EXIT TO EDEN
From The Other Side

Etichetta: Transwaved
Anno: 2010
Durata: 40 min
Genere: dark rock


Come forse avrete notato da tempo, cari lettori di Shapeless, la nostra webzine si occupa con una frequenza sempre maggiore, rispetto agli esordi "integralisti", di stili musicali non strettamene attinenti al genere metal. Questo per tanti motivi, personali ma anche funzionali. Infatti, volendo recensire tutto il materiale che ci viene inviato, sovente in passato ci siamo trovati di fronte a pubblicazioni del tutto aliene al nostro genere preferito. I buoni riscontri ottenuti sia dai gruppi e dalle agenzie che hanno confidato in noi nonostante fossimo (e tuttora siamo) una webzine metal, ci hanno spinti a rivedere il nostro Manifesto, ed a favorire questa tendenza. Anche perchè voi, cari lettori, ci avete confortato in tal senso. Rimanendo quindi fedeli alle nostre origini, abbiamo ampliato il nostro campo d'indagine. E questo ha comportato, nel tempo, una maggiore quantità di arrivi talvolta anche lontanissimi, come musica, dal metal.
Così, anche l'etichetta austriaca Transwaved è tornata ad interessarsi a noi, inviandoci il bel digipack di un gruppo suo conterraneo, gli Exit To Eden. La copertina, dai colori caldi tendenti all'ocra, ritrae un paesaggio mediorientale con tante croci che fanno capolino dalle colline. In primo piano, un uomo -probabilmente il Cristo- porta una croce sulle spalle. Il libretto, di otto pagine, contiene tutti i testi (in inglese), le foto dei musicisti (vestiti in maniera impeccabile) e le informazioni relative alle registrazioni ed altro. Si scopre così che "From The Other Side" (ecco il titolo dell'album), è stato registrato negli studi Transwaved nel 2009. La formazione che ha inciso il CD vede RadoMir alla voce, David alle chitarre, Inschi al basso e Werner alla batteria.
Ma chi sono questi Exit To Eden? Si trata di un gruppo che ha pubblicato già due demo, "Under The Sky" e "Holy Love", ed ha partecipato anche ad una compilation, "New Dark Age Vol. 1". "From The Other Side" è il disco d'esordio di questo combo, i cui testi riflettono un universo oscuro, popolato di persone strane e deviate, un mondo schizofrenico e pessimista così tanto simile al nostro.
E stilisticamente, che musica suonano gli Exit To Eden? Beh, principalmente dark. Dark, o gothic rock in caso preferiste definirlo così. Si tratta di una musica fortemente influenzata dai grandi nomi del dark ottantiano (The Cure, Bauhaus, Joy Division, Siouxsie And The Banshees), che però si concede talvolta anche qualche virata verso territori più schiettamene rock, o punk e -perchè no- in minima parte anche metal.
Che il termine principale di riferimento per la loro musica sia il dark, questo è poco ma sicuro. La scelta dei timbri, il pulsare ostinato e semplice del basso, le ritmiche vigorose ma mai eccessivamente potenti, i vocalizzi puliti e severi, tutte queste cose ne portano impresso il marchio indelebile. "Sarah", la traccia d'apertura e dalla quale è anche stato tratto un video, è molto indicativa in tal senso. Un po' Bauhaus, un po' The Cure, il tutto modernizzato e con un suono al passo coi tempi.
In realtà, come ho scritto in precedenza, lo stile degli Exit To Eden è anche aperto ad iniziative musicali un po' fuori dalla consueta piastrella. Mi viene in mente "Acting Like A Child", il cui piglio ironico e sfacciato, la cui linearità e il cui dinamismo mi hanno ricordato i Judas Priest dei primi anni '80. Anche il cantante sembra imitare, a suo modo, certi vezzi vocali di Halford (occhio, senza acuti ovviamente).
Nel suo complesso, comunque, "From The Other Side" è un lavoro apprezzabile e vivace, di facilissima fruibilità. L'immaginario nero del gruppo potebbe attirargli dei fan anche dai seguaci del cosidetto horror-punk. Resta però il fatto che gli Exit To Eden siano riusciti a dar corpo alla loro ispirazione, realizzando un disco abbastanza omogeneo, ma aperto a soluzioni melodiche impreviste. La canzoni si stampano in testa sin dal primo ascolto, e questa è una cosa positiva. Non si può indicare quale canzone sia migliore delle altre: sono tutte allo stesso livello. Tanto per fare tre titoli, comunque, indicherei "Sarah", "Pretty Jack" e "Tears Of Torture".
Per il resto, non c'è molto altro da scrivere. Gli Exit To Eden sanno il fatto loro. Talvolta sono forse un po' troppo derivativi, e non hanno la minima paura nel palesare le proprie influenze. Però, ogni tanto un disco come questo "From The Other Side" fa bene. Veloce, diretto, senza tante complicazioni. Cupo quanto basta. Un po' nostalgico.
Un lavoro non eccezionale, ma piuttosto piacevole.
(EGr - Settembre 2010)

Voto: 7


Contatti:
Mail Exit To Eden: contact@exittoeden.at
Sito Exit To Eden: http://www.eittoeden.at/

Sito Transwaved: http://www.transwaved.net/