Psicorragia
(Hellvis - Agosto 2003)


Dal Perù ecco una band interessante: gli Psicorragia. Definire la loro musica è un'impresa. "La Pasión De Lo Mortal" racchiude in sé tantissime idee, unite da un immaginario scuro e decadente. Un disco che forse è passato in sordina ma che vale la pena di essere rivalutato. Rimando alla sua specifica recensione per ulteriori dettagli. In realtà, dall'anno della sua uscita (il 2001) non si è più sentito molto degli Psicorragia. Shapeless ha deciso bene di intervistarli per saperne di più e per farli conoscere meglio al pubblico italiano.
L'intervista è stata condotta via e-mail con Mario Romanet Rivas, bassista e cantante della band.



E' passato molto tempo dall'uscita di "La Pasión De Lo Mortal". Cos'è successo nel frattempo?
Innanzi tutto, grazie per lo spazio che ci dai. Sono passati già due anni da quando è uscito "La Pasión De Lo Mortal" e durante tutto questo tempo ci siamo tolti delle belle soddisfazioni. La principale è che la sua diffusione è stata notevole a livello mondiale e ci hanno potuto notare anche nei paesi dove la nostra musica era sconosciuta in precedenza. E' grazie al lavoro di diffusione realizzato dall'etichetta e dalla band stessa che hanno potuto ascoltarci in alcune zone dell'Europa, del Nord America, dell'Asia e dell'Australia; per non parlare delle buone recensioni ottenute dalle riviste e webzine. Questo ci ha caricati e siamo disposti a spingerci più oltre con la band, incluso venire a suonare da voi appena possibile.

Avete dei progetti in cantiere?
Certamente. In questi due anni ci siamo riposati ma al tempo stesso abbiamo ci siamo allenati componendo continuamente. La forza e il sentimento di questo periodo verranno riflessi in toto nel nostro progetto successivo ovvero il secondo disco degli Psicorragia, che pensiamo sarà disponibile all'inizio del prossimo anno. Quest'album manterrà lo stile oscuro degli Psicorragia con lo stesso lavoro in tema di sperimentazione, che nello specifico verrà ben più intensificato. E' più emozionale e possibilmente più tecnico. E proprio per questo disco abbiamo pianificato un tour internazionale, grazie al quale speriamo di visitarvi a breve.

Raccontaci un po' del vostro passato. Come sono nati gli Psicorragia? Chi ha scelto il nome della band?
Ecco. Gli Psicorragia sono nati come un progetto tra il '93 e il '94. Ci siamo uniti ai tre membri fondatori con il desiderio di esprimere tutto il nostro mondo interiore mediante il metal, che è stato e sarà il genere che più ci garba. Abbiamo avuto molti problemi nel trovare una line-up adeguata e di completo accordo con le aspettative musicali che avevamo, ma a metà del '97 siamo riusciti a far quadrare il tutto e a raggiungere la nostra meta. Le composizioni furono strutturate al meglio e così abbiamo potuto registrare il nostro primo demo "Otoño". In quanto al nome del gruppo ti posso dire che Psicorragia è una parola spagnola che ha origini greche. Il suo significato varia a seconda del contesto nel quale lo usi, ma rimane sempre vincolato alla morte. Può simboleggiare sia il momento nel quale l'anima fugge dal corpo al momento del decesso o anche, in medicina, gli istanti dell'agonia. La parole include anche connotazioni metafisiche ed esistenziali, secondo quanto ha commentato un nostro amico greco. Il nostro significato è più correlato al primo dei precedenti e simboleggia il cammino decadente della vita verso il punto finale dove si trova la giustizia morale della libertà. I testi si basano prevalentemente su questi concetti e la musica tenta di accompagnare queste idee.

"La Pasión De Lo Mortal" è un album molto interessante. E' bizzarro. Dà tutta l'impressione che non vogliate essere ingabbiati in un preciso genere musicale. E' vero questo?
Molte grazie per il commento. La tua opinione è corretta. Da quando la band si è formata non si può certo dire che abbiamo cercato di fare questo o quello stile. Abbiamo sempre cercato di sentirci molto liberi al momento di comporre, tenendo conto di tutte le influenze che abbiamo ricevuto dai diversi stili nel corso degli anni. Non siamo dogmatici. In definitiva incontrerai sempre l'elemento metal nei nostri temi musicali ma mai incasellato in un unico stile. Inoltre sentirai accenni di altri generi musicali, però sempre mescolati con il sangue del metal. Lo stile degli Psicorragia è oscuro se posso menzionarne una caratteristica, proprio come il metal lo fu dalle sue origini. Inoltre è sperimentale per quanto riguarda la parte compositiva, per questo può suonare in maniera anche bizzarra. Ci piace suonare tutto ciò che ci viene in mente.

