hardcore: ci sono molti stacchi, molte pause velocissime. Insomma, qualcosa di particolare e personale c' nella loro musica. Ma questo qualcosa ancora a livello di potenziale. Ed un peccato questo, anche perch il gruppo in giro da dieci anni. A parer mio, "Towards Which Future" dovrebbe chiudere un capitolo artistico dei piacentini, per aprirne un altro. Il gruppo dovrebbe ritornare alle radici (hardcore), azzerare le sue influenze pi evidenti (System Of A Down), e ripartire cercando di non richiamarsi ad un gruppo, quanto piuttosto di rifarsi a tutta una serie di realt musicali, che rendano pi ricca e non pi povera la loro proposta musicale. Secondo me, come ho scritto, il potenziale c'. Quindi, coraggio ragazzi, al lavoro!
(Hellvis - Aprile 2010)

Voto: 6.5


Contatti:
Mail Haulin'Ass: info@haulinass.it
Sito Haulin'Ass: http://www.haulinass.it/

Sito Vacation House Soulcraft Recordings: http://www.vacationhouserecords.com/