Sonic Agitation
(Hellvis - Febbraio 2004)


A parte le debite eccezioni, il Giappone ha sempre dato vita a gruppi interessanti, tecnicamente ineccepibili ma un po' freddini, artificiali. Questo non può essere scritto nei riguardi dei Sonic Agitation, un sestetto incazzato e in possesso di un tiro invidiabile! Il loro stile è un thrash potenziato e distruttivo, la cui componente ritmica è arricchita dall'uso di due grossi tamburi chiamati "wadaiko". Il risultato è senza dubbio positivo. Sebbene la band risenta delle influenze del thrash della Bay Area, dei Sepultura e dei Pantera, il suo album "Across All Apprehension" è una bomba pronta ad esplodere nel vostro stereo! Sfido anche l'ascoltatore più catatonico a restare fermo! Dopo tanti ascolti, "Across All Apprehension" rimane sempre piacevole, grazie anche alla validità del songwriting.
Eiji, il cantante, risponde alle domande di questa intervista condotta via e-mail.



Salve Eiji! Il sito dei Sonic Agitation è in giapponese perciò non ho potuto comprendere la vostra sezione biografica. Perché non racconti la storia della band ai lettori di Shapeless?
Tutto è iniziato quando sono andato ad un concerto nel 1996. All'epoca ero veramente annoiato della musica che si sentiva costantemente da tutto il mondo. Le band che si esibivano sul palco non erano altro che imitatori tanto che un ubriacone seduto vicino a me non la finiva più di prenderli in giro. Io gli chiesi: "Credi di poter fare qualcosa di meglio?" e lui mi rispose: "Visto che domani faremo una jam in studio perché non vieni anche tu? Il METAL che tanto sogni diventerà una realtà!". Arrivato allo studio mi sorpresi dei risultati. Appena strinsi il microfono e mi misi ad urlare, tutta la band si mise a seguirmi con naturalezza! Questa è stata la nostra nascita.
Abbiamo incominciato ad interessarci alle nostre radici giapponesi nel 2001. All'epoca avevamo incontrato dei musicisti che suonavano uno strumento a percussione tradizionale chiamato "wadaiko". Pensai subito: "Se c'è uno strumento che può riassumere un mondo nel suo suono, si tratta di questo!".

La vostra musica è incredibilmente potente. Anche se il vostro stile è thrash, il vostro abuso di percussioni mi porta alla mente delle band come gli Slipknot. Quali gruppi vi hanno ispirato maggiormente, secondo te?
Secondo me sono stati i Sepultura che mi hanno maggiormente motivato ad inserire delle percussioni nel nostro suono ma è anche vero che gli Slipknot li adoro. Sono stato molto influenzato dal thrash metal. I Sepultura sono i miei preferiti da sempre fatta debita eccezione delle loro uscite attuali. "Arise" e "Roots" sono due grandi album. Tutte le volte che li ho ascoltati ho sentito che la musica era parte di me. Ci tengo però a precisare una cosa. Sono stato influenzato da loro soltanto come metodo. Essi hanno mescolato le loro radici col metal. Noi siamo giapponesi. Ho rivolto il mio pensiero agli strumenti popolari giapponesi, altrettanto idonei a mescolarsi nel metal come quelli brasiliani. Mi ritengo molto soddisfatto della nostra musica attuale.

Sei soddisfatto delle reazioni della critica e dei lettori nei riguardi di "Across All Apprehension"?
Le reazioni sono state tutte molto buone. Questa è la dimostrazione che le mie scelte non sono state sbagliate. Ma visto che il CD non è ancora apparso nel mercato internazionale e che non tutti conoscono la nostra musica, voglio continuare a mandarne copie a tutti i fan!

I testi comunicano una visione della vita amara. Sono ispirati ad esperienze personali?
Certamente nelle parole sono espresse le esperienze di un individuo. Anche i libri del mio scrittore preferito, Shuuji Terayama, mi hanno influenzato parecchio poiché le cose di cui tratta mi sono molto vicine.

La copertina del CD e gli elementi etnici della vostra musica dimostrano che tenete in grande considerazione le tradizioni del vostro paese. Tutto questo sarà presente anche nei vostri lavori futuri?
SI! La musica come la facciamo ora potrebbe andare avanti all'infinito! Qualcuno potrebbe dire si può sperimentare ma non è detto che la cosa debba funzionare assolutamente... Quando due cose vengono mescolate, un qualcosa di nuovo viene prodotto. Questo vale anche per la vita. Quando i geni si mescolano una nuova vita ha inizio. Pertanto, lo stesso principio vale per la musica. L'ispirazione musicale che mi travolge crea un seme, il quale cresce nel terreno dei Sonic Agitation per dar vita ad un bocciolo. Il tempo passerà e questo si evolverà, crescerà. Comunque, lo spirito del metal non verrà mai mutato!

Il Giappone vanta una grande ed interessante tradizione nel metal. Cosa ci sai dire dell'underground attuale del tuo paese? Ci sono delle band emergenti degne di nota?
Non saprei dire, ce ne sono troppe e non so da che parte iniziare per introdurne una qualsiasi...

Che piani avete per il futuro?
Dopo la pubblicazione dell'album ciò che voglio fare è suonare tantissimo dal vivo. Non voglio girare solo il Giappone ma anche l'Europa, Italia inclusa sicuramente. Penso che il metal sia una musica profondamente europea. Voglio venire nel vostro continente e vedere la reazione delle persone. Dopo aver suonato con i The Haunted l'anno scorso, la band ci ha rivolto molti complimenti. Anch'io sono un loro grande fan ed ho capito che nella musica non ci sono barriere, tutti parlano lo stesso linguaggio. Vorrei veramente suonare in ogni posto se le situazioni lo permettessero.

Vi piace suonare dal vivo? Che reazioni ha il pubblico durante i vostri concerti?
All'inizio l'audience incomincia a sussurrare: "Che cosa sono quei grossi tamburi sul palco?". Improvvisamente esplode un lampo e inizia "Kill-Life". Prima di questo, tutto è nascosto e silenzioso come una tomba. Quando il lampo appare è come se lo facesse nell'oscurità di una notte silenziosa. Quando si parte con "Awoke To Reason Of This Life" il pubblico è già in delirio!

Avete mai programmato seriamente un concerto in Italia?
Lo vorremmo, certamente. Vogliamo che quanta più gente possa conoscere i Sonic Agitation. Ci aspettiamo che un giorno i Sonic Agitation suoneranno in Italia. Detto questo, per ora non si può fare sia per il trasporto di tutta la strumentazione che per il costo eccessivo... Ma puoi contarci che ci teniamo!

Sonic Agitation
c/o: 206-1
Uedaminami 3
Tenpaku
Nagoia-City
JAPAN
Mail: sonicagitation@japan.co.jp
Sito internet: http://www.geocities.co.jp/Broadway-Guitar/2812