Rise
(teonzo - Ottobre 2004)


La sfiga colpisce sempre, ma i veri metallari tengono duro! Ecco quindi dopo un anno l'intervista con Johnson, tastierista degli americani Rise. Vi tralascio i casini che ha avuto, è un po' lunga. Ma alla fine l'intervista è andata in porto, ed è uscita pure bene. Consiglio agli amanti del death metal cattivo e maestoso di dare un'ascoltata a questo gruppo, si tratta del classico gioiellino nascosto. I primi ascolti sono un po' ostici, ma quando si entra nella musica dei Rise si gode per bene, ha un gran bel tiro che fa venir voglia di riascoltare il CD a intervalli regolari. Se fossero usciti per una etichetta grossa avrebbero potuto fare un bel botto, non hanno molto da invidiare ai grossi nomi scandinavi.



Ti va di presentare i Rise ai nostri lettori, raccontandoci la storia del gruppo e descrivendo la line-up attuale?
I Rise si sono formati a Los Angeles all'inizio degli anni '90 grazie ai membri originali Rob Alaniz ed Albert Gonzales, entrambi provenienti dal gruppo thrash Evildead. Rik Hansen ed Istvan Lendvay sono entrati poco dopo, e così i Rise sono passati da un metal vecchia scuola al death metal. I Rise hanno registrato un demo di quattro canzoni nel 1993, intitolato "Life Into Ever Black" e pubblicato dalla Wild Rags Records, qui lo stile era puro death metal grezzo. "Shadow Of Ruins" è il titolo dell'album di debutto, ormai fuori stampa. In seguito il gruppo si è evoluto, e nel 1998 ha visto la luce "Slaves Of Illusions", che aveva un feeling death metal spostato sul black. Poco dopo l'uscita di "Slaves Of Illusions" il membro fondatore Albert Gonzales ha lasciato il gruppo. Albert era stato anche il chitarrista dei Death nel tour di "Spiritual Healing". Nel dicembre del 2000 i Rise sono andati in Ungheria a registrare "Divine Aeternum" ed hanno suonato alcuni concerti in Europa, in particolare va segnalato un bel concerto con Attila Csihar (ex Mayhem, Aborym) alla voce! Rik Hansen ha lasciato i Rise nel 2002, ed è stato rimpiazzato da un altro chitarrista che ha poi lasciato a sua volta il gruppo. Al momento, i Rise stanno cercando un chitarrista, ma stanno anche anticipando le registrazioni del nuovo album! La musica ora è scritta al 100%.

Purtroppo non ho mai ascoltato i vostri lavori precedenti, quindi ci puoi descrivere che differenze ci sono tra questi e "Divine Aeternum"?
"Life Into Ever Black" era sicuramente un lavoro di death metal grezzo vecchia scuola. Le canzoni erano pesanti, con una produzione bella spessa. Molto più lento rispetto gli standard odierni. "Shadow Of Ruins" era molto più evoluto, con degli assoli fluidi suonati da Rik ed Albert. Quando è stato pubblicato "Slaves Of Illusions", le persone hanno notato una netta progressione e le canzoni avevano dei toni più oscuri. La differenza più ovvia tra "Divine Aeternum" e gli altri album sono le tastiere che ora danno alle canzoni un sapore maestoso. Le canzoni su "Divine Aeternum" sono anche più lunghe delle precedenti, sono più sviluppate dal lato compositivo e della melodia. Siamo molto orgogliosi di "Divine Aeternum".

Dove avete registrato il vostro ultimo album? E' stato difficile mixarlo?
Abbiamo registrato "Divine Aeternum" a Budapest, in Ungheria. Può sembrare strano che un gruppo statunitense vada a registrare in Europa, ma Istvan viene dall'Ungheria, quindi abbiamo registrato in un ottimo ambiente. E' stato un po' difficile mixarlo, visto che Jaime, Rik ed io abbiamo lasciato lo studio e siamo tornati negli Stati Uniti appena finite le registrazioni, ed Istvan è dovuto rimanere lì ad aiutarli per il mixaggio. Alcune cose sarebbero potute essere migliori, ma generalmente siamo contenti del mixaggio e della registrazione.

Ci puoi descrivere i temi che trattate nei vostri testi?
I temi dei nostri testi hanno a che fare principalmente con l'immaginario e con la falsità della persona nota come Gesù. I testi sono abbastanza generici per lasciare all'ascoltatore la sua interpretazione personale, ma fanno sempre notare che il lato negativo trionferà sempre. Inoltre Istvan è fortemente influenzato dagli eventi della storia ungherese, la canzone "Hadak Ura" parla dei veri dei della guerra nell'antichità dell'Ungheria.

