BLOODY SIGN
Explosion Of Elements

Etichetta: Ibex Moon Records
Anno: 2007
Durata: 45 min
Genere: death con influenze black


I Bloody Sign sono una vecchia conoscenza per Shapeless, essendo già stati recensiti in passato in un paio di occasioni. Con questo nuovo album non modificano affatto il loro stile, ma ribadiscono piuttosto qual è il loro modo di intendere il death metal. "Explosion Of Elements" è un album oscuro, che trova nell'alternarsi di ritmiche assassine e rallentamenti claustrofobici il proprio equilibrio.
La matrice è, ancora una volta, un death metal vecchio stampo, che richiama in parte la scena americana e in parte quella europea. Il gruppo francese, infatti, ama frapporre ai classici assalti diretti e senza compromessi, che hanno caratterizzato i gruppi americani dei primi anni '90, alcuni passaggi tenebrosi e perversi, nei quali melodie sulfuree sono scandite da tempi lenti e soffocanti. In più occasioni si nota una certa propensione a fondere death e black metal: quello che ne scaturisce è un suono ancor più malvagio e lacerante.
Le prime due canzoni, "Serpent's Sky Secrets" e "Ghost Riders", esemplificano ottimamente quanto appena detto. In esse, i Blody Sign riescono a fondere i due volti della loro musica in maniera pressoché perfetta. Purtroppo l'album non prosegue su questi livelli. Nei brani seguenti troviamo ancora tratti di pura violenza, rallentamenti malati e mid tempo infernali, ma si registrano anche cadute di tono inopportune. A volte sembra mancare la lucidità nel collegare le varie parti di una canzone, altre volte non si riesce a capire come mai un determinato riff, anonimo e senza particolari pregi, sia stato utilizzato. In questo modo, "Explosion Of Elements" viaggia a sprazzi.
I Bloody Sign inseguono sempre un loro modo personale di esprimersi, e dimostrano di saperlo fare egregiamente a più riprese: quando rallentano, ad esempio, introducono dei giri piuttosto lunghi e complessi, che al primo impatto paiono un po' innaturali, ma che ben presto conquistano l'ascoltatore, guidandolo in uno scenario di oscurità e perversione. Altre volte, però, il gruppo non riesce a sfruttare le proprie abilità, ed ecco che i brani ne risentono immediatamente. L'incedere si fa zoppicante, l'impatto viene meno e l'intero brano rischia di essere compromesso. Ecco, quindi, che canzoni come "Alone And Bored", "Chrushing The Master Tree", "Wrath Omen" sono costituite da sezioni di tutto rispetto, ma in qualche punto il meccanismo finisce sempre per incepparsi. Su "Apocaliptic Warrior", inoltre, d'un tratto la band inserisce un riff di puro heavy metal classico... inutile dire che non si lega per nulla col resto.
La registrazione è adeguata per il genere proposto: i suoni sono naturali, grezzi ma piuttosto bilanciati, e difatti non scadono mai nel caotico. La voce non si risparmia, le urla sono sempre graffianti e devastate, le chitarre sono sufficientemente incisive e la sezione ritmica pesta per bene.
"Explosion Of Elements" non è affatto un brutto album, però visti i presupposti ci si poteva aspettare qualcosa di più. Alcuni brani faranno di certo la felicità degli amanti del death metal, soprattutto chi non pretende un suono cristallino ad ogni costo, ma nel complesso, curando maggiormente l'aspetto compositivo di alcune canzoni, poteva venire molto meglio.
(BRN - Dicembre 2007)

Voto: 6.5


Contatti:
Bloody Sign
47 rue Basse
68420 Gueberschwihr
FRANCE
Mail Bloody Sign: uibokalevi@hotmail.com
Sito Bloody Sign: http://www.bloodysign.fr.st/

Sito Ibex Moon Records: http://www.ibexmoonrecords.com/