ELJUDNER
Daudingekvider (MCD)

Etichetta: Northern Silence Productions
Anno: 2005
Durata: 29 min
Genere: black metal


Eljudner è un gruppo norvegese la cui formazione risale all'estate del 2005, da un'idea di Rhafnhugr. Ispirato dal black metal norvegese dei primi anni 90, l'artista scrisse dei brani che nel 2003 portarono alla realizzazione di un promo. A quel tempo i membri erano Vanir alla voce, Rhafnhugr alle chitarre, Skogskjelv al basso e Arnis alla batteria. Quella testimonianza fu recensita molto bene così che decisero di realizzare un 7" con l'etichetta tedesca Northern Silence Productions. Le cose andarono poi diversamente, infatti il 7" mutò in MCD e Arnis lasciò la formazione prima che la sua registrazione fosse completata. Dopo qualche mese di inattività, un nuovo membro, Sadist, registrò la batteria aprendo così nuovi orizzonti!
Prima di descrivere la musica, come è mio solito fare, spenderò due parole per l'artwork visto che l'unica cosa decifrabile è uno stemma di un lupo che regge un'ascia! Il resto lascia spazio all'immaginazione: il logo è chiaramente incomprensibile ed il paesaggio boschivo si perde tra sfumature grigie e nere. Tutto qui.
Detto ciò posso passare all'analisi musicale dei brani. Il MCD è composto da sei tracce tutte allo stesso livello di godimento! La prima traccia, "Liivet Af Mig Render" ,apre l'avventura dell'ascoltatore in maniera possente, nello stile dei DarkThrone sullo stile di "Total Death" (un punto di partenza e un punto d'arrivo)! E' composto da riff irascibili e bellicosi che si alternano tra voci furenti e cori ombrosi! Dal secondo brano si incomincia a sentire con maggiore evidenza un approccio epico in grado di fondersi tra lo stile dei Satyricon in "The Shadowthrone" ed il freddo tenebrore dei sopra citati DarkThrone. La fusione è azzeccata e produce un buon risultato, infatti il pezzo risulta atmosferico e praticamente impeccabile, caratterizzato da tempi ritualistici e da attacchi frontali. A mio parere, se ci fossero stati degli accenni di tastiere sarebbe stato un bijoux! In "Svartgaldr", la batteria sembra galoppare tra le armature dei soldati caduti; il brano cozza sugli stessi giri di chitarre, ma d'altronde in una battaglia c'è poco da fare!!! "Der Hammer Og Kors Møtes" è un brano dai tempi lenti, ideale per essere narrato, e si differenzia dagli altri proprio per la sua eccessiva staticità: poteva anche essere ridotto vista la durata, ma credo che la sua funzione sia proprio quella di spartiacque tra gli altri brani. "Dødsvigd" si apre con un arpeggio cavalleresco ed è caratterizzato da stacchi thrash e dai tempi militari. L'unica pecca, secondo me, sono gli assoli epici di chitarra che ritornano insistentemente nel corso del brano rendendolo poco sinistro, ma tutto sommato è una composizione ricca di cambi in grado di suscitare ambientazioni diverse. L'ultimo brano, "Gardmillom", è stato strutturato come il precedente, ma con arpeggi e giri più minacciosi e danzanti! Incisiva la voce barbarica di Vanir in grado di evocare una plumbea battaglia! Non c'è male!
Tirando le somme siamo in presenza di un MCD registrato molto bene, piacevole, facile da ascoltare e che prosegue lineare e compatto verso la meta! È venduto al prezzo di 13 euro e può essere ordinato dalla Northern Silence Productions o direttamente al gruppo.
(Garzaroth1348 - Ottobre 2005)

Voto: 7.5


Contatti:
Mail Eljudner: eljudner@gmail.com
Sito Eljudner: http://www.eljudner.com/

Sito Northern Silence Productions: http://www.northern-silence.de/