EMANCER
The Menace Within

Etichetta: Golden Lake Productions
Anno: 2004
Durata: 53 min
Genere: black metal


...E la primavera avanza, e nonostante tutto mi sento incredibilmente in forma! Non che stia proprio bene bene, ma un po' meglio, un po' in risalita mi ci sento. E la salita è dura, però, altro che la discesa. E quindi festeggio, con del malsano vecchio black metal!!
Beh, in realtà malsano è proprio una parola inadeguata per presentarvi questo "The Menace Within", nuovo album dei norvegesi Emancer, che ho già avuto modo di insultare in passato quando mi passò tra le mani il loro precedente album "Invisible".
E la prima sorpresa è che quest'altro album mi è piaciuto. Cioè, non che mi abbia fatto strappare i capelli dall'entusiasmo, ma ha funzionato a sufficienza dal farmi dire a qualche amichetto cose tipo "Ehi, m'è capitato sto disco degli Emancer che non è niente male". Per sentirmi dire "Ma che cazzo dici?! Gli Emancer fanno cagare!!". Mah... Non saprei che dire, ma andiamo per gradi. Iniziamo con le presentazioni. Gli Emancer sono due e mezzo: Mithrin, che ha scritto qualche testo e tutte le musiche, ed ha suonato tutti gli strumenti (basso, chitarre, tastiera, batteria elettronica programmata...); Gorbag, che sbraita; Helstein, che ha dato una mano solo per le voci pulite ed ha scritto qualche testo, e non viene considerato (non da me, ma dalla band!) un membro effettivo degli Emancer.
Prima dicevo che il termine 'malsano' proprio non si addice a questo disco... E lo dicevo perché "The Menace Within" è uno di quegli album di black metal asettico e moderno, più vicino alle ultime produzioni 'evil metal' di Satyricon & co. che alle ragnatele andate a male dei dischi dei DarkThrone (anche se, sorprendentemente, sia Satyricon che DarkThrone hanno appena sfornato degli album che suonano più rock che black!...). Poi pure 'black metal' sarebbe una parola grossa, perché vuol dire un po' tutto e niente... Un po' come il black metal degli Emancer: un po' tutto e un po' niente. Ci sono dei momenti che ricordano palesemente gli Emperor, degli altri più vicini a Satyricon ed Immortal. Ci sono arrangiamenti ricchi di parti melodiche, tastierone, voci pulite, chitarre acustiche... Tant'è che c'è chi ha usato il termine 'avant-garde' per definire meglio il black suonato dagli Emancer. Io non mi trovo molto d'accordo: sento molto distante il genio dei DødHeimsGard, per esempio... Semmai avrei usato la definizione 'progressive', ma visto che detto da me sembra un insulto, ho preferito evitare.
Però non posso negare che in alcuni brani un tocco di 'mentalità prog' c'è. Dettagli? Dettagli! Registrazione potente e pulita. Anzi, più pulita che potente. Giusto la voce suona parecchio abrasiva. Parecchi inserti elettronici e voci filtrate (se pulite). Testi apparentemente intelligenti ed originali, forse scritti in un inglese più convinto che corretto. Il brano d'apertura "Enter Goddamned CNS" è rapido e gustoso, con qualche melodia tastieristica di troppo, ma ste tastiere infestano tutto il disco, c'è poco da discutere... "Volatile Winter" è un brano molto vario (e bello) che reca in seno un po' tutti i cliché del black metal intelligente... "Disfigured Divinity" cela una melodia presa dalla colonna sonora di "Last Ninja 2" (almeno questo recita il booklet del disco)... "Enticing Defeat" è un altro bel pezzo con un simpatico riff mid-tempo bello aggressivo ma, indovinate un po' quale elemento accorre tosto a rovinare tutto? Bravi, le tastiere.
Alla fin della fiera, ridando un'occhiata a quanto ho scritto sembra che dia ragione al mio amichetto (quello che diceva: "Ma che cazzo dici?! Gli Emancer fanno cagare!!"), ma non è così. Certo, di ingenuità in questo disco ce ne sono parecchie (come dicevo, gli Emancer non sono i DødHeimsGard), però dal mio punto di vista ci sono stati passi da gigante. Questo disco non so se consigliarvelo, ma se gli Emancer continuassero per questa strada, vi consiglierei il loro prossimo album!
(MoonFish - Maggio 2006)

Voto: 7


Contatti:
Mail Emancer: hartvigs@stud.ntnu.no
Sito Emancer: http://www.emanceronline.com/

Sito Golden Lake Productions: http://www.goldenlakeprods.co.uk/