Qual è stata la reazione della critica alla vostra musica?
Quando abbiamo fatto uscire "La Pasión De Lo Mortal" grazie all'American Line Production, sapevamo già che l'etichetta avrebbe promosso abbastanza il materiale fuori dal continente. Questo era grandioso poiché avremmo raggiunto la critica di tutti quei luoghi nei quali in precedenza nessuno ci aveva ancora sentito. Come conseguenza arrivarono recensioni dall'Europa, dall'Asia e dall'Australia. Ci ha fatto molto piacere: calcola che siamo stati ben accolti da media differenti con recensioni molto positive. Ci hanno considerato una band con uno stile innovativo e che era strano ma positivo che provenissimo dal Sud America. Nelle zine che usano dare un voto ai CD ci hanno valutato tra un 7 e un 9. Questo ci ha resi abbastanza fieri e col prossimo disco cercheremo di fare ancora meglio. Abbiamo tutta l'intenzione di migliorarci.

So che il Sud America, compreso il vostro Perù, ha una lunga tradizione metal. Sfortunatamente, la maggior parte delle band rimane relegata ad una fama molto underground. Qual è la ragione di questo fatto?
Anch'io vorrei sapere la ragione di tutto questo. Effettivamente il Sud America possiede un cuore metal da molti anni ed esiste una lunghissima tradizione di musica pesante nei nostri paesi. Ci sono addirittura band degli anni ottanta che continuano a suonare ancora oggi. E' tristemente noto che la situazione economica del nostro continente a volte è instabile. Ad esempio la posta è costosa e la corrispondenza nel metal è molto importante per la diffusione. Un gruppo subisce molte limitazioni al momento di dover inviare pacchetti promozionali con la sua ultima realizzazione. E questo include le spedizioni alle grandi etichette, che devono essere presentate meglio e posseggono un peso maggiore. Un altro fattore limitante è stato per lungo tempo il caso dell'equipaggiamento, il quale doveva essere sempre richiesto all'estero ed il costo dell'invio era altissimo. Sommando, sono cose che si sono fatte sentire nel corso del tempo e che hanno tenuto in disparte il metal sudamericano dal resto del mondo. Adesso che i media sono migliorati le cose negli altri continenti si sono un po' evolute. Ed è sempre difficile farsi l'orecchio a sonorità provenienti da altri luoghi. Ho fede che tutto questo cambierà poiché in Sud America ci sono grandi band ed il mondo si sta sempre più globalizzando. Il tempo lo dirà.

Quali sono le band peruviane più interessanti?
Potrei farti una lista enorme, infatti il Perù possiede tantissime band di qualunque stile metal. Per quanto riguarda il death metal posso dirti, per esempio, Disinter, Mortem, Crimson Death o Gore. Per il thrash ci sono i Necropsya e gli Epilepsia. Per il doom En Las Espesas Nieblas e Kranium. Per l'heavy metal e l'hard rock ci sarebbero Orgus, Seres, Terrenal. Ma questi sono solo alcuni nomi.

Ho notato che avete avuto una cura particolare non solo per la musica ma anche nei testi e nell'artwork! Chi ha scritto i testi? Sono molto poetici...
Mi dà un'immensa soddisfazione che, tenuto conto della differenza idiomatica tra i nostri paesi, hai considerato la parte lirica del nostro gruppo. I testi li ho scritto io e il fatto che contengano sfumature poetiche è dovuto al fatto che originariamente si trattava proprio di poesie. Sono state adattate alle strutture delle canzoni rispettando però le loro origini.

Qual è il tema che lega l'universo lirico degli Psicorragia?
Tutti i temi sono basati sull'essere umano, sia dal lato emozionale che da quello riflessivo. L'elemento costante potrebbe essere la morte, come un fatto che definisce la nostra condizione. Spaziano dal piacere all'agonia, dalla negazione della fede all'ironia della vita. Che la morte sia sempre con voi!!!

Scrivi ciò che vuoi ai lettori di Shapeless. E spiega cosa fare per conoscervi meglio!
Innanzitutto vi sono riconoscente per questo spazio e ne approfitto per dare un insano saluto a tutti i metallari che supportano la scena leggendo questa webzine. Siate sicuri che il prossimo disco sarà ancora più profondo, più sperimentale ed emozionante. Dalla brutalità all'armonia, dallo sconclusionato alla riflessione. Vistate il sito web del gruppo e scriveteci.
La morte sia con voi, mano a mano che vi aprirà la carne e la mente!!!

Psicorragia
c/o Mario Romanet Rivas
Av. Santa Gertrudis 585 Urb. Santa Emma
Lima 1
PERÚ
Mail: psicorragia@hotmail.com
Sito internet: http://www.psicorragia.com/