BOOMERANG
Balance Of Hate

Etichetta: Trance Music
Anno: 2005
Durata: 50 min
Genere: power/thrash


I Boomerang ritornano!
'Mica sempre', direte voi, 'dipende da come li lanci... se sei bravo ok, altrimenti non torna un bel niente'. Indubbiamente, avete ragione. Certo, io non stavo parlando di quelle assurde armi da lancio ma dell'omonima band tedesca, eppure il discorso funziona anche nel loro caso. Se infatti i Boomerang sono stati 'lanciati' benissimo dal loro primo album, "Weaveworld", il loro ritorno tentenna un poco, assestandosi su un gradino inferiore, pur rimanendo un album gradevole.
Facciamo, però, un passo indietro e spendiamo qualche parola sulla storia del gruppo: i Boomerang compiono i loro primi passi nel 1999 con la pubblicazione del demo "Real Unreal", che viene accolto molto bene nel circuito underground. Nel 2002 la band pubblica "Weaveworld", il primo full-length, anch'esso apprezzato in più di un'occasione. Io stesso ho avuto il piacere di ascoltare questo primo lavoro e mi aveva colpito favorevolmente: la band, proponendo un power/thrash tipicamente ottantiano, non inventava certo niente di nuovo. Eppure questi ragazzi, pur senza discostarsi dal sound del genere e pur ammiccando, in più di una occasione, al tipico sound statunitense, riuscivano ad essere pienamente convincenti, grazie a un sapiente uso delle seconde voci (ad opera del chitarrista Thomas Fahrnbach) e ad una certa atmosfera nordeuropea, quasi 'vichinga', che aleggiava nelle loro composizioni.
Che dire, quindi, di questo nuovo lavoro? "Balance Of Hate" continua il percorso iniziato col primo album, lasciando quasi invariata la proposta musicale. Quello che, invece, sembra essere diminuito è l'impatto e la freschezza che caratterizzavano il primo album. Le canzoni sono di buona fattura e convincono sicuramente, però, allo stesso tempo, scivolano via molto più velocemente, senza fare presa come si deve sull'ascoltatore.
Il brano di apertura, "Amplify", mi aveva fatto ben sperare, dato che riprende al meglio le strutture di "Weaveworld", mentre qualche dubbio me l'aveva già instillato la successiva "Suffocated Cries", che risulta poco convinta e avvincente benché tutta la band, pur non essendo tecnicamente eccelsa, svolga degnamente il suo compito.
Il lavoro continua a viaggiare su buoni livelli per la maggior parte del CD, con una serie di pezzi sostenuti ma non velocissimi, supportati dal buon cantato incrociato di Andreas Reichard e Thomas Fahrnbach.
La produzione, sfortunatamente, non aiuta a valorizzare il lavoro dei musicisti, visto che tende ad essere un po' troppo confusa, con un suono secco e privo di profondità.
Nonostante questo, ci si accorge del valore di buone composizioni come "Undiscovered Country", "Silence Cries" e "Balance Of Hate". Putroppo, però, vicino a queste, troviamo anche dei pezzi piuttosto inconsistenti, come "TCO II (The Immortal)", che affianca un ottimo ritornello a strofe davvero raffazzonate; "Mind Odyssey" e "Betwixt The Temples", il cui inizio arpeggiato mi ha addirittura ricordato certe soluzioni dei Blind Guardian. Tutti questi pezzi presentano qualche spunto interessante ma, troppo spesso, si perdono per strada a causa di una struttura non sempre vincente.
Infine sono sicuramente da segnalare "The Hand That Signed The Paper", una vera e propria power-ballad che, per certi versi, mi ha ricordato alcune composizioni dei Nevermore; e "Praise The Loud", vera e propria sintesi conclusiva del sound dei Boomerang, con ottimi riff e un Andreas Reichard più che mai scatenato con la sua voce ringhiante.
Concludendo, quindi, dico a tutti voi che già conoscete e apprezzate i Boomerang di non esitare e di dare una chance a questo CD che, pur essendo leggermente inferiore al suo predecessore, presenta ottimi brani. Al contrario se le mie parole vi hanno incuriosito e voleste avvicinarvi per la prima volta al sound della band tedesca, vi consiglio di puntare prima all'ottimo "Weaveworld". Se vi piacerà, allora "Balance Of Hate" sarà qui ad aspettarvi.
(Danny Boodman - Maggio 2005)

Voto: 7


Contatti:
Mail Boomerang: info@boomerang-metal.de
Sito Boomerang: http://www.boomerang-metal.de/

Sito Trance Music: http://www.dc-net.de/trance-music/