BLACK DIAMOND
Mourning For Me (MCD)

Etichetta: Club Inferno
Anno: 2008
Durata: 34 min
Genere: gothic / power metal


I Black Diamond sono una giovane formazione proveniente dalla Basilicata che, dopo aver pubblicato un demo nel 2006 dal titolo "Imprisoned Dreams", decide di compiere un passo più importante, dando alle stampe un MCD autoprodotto. D'altra parte, ormai, è sempre più facile raggiungere dei risultati ottimali e professionali in studio anche senza l'ausilio di una casa discografica che faccia da intermediario e guida per una band agli esordi: le tecnologie sono sempre più avanzate e i costi contenuti rispetto al passato. Eppure, molto spesso, è meglio avere ancora pazienza perchè, si sa, la fretta è cattiva consigliera.
"Mourning For Me" non è un brutto lavoro, soprattutto se si considera l'inesperienza della band, però è indubbio che ancora ci siano diversi aspetti da migliorare, prima di poter parlare di un lavoro completo e maturo in ogni sua parte. Mi spiego meglio: la band si cimenta in un genere che ormai è tra i più inflazionati di tutto il panorama, ovvero un power-gothic sinfonico dalle atmosfere romantiche, richiami decadenti e il classico accostamento di luci ed ombre richiamato dai duetti tra la voce femminile e il growl maschile.
Partendo da una base di questo tipo è molto difficile riuscire a creare qualcosa che possa stuzzicare l'attenzione di un pubblico che ormai ha visto questa formula raggiungere l'apice, la saturazione e ormai quasi il declino. Tuttavia se il songwriting fosse di livello eccelso in molti, me compreso, sarebbero ben felici di accogliere una nuova band nella propria collezione. Sfortunatamente i Black Diamond non riescono ancora a raggiungere questo livello e le otto tracce contenute nel CD si assestano in quel limbo degli album che si lasciano ascoltare ma che non lasciano il segno.
La preparazione dei musicisti è sicuramente buona: le melodie ci sono, sebbene siano un po' scontate, tutti gli strumentisti si destreggiano con abilità senza sbavature e, in più, la band può contare sull'ottima voce di Graziachiara Melissa, dotata di un timbro cristallino e potente che non lascia dubbi sulle sue potenzialità. Il problema, però, è che il risultato finale scade troppo spesso nel cliché, soffocando quanto di buono si può trovare nelle composizioni.
"The Evil Fall" è la classica intro sinfonico-declamatoria, tra l'epico e l'oscuro; "Fallen Angel" è classica quanto il titolo che porta, tra tastiere pompose, riff aggressivi ma non troppo e un growl che sembra inserito nella canzone quasi per dovere, senza aggiungere molto all'economia del pezzo. "Neverending Eclipse" migliora un po' la situazione, grazie ad un tiro maggiore, una bella melodia e una prova sempre più convincente di Graziachiara; ma subito arriva "Green Woods" e questa volta sono i Rhapsody Of Fire ad essere saccheggiati, soprattutto nell'uso delle orchestrazioni. Ancora un paio di episodi positivi arrivano con "December Winds" e "Ascension": la prima è una ballad magari un po' scontata ma ben costruita, con dei passaggi in italiano e la sempre ottima voce della cantante a guidare il tutto; mentre la seconda, pur buttando una serie incredibile di luoghi comuni nel testo, funziona musicalmente grazie alla bella prova alla chitarra di Dino Russo. Arriviamo alla fine con la title-track, un altro brano assolutamente classico nel suo genere, e "Lake Of Melancholy", che sfodera invece un taglio più power-prog che, pur non facendo gridare al miracolo, aggiunge effettivamente un tocco in più alla composizione.
Chissà, probabilmente se questi ragazzi avessero atteso ancora un po' prima di dare alle stampe questo loro debutto probabilmente ci sarebbe stato il tempo per limare una parte dei difetti, personalizzando un po' di più la proposta o, perlomeno, affinando il songwriting. Così, invece, mi trovo costretto a restare su una sufficienza di incoraggiamento. Detto questo il tempo c'è, la voglia e l'impegno sicuramente e, in più, quanto sentito su questo MCD non è sicuramente uno di quei lavori che ti fa venir voglia di usare il CD come sottobicchiere. C'è solo da lavorare per migliorare sempre di più.
(Danny Boodman - Luglio 2008)

Voto: 6


Contatti:
Mail Black Diamond: sognoimprigionato@hotmail.it
Sito Black Diamond: http://www.myspace.com/bandblackdiamond

Sito Club Inferno: http://www.club-inferno.org/

Sito My Kingdom Music: http://www.mykingdommusic.net/