Oblivion 999
(Tamas - Novembre 2002)


Gli Oblivion 999 sono una band interessante ma che ancora deve esprimere tutto il proprio potenziale, nonostante Paths Of Denial sia un demo interessante. Rispondono alle mie (scontate) domande Diego e Franz ovvero chitarrista fondatore e bassista della band.



Iniziamo con le classiche e scontate domande sulla storia del gruppo, indispensabili però per far conoscere una band vogliosa di emergere. Quindi raccontate la storia degli Oblivion 999.
(Diego) Dunque, gli Oblivion 999 nascono nel marzo del 1999, appunto, per opera mia e dell'ex batterista Shanti, dalle ceneri del nostro precedente gruppo, i Coven, fino ad allora la nostra prima ed unica esperienza musicale, nel contesto della quale tutto era rimasto in una fase puramente embrionale. Proprio per questo in noi nasceva l'esigenza di un nuovo inizio, ecco quindi il perché della nascita degli O999: trovati un bassista (Franz) e un altro chitarrista (Poggio) che ora con me sono l'ossatura fondamentale della band, ci siamo messi a suonare e a scrivere ed il salto di qualità è stato praticamente immediato. Dopo un po' di mesi abbiamo trovato finalmente la persona giusta per ricoprire il ruolo di singer, ossia Alle, e questa formazione è rimasta stabile fino al dicembre del 2001, e ha registrato insieme "Paths Of Denial". Dopodiché c'è stato lo split-up con Shanti e Alle (di cui parleremo nel seguito). L'ultimo capitolo importante della storia degli Oblivion 999 è, ahimè, un'altra defezione, quella della ex-new entry Fabio (batterista), per ragioni personali che per correttezza nei suoi confronti non riportiamo... è stato un altro duro scossone, perché con Fabio si era già instaurato un bel feeling, e vederlo andar via per ragioni assolutamente indipendenti da noi non fa certo bene alla band... non ci siamo persi d'animo però, stiamo già contattando alcuni probabili sostituti... speriamo che la situazione si stabilizzi...

Il nome da cosa deriva? Come mai il 666 è stato rovesciato? C'è qualche motivo particolare?
(Diego) Al contrario di quanto succede per molte bands, la scelta del nome non è stata difficile... dovevamo esordire live e ancora eravamo "innominati", e allora abbiamo pensato che Oblivion ci piaceva... ma visto che è un vocabolo abbastanza diffuso nell'immaginario metal, abbiamo pensato di aggiungerci il 999, anno di nascita della band e numero "scenico" per via dell'attinenza col 666... tuttavia non è questo il significato, non c'è nessun riferimento a occultismo e cose varie in noi, siamo persone molto... direi "posate", che badano alla sostanza più che all'immagine e vogliono principalmente divertirsi suonando... tutto qui. Comunque il nome ci piaceva e l'abbiamo tenuto così.

Sulla bio c'è scritto che state completando un po' di pezzi nuovi: a che punto siete? E soprattutto... avete trovato un nuovo singer?
(Franz) 4 pezzi nuovi sono ultimati e altrettanti sono ad un punto avanzato di arrangiamento. Per quanto riguarda il cantante siamo finalmente a posto: nelle fila del gruppo è entrato Stefano Crotti, e ti posso assicurare che ha un'ugola che spacca!!!
(Diego) Sì, la buona notizia è l'entrata di Ste, che umanamente e musicalmente si sta già inserendo molto bene nel discorso del gruppo. Per i pezzi nuovi... sono lì, sono pronti, bisogna solo trovare un fottuto batterista che ce li suoni!!!

Come mai 2 membri della band, presenti sul CD, hanno deciso di andarsene?
(Franz) Soprattutto per divergenze musicali: Shanti e Alle spingevano per un approccio più "straight in your face", ancora più thrash, mentre gli altri componenti del gruppo erano più indirizzati verso una struttura della canzone più varia e moderna... (Diego) ...se a ciò ci aggiungi un calo di motivazioni da parte di entrambi, capisci bene che le motivazioni erano plausibili. Personalmente sono stato molto scosso dalle due defezioni, perché Alle è un gran cantante e perché con Shanti abbiamo fondato e portato avanti la band per tre anni, ma bisogna sempre avere la forza di guardare avanti, se si crede in quel che si fa!

Siete soddisfatti di "Paths Of Denial"? Vorresti cambiare qualcosa? Io cambierei i suoni di chitarra ed avrei curato maggiormente gli assoli, tu cosa dici?
(Franz) Non posso che darti ragione per quanto riguarda il suono delle chitarre, che risulta spesso "leggerino"; penso che questo, assieme al fatto che abbiamo avuto solo due giorni per registrare il demo abbia penalizzato la resa degli assoli (che, credimi, dal vivo girano decisamente meglio).
(Diego) Anche io sono d'accordo per quanto riguarda il suono delle chitarre, mentre per gli assoli il discorso è un po' diverso... comunque tieni presente che noi prima di allora non eravamo mai stati in studio come band, avevamo pochissimo tempo, ci siamo preparati "alla cieca" facendo il meglio che potevamo in sala prove, e in due giorni abbiamo dovuto metabolizzare l'impatto con le registrazioni e registrare tutto. Io personalmente sono soddisfatto, sicuramente potevamo spingere i tecnici per un suono di chitarra più peso, sicuramente se avessimo avuto più tempo e meno fretta potevamo riregistrare molte più volte gli assoli per averne una resa ottimale, ma quel che è fatto è fatto e le recensioni ricevute finora non ci hanno mai stroncato, anzi... quindi è tutto un guadagno nel bagaglio tecnico e di esperienza di ognuno. (ebbravi ragazzi, così si parla - nd teonzo)

