Nocturna
(EvilEnry - Luglio 2002)


Ecco l'intervista ai Nocturna, un gruppo molto promettente che ci propone un genere poco di moda come il techno-thrash. A loro la parola!



Ciao Marco! Innanzitutto complimenti per la demo! Avete realizzato davvero un ottimo prodotto! Sarete soddisfatti credo...
Grazie, sì, siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto, ci siamo affidati ad uno studio specializzato in HC e metal (il FEARSTUDIO di Alfonsine - RA) e credo che il risultato si senta! Anche se ne siamo orgogliosi a distanza di tempo c'è sempre qualcosa che vorresti cambiare o migliorare, come il suono delle chitarre...

Anche il booklet è molto ben fatto. Da dove viene l'immagine della copertina?
L'immagine è opera del 3DesignStudio di Ferrara, un gruppo di giovani professionisti molto in gamba, come puoi vedere, e vi consiglio di visitare il loro sito http://www.3Ddesignstudio.it/. L'idea del gargoyle sulla clessidra è da un po' di tempo che l'avevo in testa e viene fuori anche in qualche testo come simbolo dello scorrere del tempo. Tutte le immgini del booklet sono metafore o simboli dello stesso concetto: ingranaggi, sequenze di volo, cornici di quadri... Ti ringrazio dei complimenti per il resto del booklet, dato che l'ho fatto io... studiando architettura mi interesso anche un po' di grafica!

Hai voglia di fare un breve riassunto della storia della band e di parlarci dell'attuale line up?
Ok, ci siamo formati nel '95 come cover band. Nel '96 Franz sostituisce il precedente bassista; poi segue qualche concerto nei centri sociali e qualche contest. Abbiamo inciso il primo demo nel '97 intitolato "Nightfaring", composto da tre brani per le misere finanze. Le buone recensioni sulle riviste specializzate ci hanno portato a suonare un po' in giro e nel 2000 a partecipare con un brano alla compilation "Screams from Italy vol.5" per la Dawn of Sadness. Infine, sfumata una buona occasione con una label italiana, abbiamo registrato e autoprodotto il demo "The Meaning of Time", ed eccoci qua! L'attuale line up è la stessa, inalterata dal '96: Diego chitarra solista, Marco voce e chitarra, Claudio batteria e Franz al basso.

Avete avuto qualche offerta in seguito all' uscita della demo?
No, ancora niente; avevamo una buona offerta per la produzione di questo mini CD con un'etichetta italiana, ma, come nella migliore delle tradizioni, è sfumato tutto poco prima delle firme del contratto! Speriamo che adesso qualcosa si muova...

I testi ruotano attorno al significato del tempo: come mai questa scelta? Qual è per te il significato del tempo? (mi sento un po' Marzullo)
E' la misura, nel bene e nel male, con la quale valutiamo la nostra vita. Credo che ognuno di noi si trovi, prima o poi, a farci un pensierino sopra (e non necessariamente la solita cazzata: "ma guarda come passa il tempo!"); è un concetto insito nell'esistenza stessa, se pensi ad esempio alle sue fasi (infanzia, pubertà... fino alla morte). il tempo diventa così la misura di tutto, visto che il bene più importante che un uomo possieda è la sua vita! Per non pensare al tempo come memoria e quindi come storia, con la sua apparente ciclicità... E' veramente un discorso vasto e affascinante... Ci guardiamo spesso alle spalle, pensiamo sempre al futuro, ma troppo poco cogliamo le opportunità del presente... i testi del demo sono collegati da questa sensazione, l'impotenza di poter cogliere quell'attimo, "...ogni istante ti divora un po' di quel piacere che viene accordato all'uomo finché dura il suo tempo...". Nella stesura dei testi hanno giocato un ruolo fondamentale i poeti romantici e decadenti (la tematica dello scorrere del tempo è assolutamente ottocentesca!), soprattutto un certo Charles B. "...Ricordati che il Tempo è un giocatore avido, che senza barare vince ad ogni colpo..."

Nella recensione vi ho paragonato a due bands in particolare: i Tourniquet e i Jacob's Dream. Conosci queste bands e ti ritrovi un po' in quanto ho detto?
No, mi dispiace non le conosco. Nelle varie recensioni ci hanno paragonato a gruppi e generi vari e spesso diversi tra loro. Neanche noi riusciamo a identificarci in un genere ben definito, forse per le diverse influenze musicali che abbiamo all'interno del gruppo.

