BOON
Beauty Is A Sign Of Weakness

Etichetta: Burnside Records
Anno: 2006
Durata: 72 min
Genere: heavy/thrash metal


Gli austriaci Boon vantano nella propria discografia tre CD autoprodotti e la partecipazione in ben cinque compilation varie. Come dice la biografia, i quattro austriaci propongono una miscela di vari generi che li porta ad avere una larga cerchia di fan che vanno dal metal ottantiano al death.
Beh, tecnicamente dovrebbe essere così, ma i nostri ci riescono in parte, perché già dal primo ascolto si nota una scarsissima amalgama tra i più generi proposti, con il risultato di creare un lavoro un po' pesante da ascoltare.
La opener "Disgrace" è una classica bordata di thrash svedese che mi ha ricordato un sacco i nostrani Node; un ottimo pezzo senza dubbio, dal gran tiro, ottimo per aprire il disco.
Però già la successiva "Operation Mindfuck", che dal titolo richiama i Queensrÿche, perde non poco di mordente, forse per la troppa melodia che secondo me risulta un po' fuori luogo.
Poi troviamo pezzi come "Used To Live A Lie" e "Neon Horizon", forse tra i migliori del disco, in cui la vena moderna salta fuori strizzando l'occhio, con le dovute proporzioni, a Meshuggah e Nevermore.
Un pezzo come la ballad "Sun", penultimo pezzo dalle forti tinte hard rock, per me poteva essere anche evitato, visto che non c'entra molto col resto del disco.
Insomma, il problema principale è quello: anche dopo molti ascolti è difficile definire lo stile dei nostri, se cambiassero un po' i suoni da canzone a canzone sembrerebbe quasi una compilation...
Per il resto come sound ci troviamo delle chitarre ribassate, moderne, ma un po' caotiche, un basso un po' assente ma un'ottima batteria. La voce del cantante invece può ricordare molto Darren Travis dei Sadus, ma anche Daniel Botti dei Node.
In definitiva il problema principale del disco è quello, la mancanza di amalgama. Ogni tanto salta fuori un riff o un passaggio molto interessante, ma non sempre è messo in evidenza nel modo giusto e si perde un po' nel 'pastone'.
Come voto siamo sulla sufficienza, ma potrebbero fare molto di più, le idee ci sono e vanno amalgamate bene.
Speriamo che per il prossimo lavoro invece di 'appesantire' ulteriormente la proposta si impegnino ad amalgamarla meglio.
(DanieleDNR - Settembre 2006)

Voto: 6.5


Contatti:
Mail Boon: mail@boon.at
Sito Boon: http://www.boon.at/

Sito Burnside Records: http://www.burnsiderecords.at/