I testi non sono troppo solari :-) Chi li scrive?
(Diego) I testi sul demo sono opera mia e di Shanti. Ora che lui non è più nella band il principale scrittore di lyrics sono io, ma anche gli altri mi aiutano. Non sono troppo solari, è vero... "Farthermost" è di Shanti ed è incentrata sui valori della società di adesso, che non condividiamo... "standing alone on the path of denial... ... time to react, time to break through..." è una denuncia dell'urgenza di seguire nuove strade, cercare valori alternativi...
"Things Untold" invece è mio, tratta di una vicenda personale, di quanto sia duro trovare un senso alle relazioni che falliscono, di farsene una ragione... e le "cose non dette" sono tutte quelle considerazioni che a mente fredda rendono il tutto ancora più difficile. "Thrust The Knife" parla di isolamento e misantropia, ma è un testo molto acerbo, la canzone era in origine del repertorio dei Coven e l'ho scritta con qualche anno in meno, e si vede!
"Oblivion" è di Shanti, il testo parla di illusione e follia, ma non è granché specifico...
"Shivering" è invece un mio testo, scritto di getto, viene dalle mie viscere, è uno spiraglio su quello che mi muove di più nel mio intimo... è anch'esso un testo un po' impulsivo e acerbo ma comunque di grande significato personale.
A livello generale, comunque, cerco di orientare la mia scrittura su temi seri... idee di testi nuovi sono sul crescente disordine nella situazione umana, sul divorzio, su persone che non riescono a crescere, o anche su particolari sensazioni legate all'esistenza e a come la si percepisce... insomma non di moto né di spade, non di dragoni né di chiese bruciate...

Parlando di concerti... suonate delle cover? Preferite un approccio più violento (headbanging, casino in generale) o cercate di essere più puliti possibile (tecnicamente) magari a discapito dello spettacolo?
(Franz) Per quanto riguarda le cover proponiamo "Stand Ablaze" (In Flames) ed un medley tra "Blinded By Fear" (At The Gates) e "Raining Blood" (da dire? ... Slayer, of course), durante le prove ogni tanto proviamo pezzi di altri gruppi come Dark Tranquillity e Sentenced. In cantiere c'è poi la cover di "Russians" di Sting, con arrangiamenti metal... un progetto un po' stravagante, ma ti assicuro che funziona!
Per quanto riguarda l'approccio live personalmente preferisco essere molto attivo, mi viene naturale! Cerco comunque di essere il più preciso e pulito possibile...

Gli Oblivion 999 sono "amici" nel vero senso della parola o delle persone che suonano insieme e poi ognuno per i cazzi propri?
(Franz) Guarda, io Diego lo conosco dai tempi delle elementari, quindi puoi immaginare tu!!! Per quanto riguarda gli altri componenti del gruppo la storia non è poi molto diversa in quanto abbiamo la fortuna di avere molti interessi comuni ed un approccio alle cose molto simile, sono molto soddisfatto del rapporto di amicizia che si è istaurato.

Come mai hai deciso di suonare? C'è stato qualche musicista in particolare che ti ha spinto verso lo strumento?
(Franz) Ho sempre avuto la passione per la musica, e il passaggio da ascoltatore a "suonatore" è stato molto naturale. La passione per il metal nasce quasi subito, ma chi mi ha fulminato sono stati sicuramente gli In Flames! "Stand Ablaze" è stato il primo loro pezzo che ho sentito e da quello è nata la mia passione per lo swedish!! Oltre al metal però ascolto quasi tutto, dalla fusion al rock!
(Diego) Anche io ascolto musica fin da quando ero bambino, sono cresciuto a pane e Black Sabbath, ma in generale sempre con un sacco di musica diversa nelle mie orecchie, e questo continua tuttora. Ho iniziato a suonare perché volevo formare una band metal. Ci sono riuscito. Se devo però scegliere un gruppo su tutti che mi affascina e mi influenza ora come ora, direi i Dark Tranquillity, immensi.

Donne: bionde o more? Ti piaccioni i piercing/tatuaggi?
(Franz) Finalmente una domanda seria! Sono costretto a rispondere le more perché se la mia ragazza vede quest'intervista e rispondo diversamente mi massacra!!! I piercing mi piacciono e ne ho uno sul sopracciglio, mentre i tatoo li trovo molto belli ma non sono il tipo!
(Diego) Rispondo bionde per il motivo di cui sopra! Sono fondamentalmente restio a tutte le modifiche artificiali della propria immagine, per il resto, quindi...

Per ora basta così: siamo ai saluti e baci.
(Franz) Un saluto a tutti i lettori di Shapeless Zine, mi raccomando: SCARICATE I NOSTRI PEZZI SU VITAMINIC!!! Stay fuckin' metal!

Mail: oblivion999@eudoramail.com