In generale, quali sono i gruppi che vi hanno influenzato di più?
Io e Franz (bassista) sicuramente il metal e il thrash più classico, per gli altri qualcosa di più cattivo, quindi: DEATH, PANTERA, SLAYER, SEPULTURA; Diego (chitarra) ascolta molto death melodico (At The Gates, The Haunted, ecc.), Claudio (batteria) anche qualche puntata sui PRIMUS...

Qual è il cantante a cui ti ispiri maggiormente? Hai una voce molto bella e alta e immagino sia un cantante con queste caratteristiche. (ti assicuro che non sto cercando di baccagliarti, è solo che adoro i cantanti con la voce tipo la tua e quando ne incontro uno italiano mi spreco in un miliardo di complimenti)
Beh, ti ringrazio, non c'è un cantante in particolare, sono cresciuto ascoltando Bruce Dickinson, Mark Boals, Freddie Mercury, Michael Kiske, Rob Halford, John Oliva, i classici insomma, e inevitabilmente qualcosa del loro modo di cantare rimane e ti condiziona. Mi piacciono molto John West dei Royal Hunt, per il suo modo di cantare eccezionale senza dover per forza "strafare", il grandioso James la Brie per gusto ed estro, Devin Townsend per la totale ed anticonformista follia compositiva!

Come mai la scelta di cantare e suonare la chitarra? Lo trovi difficile o ormai è una cosa che ti viene naturale?
Premetto che non sono un gran chitarrista, infatti vengo spesso bacchettato da Diego (chitarra solista) per la mia non pulizia esecutiva... cantare e suonare è una cosa che ho sempre fatto sin dai primi gruppi con cui ho suonato da ragazzino, ma non sempre è semplice, soprattutto su riff serrati e veloci in cui bisogna essere precisi e puliti! (ha ha)

Quali sono i gruppi nuovi che ti hanno più impressionato?
Non seguo molto le nuove uscite, quindi mi trovi impreparato! Comunque mi hanno ultimamente colpito i DISTURBED, il loro cantante è veramente un pazzo! Per Diego i SYSTEM OF A DOWN, i LIMP BIZKIT del secondo album (Franz), Claudio ha apprezzato le uscite dei MUDVAYNE e SLIPKNOT.

E della scena metal odierna cosa ne dici? Come vedi tutte queste reunion di gruppi storici?
C'è una gran carenza di idee, anche da parte dei gruppi giovani. Ci si trova sempre ad ascoltare con nostalgia i vecchi album e le band storiche, per questo hanno quasi più successo le reunion piuttosto che i gruppi emergenti. Sinceramente noi siamo un po' scettici nei confronti delle reunion, danno l'idea di una mera operazione commerciale (al di là del valore storico indiscutibile del gruppo!) comunque non abbiamo potuto esimerci dall'esserci a quella dei BLACK SABBATH del '98! Sicuramente ora incuriosiscono le uscite nu-metal, ma spesso si rivelano deludenti e povere di innovazioni.

Quali sono i vostri programmi per il futuro? Avete concerti in programma per promuovere la demo o aspettate di registrare qualcosa di nuovo?
Pochissimi concerti! Abbiamo appena avuto due date e abbiamo un concerto in programma il 21 luglio al castello di Sorrivoli, vicino a Cesena, in una serata di raccolta fondi pro Mozambico. Com'è "Metal & Beneficenza"...?

Com'è la situazione concerti li da voi? Ci sono posti in cui suonare o avete delle difficoltà?
La riviera romagnola non offre molta possibilità di suonare metal, fino a qualche anno fa c'era qualche pub dedicato al metal, ma ora le occasioni sono veramente poche, soprattutto per quanto riguarda la nostra città, Cesena; infatti i nostri concerti e quelli delle bands metal cesenati in zona sono sempre più sporadici.

Ok, ti ringrazio molto per l'intervista e rifaccio i complimenti a te e al gruppo per l'ottima demo realizzata! Vuoi salutare i lettori della 'zine con un messaggio particolare?
Grazie a Shapeless per l'intervista e l'opportunità concessa, salutiamo gli amici e i sostenitori dei NOCTURNA, e chiunque fosse interessato non esiti a contattarci !