V:28
(Hellvis - Ottobre 2004)


I V:28 sono una delle più interessanti realtà del panorama metal norvegese. "NonAnthropogenic", il loro primo album, ha catturato la mia attenzione per la freschezza della loro proposta musicale: un death cybernetico vario e valido. Il buon Kristoffer si è dimostrato un tipo loquace e disponibile, e in quest'intervista analizza con cura la storia della sua band e la genesi del loro primo CD!



Ciao Kristoffer! Che ci dici dell'album "NonAnthropogenic"? Com'è stato accolto dalla critica musicale e dal pubblico?
Ciao Hellvis! Abbiamo registrato l'album "NonAnthropogenic" nel giugno 2003, in uno studio relativamente giovane chiamato Subsonic Society. Questo è lo studio di Lars Klokkerhaug (che ha lavorato con band quali DarkThrone, Motorpsycho, ecc.) e LRZ (meglio conosciuto come l'uomo dietro ai sintetizzatori e ai samples nei Red Harvest). L'album "NonAnthropogenic" è, ora come ora, il primo album completato in questo studio. Questo album è il primo di una trilogia sulla decostruzione e la trasformazione del pianeta Terra. Ha a che fare con la decostruzione sia fisica che metafisica della Terra e della razza umana. Abbiamo cercato di incorporare questo scenario nella musica, e di dare alla musica un feeling meccanico e, in qualche misura, industrial per rafforzare questo concept apocalittico.
I commenti sono andati ben al di là di tutte le aspettative, sia da parte della stampa che da parte degli ascoltatori. Ci è stato detto spesso che i V:28 sono un qualcosa di nuovo e che piace parecchio al pubblico metal. Penso che questo sia un grande complimento. Di questi tempi ci sono un sacco di band nella scena metal estrema, così penso sia importante avere un qualche marchio di fabbrica, e sembra proprio che siamo riusciti a creare qualcosa di personale.

Come siete entrati in contatto con la Vendlus Records? Siete soddisfatti del lavoro di questa etichetta?
Inizialmente avevamo un contratto con un'altra etichetta ma, dopo che abbiamo prenotato lo studio, questa non ha più risposto alle nostre e-mail o alle chiamate telefoniche, pertanto abbiamo deciso di accasarci da un'altra parte. Dopo questa "rottura" ci sentivamo in possesso di buon materiale che meritava di essere registrato, così siamo entrati nello studio a nostre spese. Quando abbiamo finito l'album un mio amico, che gestisce la Duplicate Records (Einar Sjursø, anche batterista nei Lamented Souls e nei Virus - nd Hellvis), mi ha contattato e mi ha detto che un suo amico degli Stati Uniti aveva appena fondato un'etichetta e stava cercando dei gruppi. Gli abbiamo mandato un CD e dopo una settimana circa lui (Vendlus Records) ci ha contattati. Sembrava veramente entusiasta dei V:28 e dopo qualche chiacchierata abbiamo capito che la Vendlus Records era l'etichetta che faceva per noi.
Siamo molto contenti del lavoro che la Vendlus Records ha fatto per noi e spero che la gente si interessi alle sue pubblicazioni, perché penso proprio che si tratti di una label particolare. Il mailorder della Vendlus Records (http://www.vendlus.com/) è anche un'ottima maniera per accaparrarsi musica di alta qualità ad un prezzo veramente minimo!

Ho notato che i V:28 hanno un concept abbastanza complesso (legato all'entropia) che pervade la loro esistenza e i testi. Raccontaci qualcosa a riguardo.
Volevamo avere un concept legato alla nostra musica ma che stesse bene soprattutto con la musica stessa. La musica può essere molto fredda e meccanica, ma al tempo stesso caotica. I testi hanno a che fare sia con la distruzione fisica che con la decadenza mentale di una persona esposta alla distruzione fisica. Penso che questo sia un modo più potente di esprimere una scena apocalittica, piuttosto che descrivere guerre e spargimenti di sangue.
I testi racchiudono le due facce di questo concept e non sempre è facile separare queste due parti. Un lato rappresenta gli umani, e i loro bisogno di spiegare il significato della vita, perché le cose succedono, ecc., e l'altra parte rappresenta le macchine, che prenderanno il controllo del mondo. E' facile trovare molte similitudini con i concept alla base di film quali Terminator, Pi - Faith In Chaos, Matrix e Dark City, solo per nominarne alcuni.

