Vanmakt
(Hellvis - Settembre 2007)


Se la scena esterma svedese vi sembrasse ormai asfittica, saturata da gruppi tutti uguali, provate ad ascoltare i Vanmakt per ricredervi. Questa intervista vuole presentarvi il gruppo, dopo che il sottoscritto ne ha recensito il promo. Giunti al traguardo del CD d'esordio, ora questi blackster vogliono conquistare il mondo. Augurandogli le migliori fortune, leggiamo un po' cos'ha da dirci Gorgoth...



Ciao amici, benvenuti su Shapeless Zine! Presentate i Vanmakt ai nostri lettori!
Saluti e grazie per il tempo che ci concedi, e lo stesso vale certamente per la preziosa attenzione dei nostri lettori!

Penso che la vostra musica porti qualcosa di nuovo nel panorama musicale svedese! Come ha reagito la critica nei confronti del vostro album d'esordio, e qual'è stata l'opinione dei fan fino ad ora?
Beh, io penso che i Vanmakt rappresentino l'intera scena black metal ed underground svedese. Vedi, il suono del metal svedese trae origine da dove vivi. A Gotheborg ti ritrovi a suonare quella tipica merda pop (In Flames, Dark Tranquillity, ecc.), mentre a Stoccolma puoi trovare dei veri gruppi death metal e black metal. Nonostante la cosa abbia cominciato a diffondersi, sembra che ancora molti gruppi temano di mescolare diversi elementi nella loro musica. I Vanmakt, invece, sulla base di un suono black metal, costruiscono anche pesanti riff death metal ed oscure parti doom. Per noi è la musica che conta, e non come dovrebbe suonare o stando a guardare come suonano gli altri gruppi. Ciò che intendo è che i Vanmakt fanno ciò che vogliono fare i Vanmakt, sempre restando però all'interno del black metal.
Le reazioni sono state fantastiche. Sapevo che avevamo qualcosa di diverso, ma non potevo immaginare che tutto fosse celebrato in questo modo. Abbiamo venduto tutte le copie svedesi in una settimana! E questo è stupefacnte! Così, ora delle nuove copie sono state ordinate, e speriamo di venderle tutte ugualmente.
Riguardo ai nostri fan, che dire? Intendo, io ricevo molte mail ogni giorni da ogni parte del mondo, con commenti ed apprezzamenti sulla nostra musica. Per noi i fan sono molto importanti, e cerco di rispondere a tutte le mail che ricevo. Ciò che però voglio dire è questo: è il nostro primo album, e già abbiamo suscitato certe reazioni! Mi fa sentire veramente bene. Un grande AVE a tutti quelli che ci sostengono e alla nuova era!

La vostra musica potrebbe essere definita black metal, ma voi arricchite il vostro stile con parecchi elementi personali: la particolare accordatura dei vostri strumenti, l'uso intelligente della melodia, successioni armoniche curiose ed un'ispirazione sincera. Siete soddisfatti allora di "Vredskapta Morkersagor", o vorreste poterci apportare qualche cambiamento, se fosse possibile?
Mi piacerebbe alzare il volume delle chitarre melodiche, ahah! Penso siano basse nel missaggio. Ma, oltre a questo, sono molto soddisfatto. Voglio dire, abbiamo registrato questo album da soli, nel mio studio e in quello di Vladr. L'ho missato e poi la Pulverised aveva Peter In De Betou per masterizzarlo! No, amo follemente questo album. Certo, ci sarebbe sempre qualcosa da ritoccare, ma tanto lo sai che durante il processo realizzativo non l'avresti mai fatto. E sì, abbiamo utilizzato un'accordatura in do# per le chitarre, per far suonare il tutto più pesante, proprio perchè ci piace così. Ma la cosa più importante, credo, è il fatto che abbia messo tutta la mia anima in ogni canzone!

Ho apprezzato la vostra abilità strumentale, e l'attenzione agli arrangiamenti. Quanto tempo ci avete messo per registrare il nuovo album? E come scrivete le canzoni? C'è un compositore principale?
Grazie! Beh, in realtà faccio tutto io, ci sono solo due riff nell'album che Aamoth ha scritto in studio. Il mio modo per scrivere una canzone... beh, è difficile da descrivere perchè in realtà non ricordo! Quando prendo la chitarra ed inizio a comporre tutto diventa nero, e non riesco a ricordare un cazzo dopo. Penso che questo sembri abbastanza malato, ma è la fottuta realtà perchè devo poi imparare la canzone da capo, per poterla poi insegnare a Aamoth e Satygh. Penso che in qualche strana maniera, quando scrivo musica io sprofondi in un qualche stato mentale, perchè non mi viene fame, ne ho il senso del tempo. Posso cominciare a comporre al mattino e svegliarmi quando fuori è buio, senza aver mangiato nè fatto nulla.
Ma amo scrivere musica, questa è la cosa migliore. Abbiamo registrato l'album in due mesi, ma mai utilizzato le intere settimane. Solo il mercoledì o il sabato. Io ho anche dei problemi a passare tanto tempo con le persone, e questo è anche uno dei motivi per il quale ho registrato l'album in stile fai-da-te. Come questa cosa funzionerà in tour, lo vedremo. Molto alcol aiuta.

