Obliteration (NOR)
(Hellvis - Gennaio 2008)


Ecco i norvegesi Obliteration di ritorno sulle pagine virtuali di Shapeless. Siamo fieri di poter seguire il percorso di questo gruppo, dato che siamo stati tra i primi a scriverne in Italia. Con "Perpetual Decay", i nostri hanno dimostrato come si possa ancora scrivere un album death metal capace di intrigare ed iniettare adrenalina nelle vene dell'ascoltatore. Risponde Sindre Solem, il gentilissimo cantante.



Ciao amici! Il 2007 verrà ricordato come l'anno del vostro full-length d'esordio! Passati alcuni mesi dalla sua pubblicazione, continuate ad essere soddisfatti dai riscontri ottenuti da "Perpetual Decay"? Andate ancora fieri di questo vostro lavoro? Vorreste poterne cambiare qualcosa, col senno di poi?
Ciao capo! Sì, sono molto soddisfatto dell'album, e dei riscontri, ma ora sto notando come avremmo potuto muoverci diversamente in sede di produzione, cosa che avverrà nel prossimo album, sul quale stiamo già lavorando. Ma la gente sembra apprezzare l'album, e penso che le canzoni siano esempi di death metal cazzuto, perciò sono molto contento di quello che siamo riusciti a fare. E, come ho detto, alcune cose cambieranno nel prossimo album, cose che avrei voluto e dovuto fare in "Perpetual Decay", per intenderci. Renderlo più cattivo e così via.

Personalmente, penso che "Perpetual Decay" sia il miglior album death metal uscito quest'anno in Norvegia, assieme a quello dei Diskord! Il vostro songwriting è molto abile, ed è chiaro che voi sappiate come plasmare la materia death metal. Quanto ci avete messo a comporre queste canzoni, ed a registrare l'intero album?
Eheh, sono usciti solo due album death metal in Norvegia, quest'anno!! Ahah! E personalmente penso che l'album dei Diskord spacchi veramente! Sono degli dei.
Non so dirti con precisione, noi scriviamo sempre nuove canzoni, ed alcune delle canzoni dell'album hanno cominciato a prendere forma molto prima che l'album venisse pubblicato, mentre le ultime due traccie sono state completate solo una settimana prima che entrassimo in studio, eheh. Ma penso che ci sia voluto un anno per scriverlo, più o meno.
Le registrazioni sono durate solo tre, quattro giorni, e tre, quattro giorni anche il missaggio ed il resto.

Il vostro death metal è molto tradizionale, e non innovativo. Ma, ecco, le vostre canzoni sono veramente belle; ed il vostro album è completamente godibile anche dopo diversi ascolti! La vostra musica è la risposta a tutti coloro i quali pensano che il death metal sia morto. Qual'è la vostra impressione riguardo alla scena death metal internazionale contemporanea?
Grazie! Beh, lo stesso vale per le scene black metal e thrash metal: le cose sono state ORRIBILI negli ultimi dieci, quindici anni. Specialmente per il death metal! Ogni cosa si traduceva in death metal clinico, noiooooso e tecnico con una produzione leccata, e così via. Ma qualcosa è successo due anni fa, quando alcuni gruppi hanno comionciato a suonare in maniera reale ed onesta, come le buone vecchie band. Il vero death metal è rinato! Perciò, la scena attuale comprende sia quelle merdose band tecniche, sia quei veri gruppi di vecchio stampo che valgono davvero. Il death metal sta vivendo un vero punto di svolta, ed apprezzo questo. Ascolta i Repugnant, Necrovation, Death Breath, Diskord, Grotesque Hystorectomy, Tribulation, Execration, Drowned e altri. Per capire di cosa sto parlando.