Come descriveresti la vostra musica? Ho notato che a volte è molto pesante e distruttiva, altre volte è atmosferica e ricca di melodia. Quali sono le vostre principali fonti di ispirazione?
Ci piace indicare la nostra musica come industrial death metal psichedelico. Come hai detto ci sono tantissimi contrasti nella musica, e questo è molto importante per sottolineare le parti distruttive e melodiche. Il nero diventa ancora più nero se ci metti vicino il bianco, e questo è ciò che vogliamo fare con la nostra musica.
Le mie fonti di ispirazione sono veramente tante. Sono cresciuto con band come Metallica e più tardi Sepultura, Slayer, Morbid Angel, Samael... e poi è arrivata l'ondata del black metal norvegese, con Emperor, Enslaved e Manes tra i miei preferiti. Inoltre ascolto molta musica alternativa, tipo dark ambient, industrial, un po' di goth, synthpop, minimal techno. Gli Swans sono probabilmente il mio gruppo preferito in assoluto, e sono sempre riusciti ad affascinarmi di volta in volta. Penso che questi generi mi influenzino alla pari di quanto fanno quelli metal, comunque penso che traggo la maggior parte della mia ispirazione nel songwriting dalle cose che vedo, sento e provo nel mio ambiente. Non che viva in un mondo post-apocalittico, ma traggo molte idee da ciò che mi circonda e le vedo attraverso un'altra prospettiva. Penso inoltre che anche i film possano suggerire molte idee...

LRZ e Grutle Kjellson sono ospiti in "NonAnthropogenic". Come sei entrato in contatto con loro? Perché hanno accettato di aiutarvi? Credono nella vostra musica?
Nel 2002, circa sei mesi dopo che abbiamo dato vita ai V:28, abbiamo suonato assieme ai Red Harvest e ai Cadaver Inc. Dopo il concerto abbiamo fatto una festa ed allora ho chiesto a LRZ (che suona il sintetizzatore nei Red Harvest) se era interessato a produrre il nostro album. Gli è piaciuta la nostra musica e dopo un po' abbiamo avuto la conferma che fosse proprio l'uomo giusto. Ha molta esperienza nel genere, lo conosce a fondo, ed è un mago dell'elettronica e della programmazione: a questo punto non penso che avremmo potuto trovare un aiuto migliore. Per quanto riguarda il contributo vocale di Grutle Kjellson, l'idea è stata sua. Sono amico di chi suona negli Enslaved da anni ed appena ha sentito che stavamo registrando il nostro album di debutto, ci ha subito detto di non esitare a chiedere in caso avessimo avuto bisogno di aiuto. Così quando è arrivato il momento di registrare l'album, l'abbiamo contattato. Penso che la ragione principale per la quale Grutle ha voluto partecipare all'album è che la musica differisce parecchio rispetto a quella degli Enslaved, ma non penso che l'avrebbe fatto se non avesse creduto nei V:28. Anche questo è un grande complimento, per noi!

Che programmi avete per il futuro? Avete pianificato un nuovo album o nuovi concerti?
Attualmente stiamo lavorando sul materiale del nostro prossimo album e speriamo di poterlo registrare prima della fine dell'anno. A questo punto è molto difficile dire come risulterà, visto che questo dipende molto dalla produzione, eccetera. Comunque abbiamo cercato di incorporare nuovi elementi nella musica ed abbiamo spostato l'intero concept dei V:28 più avanti.
La Vendlus Records sta inoltre lavorando con la Duplicate Records su una compilation CD alla quale contribuiremo con una canzone speciale che verrà pubblicata solo in quel CD. Non c'è ancora una data di pubblicazione per questo CD, così vi consiglio di tenere d'occhio il sito della Vendlus per ulteriori informazioni.
Per quanto riguarda i concerti siamo confermati all'Element Of Metal Festival in Norvegia (http://www.anemesis.com/eomindex.htm) il 3 e il 4 dicembre. Stiamo anche tenendo qualche concerto in questo autunno, ma sfortunatamente nessun concerto grande. Forse avremo l'opportunità di venire in Europa e di tenere qualche concerto il prossimo anno, ma allo stato attuale le cose non sono sicure.

Alcuni giorni fa mi hai confessato che ti piacerebbe diventare una rockstar tra le ragazze italiane! Cosa ne pensi dell'Italia? E delle nostre ragazze?
Ahah! Sfortunatamente non sono mai stato n Italia ma mi piacerebbe veramente farci un salto prima o poi. So che la vostra è una delle migliori cucine al mondo e devo confessare che la pizza è una delle più grandi invenzioni della terra. Le vostre auto e le moto sono altrettanto fantastiche. Ma il meglio del meglio sono le ragazze italiane: sono assolutamente incantevoli! Perciò, diventare una rockstar tra le ragazze italiane è il mio traguardo assoluto, ahah!!!

Bene, a te le ultime parole!
Grazie per il tuo interesse nella band, Hellvis, ed anche a tutti voi che avete letto quest'intervista! Spero che tutti quanti vi riserverete un po' di tempo per scoprire i V:28, non ne resterete delusi! Nel nostro sito abbiamo anche un'offerta eccellente: il CD "NonAnthropogenic" più la t-shirt per soli 19 euro! C'è anche qualche mp3 nel sito!! Hail to Underground!

Mail: v28@change.to
Sito internet: http://www.v28.com/