Sworn
(Danny Boodman - Maggio 2009)


Dopo l'ottimo "Tended High", un album che riunisce in sé la magia di gruppi come Emperor, Borknagar e Arcturus e Opeth non potevo non scambiare due parole con loro. Ed ecco arrivare le risposte alle mie domande dalla lontana Armenia.



Ciao, benvenuti su Shapeless Zine. Iniziamo la nostra intervista presentando la band e la sua storia. Come avete cominciato?
Gli Sworn nascono nel 2005 da un'idea di Vladimir e Alex, due studenti della European Regional Academy Of Information Technologies. Alex suonava il basso e cantava, mentre Vladimir si occupava della chitarra elettrica e delle voci pulite. Così hanno registrato la loro prima canzone, "Fog Of The Darkside" dopo un lungo periodo passato a sperimentare. Così è iniziato tutto.

Quali sono le vostri influenze musicali?
Emperor, Opeth, Katatonia sono tra le principali influenze degli Sworn e nel prossimo album ci saranno anche Zyklon e tantissima altra musica. È difficile quindi dare un nome alla musica del gruppo, è un mix di diversi stili, come atmospheric, progressive, post black/death metal. È piuttosto complesso.

Parliamo proprio dell'album "Tended High": cosa volevate esprimere con il vostro lavoro?
La storia che raccontiamo in "Tended High" riguarda le persone che vivono in questo mondo e che si accorgono lentamente come molti loro simili vivano e pensino in maniera ordinaria, senza riuscire a fare mai nulla nella loro noiosa vita.

Da cosa traete ispirazione?
Come dicevo ci ispiriamo a band come Emperor, Opeth e Arcturus. Loro hanno ispirato la nostra musica e la band in generale. Se non fossero esistiti gli Emperor non ci sarebbero mai stati gli Sworn. Anche il nome Sworn è preso da una canzone degli Emperor che si chiama così.

Cosa puoi dirmi della scena musicale in Armenia?
A dir la verità la scena musicale in Armenia non è molto ricca. La maggior parte dei cantanti suonano pop o 'rabiz' (questa parola è un termine slang che in Armenia indica una categoria di persone che qui in Italia potremo associare alla parola 'truzzo' o 'tamarro' nd Danny). Se invece mi chiedi della scena rock/metal, allora è piuttosto povera, per adesso, ma sta lentamente crescendo con il passare degli anni. Anche il numero di fan del metal sta aumentando sempre di più, quindi le persone che devono investire nella musica dal vivo si stanno accorgendo che c'è sempre più gente che va ai concerti di questo genere e quindi sta diventando anche più semplice organizzarli.

Penso che la musica estrema sia uno dei sottogeneri che dà maggiore libertà di espressione, suonando un mix tra i generi più disparati. Molto più del metal tradizionale, per esempio. Che ne pensi?
Sì sono d'accordo. Puoi esprimerti meglio nel metal estremo, forse perché c'è più libertà: puoi passare attraverso diversi elementi, dal blastbeat più violento a meravigliosi inserti di strumenti classici. Credo che se si vuole dare vita ad un progetto di successo si debba necessariamente creare qualcosa di unico nel suo genere. Noi cerchiamo di non essere uguali agli altri, di aggiungere sempre qualcosa di originale.

Per esempio usate molto le chitarre acustiche...
Ci piacciono molto gli episodi acustici. Puoi creare delle atmosfere incredibili grazie ad esse. Penso che sarebbe noioso avere solo momenti pesanti all'interno dell'album, mi piace aggiungere anche le tastiere, che sono un po' come le chitarre acustiche e danno una grande varietà alle composizioni.

Se dovessi suggerire una sola canzone per descrivere la vostra musica, quale sceglieresti?
Ti direi "Church Obliteration", tratta proprio da "Tended High". Penso che sia la migliore per capire cosa facciamo.

Date molta importanza all'abilità tecnica e alla qualità delle registrazioni?
Certo, assolutamente. Dopo la qualità della scrittura sono le due cose più importanti in assoluto: non è abbastanza scrivere delle melodie che piacciano alla gente, è importante avere tutti gli strumenti per poterle suonare dal vivo e avere dei suoni ottimi. Se non registri un lavoro con professionalità sarà sempre più difficile avere un contratto con una etichetta. È davvero importante per noi e lavoriamo sodo per migliorare le nostre qualità tecniche.

Riuscite a suonare dal vivo? State programmando qualcosa?
Certo, suoniamo spesso dal vivo. L'anno scorso abbiamo anche partecipato a dei festival con band come i vostri Sadist e gli olandesi Melechesh. Sfortunatamente adesso staremo fermi per un po', perché stiamo per comprare delle nuove strumentazioni e presto registreremo un nuovo album. Quindi quando ricominceremo a suonare dal vivo sarà per testare le nuove composizioni.

Altre novità?
Come ti dicevo adesso c'è il nuovo album su cui lavorare, anzi, ti dirò di più: è praticamente già tutto scritto, stiamo solo aspettando di avere tutte le strumentazioni necessarie per registrarlo con una qualità ottima. Registreremo tutto nel nostro studio personale, quindi ci occuperemo noi di tutto, dalle registrazioni fino al mixaggio e alla masterizzazione. Con le strumentazioni che ci arriveranno a breve avremo un suono che non avrà niente da invidiare agli studi professionali e costosi.

Bene, buona fortuna allora!
Grazie per l'intervista. Speriamo di avere presto la possibilità di suonare dalle tue parti. Ci piacciono molto gli italiani e sarebbe un vero piacere suonare per voi!



Sito internet: http://www.myspace.com/sworne