Dopo la violenza totale del vostro 7" precedente, con "Perpetual Decay" avete messo in mostra un uso interessanti di sezioni più lente. Pensate che il vostro stile si stia evolvendo, anno dopo anno? Tra l'altro, avete scritto nuove canzoni nel frattempo? Cosa dovremmo aspettarci da voi in futuro?
sì, forse. Non lo so, noi suoniamo soltanto ciò che ci viene in mente, e posso ammettere che siamo stati MOLTO influenzati dagli Autopsy lo scorso anno, eheh. Stiamo scoprendo sempre meglio tutto il grande death/thrash dei tempi passati (non ci dimentichiamo che i musicisti sono tutti giovanissimi - nd Hellvis), così le nostre influenze stanno cambiando, anche se penso che abbiamo già trovato il nostro modo di esprimerci, il nostro stile. Non aspettarti altro che una vendetta di metal trascinante! Puro e malato, ecco cosa aspettarsi. Abbiamo già terminato di scrivere il prossimo album (eheh, la metà almeno), e suona bizzarro e malato.

Cosa ci puoi dire dei vostri testi? Dai titoli, è facile intuire che abbiate a che fare con tematiche violente ed orrorifiche, giusto?
Sì. A me non piace discutere dei testi, ma sono violenti ed orrorifici, e ritraggono soggetti presenti nelle nostre menti, alcuni seri ed altri non così seri, eheh!

Avete pubblicato il vostro album grazie alla Tyrant Syndicate. Siete soddisfatti del suo lavoro? Siete ancora in contatto con Einar e la sua Duplicate Records? Pensate che pubblicherete altri 7" o EP con essa?
MOLTO soddsfatti, è l'etichetta con la quale volevamo lavorare, e continueremo a pubblicare album fino a quando ci sbatteranno fuori a calci in culo, eheh!
Sì, siamo in contatto con lui, è un buon amico, uno dei migliori ragazzi della città. Non abbiamo progetti rigaurdo a 7" con lui, in quanto il nostro scopo principale è quello di pubblicare album, scrivere canzoni e uccidere in maniera fottuta! Ma non si può mai sapere!

Gli Obliteration sono di sicuro uno dei migliori gruppi underground norvegesi. Ma sò bene quanto il vostro underground sia ricco di band interessanti. Lo seguo da anni e, ad esempio, un mese fa ho comprato il CD dei Nekromantheon, nel quale suonate tu ed Arlid! Cosa ci puoi dire della situazione attuale dell'underground norvegese? E dicci anche qualcosa dei Nekromantheon!
L'underground norvegese (come in tutto il resto del mondo o quasi) sta arricchendosi di grandi gruppi death e thrash. E questo mi piace! Solo due settimane fa ho scoperto i Dumhetens Hær (che significa l'Armata Della Stupidità), che suonano un death metal crusteggiante fottutamente buono! La scena è così ricca di gruppi fighi che non posso certo menzionarli ora, ma lasciami dire che non ci sono ragioni per temere della salute futura dell'underground metal norvegese!
I Nekromantheon, sì, il mio gruppo thrash. Stiamo lavorando su un album completo, ed abbiamo appena registrato due nuove canzoni per una compilation in 7" della Relapse. Non so quando verrà pubblicata ma non ci vorrà molto. Arlid, chitarrista in ambedue le band, e Kickan dei Nekromantheon hanno comprato uno studio, così possiamo registrare tutto gratuitamente (si trova nella cantina di Kick, eheh), e il suono è molto old school e malato! Da adesso, tutto verrà registrato lì, dagli Obliteration ai Nekromantheon.

Cosa ci dici della vostra attività dal vivo? Suonerete fuori dalla Norvegia, nel 2008?
Stiamo suonando dal vivo, non così tanto come vorremmo, ma lo stiamo facendo. Andremo nel Regno Unito per quattro spettacoli a marzo, con i Ramesses, e speriamo che la cosa sia interessante. Spero che potremmo fare un tour in Europa con qualche grande gruppo, ma non è facile organizzarlo. Se qualche band ci volesse come sostegno in un tour, prego, mi faccia uno squillo!

Questa breve intervista è finita! A te le ultime parole!
Grazie per dell'intervista! Ascoltate il metal reale, e sostenete i vostri gruppi locali. Rimanete malati, ascoltate il sacro terrore, bevete birra, comprate il nostro album (ed ascoltatelo) e restate sintonizzati in attesa di novità dal canale Obliteration!



Sito internet: http://www.obliteration.tk/