Perché avete deciso di intitolarlo "Divine Aeternum"?
"Divine Aeternum" si traduce come "eternità divina". Come per i testi di Istvan, ha un significato ampio riguardante l'onore e la vittoria nella vita e nella morte.

Ci sono dei gruppi che vi hanno ispirato a cambiare il vostro stile?
Non direi che il nostro stile sia cambiato, secondo me è progredito. Se ascolti "Divine Aeternum" e "Shadow Of Ruins" ci senti sempre degli elementi di death metal vecchia scuola, solo che ora è più melodico e brutale allo stesso tempo! Ovviamente ci sono gruppi che ci ispirano, alcuni nomi ovvi possono essere Emperor e Dissection, ma anche i capofila della vecchia scuola come Bathory e Destruction.

Avete suonato dal vivo praticamente con tutti i grandi mostri del death metal. Quali sono stati i gruppi che vi hanno impressionato di più, sia dal lato musicale che da quello umano?
I Behemoth ci hanno impressionato molto a causa della dedizione di Nergal. Lui vuole che il suo gruppo diventi il migliore sulla terra ed è molto determinato a raggiungere questo obiettivo, e questo è qualcosa di veramente degno di nota, specialmente nel mondo underground in cui ci troviamo. Anche i Dissection sono una grande influenza, a causa della grande dedizione di Jon alla scena e del suo credo personale nel male. Praticamente tutti quelli che incontriamo degli altri gruppi sono persone con cui ci troviamo molto bene, specialmente quelli dei gruppi con cui dividiamo il palco.

Quando ascolto "Divine Aeternum" mi viene voglia di prendere in mano la mia motosega ed ammazzare qualche bastardo in maniera spassosa. Se vengo arrestato, venite a pagarmi la cauzione?
Haha! Questa è la descrizione migliore che abbia sentito! Se vieni arrestato ti scriverò, non so se avrò i soldi per pagare la cauzione!

Cosa ci dici della scena metal a Los Angeles? Ci sono dei gruppi giovani e promettenti che ci puoi suggerire?
La scena metal a Los Angeles è piuttosto larga, ma sembra che la gente si faccia vedere solo quando vengono a suonare i gruppi grossi. I concerti dei gruppi locali hanno un buon supporto, ma la scena era MOLTO più larga negli anni '90. C'è molta differenza tra adesso e quel periodo. Un gruppo che ci piace molto e supportiamo sono i brutallari Epicedium, fanno un gran bel brutal death tecnico per i fan di Suffocation, Dying Fetus, ecc.

Ci sono gruppi italiani che ti piacciono o che ti fanno schifo?
Non ho sentito molti gruppi italiani underground, mi spiace. Magari tu me ne puoi suggerire qualcuno di buono!

Cosa ne pensi di internet? Ti piace il modo in cui la scena metal è cambiata negli ultimi anni?
Internet è un OTTIMO modo per promuovere i gruppi e la musica. Gli mp3 aiutano soltanto i gruppi più piccoli ad ottenere una maggiore esposizione. Ovviamente se vi piace un album che avete in mp3, poi compratelo! La scena metal ha ottenuto solo benefici da internet. Tempo fa gli unici modi per fare promozione erano i concerti ed i negozi, ma ora internet ha reso tutto molto più conveniente.

Che ci dici di Kobe Bryant? Pensi che sia innocente?
Adesso è un po' tardi, visto che è ormai un uomo libero. Potrebbe essere sia l'una che l'altra, ma secondo me lui è innocente.

Supponi di aver appena finito un concerto sfiancante. A quel punto arriva da te una groupie per fare sesso. Quindi andate nel camerino, ma tu ormai sei veramente stanco dal concerto e c'è qualcosa che non va, e la groupie si mette a gridare "it does not rise... it does not RISEEEEEE!!!" (che tradotto fa all'incirca "non si rizza" - nd teonzo). Cosa faresti in questo caso? Penseresti di cambiare nome al gruppo? hhahahhahah
Hahaha! In questo caso sfortunato potrei sempre leccarle la figa, oppure dirle di usare la bocca così si RIZZERA'!!! Forse mi toccherebbe lasciare il gruppo se mi succedesse qualcosa di questo tipo? haha!

Ok, siamo alla fine! Chiudi pure l'intervista dicendo quello che vuoi!
Il nuovo album sarà più veloce, più brutale, più epico, più tutto! Sarà simile a "Divine Aeternum" ma ancora un passo più in là. Grazie per questa ottima intervista, è un peccato che non tutte le interviste siano interessanti come la tua! HAILS!

Mail: risekeys@hotmail.com
Sito internet: http://www.risedeathmetal.com/