C'è un motivo di fondo nei testi dei Vanmakt? Quali sono i temi tipici dei vostri testi? E sono importanti i testi per voi?
Questo è un domandone, e non penso che qualcuno voglia leggere tutto ciò che dovrei rispondere a questo soggetto, perciò cerco di dire tutto in breve.
Scrivo tutti i testi con l'aiuto del mio buon amico Gjallar. Ho molte idee, ma faccio cagare al momento di scriverle, ma comunque... La storia principale di "Vredskapta Morkersagor" è abbasatnza classica, ma importante per me e le mie credenze. Viviamo in un mondo cristiano che ci ha indottrinato con bugie per secoli. Sono venuti nelle nostre terre e ci hanno obbligati a credere in ciò in cui essi credevano. "Vredskapta Mörkersagor" racconta la storia dei nostri antenati e delle loro lotte contro i cristiani. Le legioni di Lucifero hanno sostenuto il nostro astio e macellato i loro preti. Al tempo stesso, i testi pronosticano il nostro ritorno. Il ritorno della nostra fratellanza, e questo è il tempo per ricominciare a lottare. Ma al contrario di tante altre false black metal band, io credo in ciò che scrivo. I Vanmakt sono qui per sostenere una nuova era luciferina, e che sia finalmente ora di porre un termine a questo debole mondo cristiano: farò tutto ciò che è possibile per far sì che ciò accada!

State suonando dal vivo? Come reagisce il pubblico durante i vostri concerti? Avete mai suonato fuori dalla Svezia?

Abbiamo tenuto alcuni concerti e qualcosa è già in prenotazione. I nostri primi due concerti si sono svolti lontano da casa, e non c'era molta gente, ma posso dire che abbiamo ottenuto un buon sostegno e tutti quelli che ci hanno visto, hanno apprezzato. Non siamo la solita band che sta ferma e suona. Mi piace usare sangue, croci, teschi e così via, per mostrare ciò di cui sto cantando. E penso che la gente abbia apprezzato. Stiamo studiando altre cose più malate, da mettere nello show. Voglio che gli ascoltatori abbiano un opinione della nostra musica quando ascoltino l'album. Suona bene, e ben fatto e così via. Ma dal vivo è un'altra cosa, il vero senso dei testi e ciò che sento dentro è tutto lì. Fino ad oggi, il miglior concerto è stato "Uterock", un paio di miglia da casa. C'era un sacco di gente, e tutti che urlavano come pazzi nonostante non avessimo ancora pubblicato l'album, e quindi non potevano cantare con noi ma, ugualmente, hanno strillato come posseduti e, beh, la cosa ci ha fatto sentire benissimo. Ma noi siamo qui per comunicare un messaggio, e spero che tutti lo comprendano: in caso negativo, peccato per loro.

Qualche piano per il futuro? State scrivendo nuove canzoni?
Beh, probabilmente sarai il primo a scrivere questo: ho già composto le canzoni per il prossimo album. Ho scritto undici canzoni, delle quali nove saranno scelte per il prossimo album. E posso prometterti che questo qui sarà veramente malato, più veloce, più melodico e dannato. Vi metterà la dinamite sotto i piedi! Ma ora dobbiamo vendere dischi, sai, se non venderemo bene non avremo nessun contratto. Abbiamo firmato per un solio disco con la Pulverised, perciò speriamo di vendere abbastanza bene per loro, perchè si tratta di una bella etichetta e ci piacerebbe continuare a lavorare con loro. Oltre a questo, vogliamo andare in tour e continuare a promuovere il messaggio luciferino alle masse.

Bene, questa breve intervista è terminata. A te le ultime parole.
Vorrei ringraziarti per il sostegno, e anche tutti coloro che hanno comprato o compreranno il disco. Siamo qui per restare, perciò siate pronti a spaccare questo mondo cristiano in pezzettini!
E' tempo di appiccare il fuoco eterno! Hail!



Sito internet: http://www.vanmakt.com/