Necrophagist
(teonzo - Marzo 2002)


Ed ecco la mia prima intervista ad un gruppo straniero! Ho mandato le domande via mail a Muhammed (la mente dei Necrophagist, leggete la recensione), e nel giro di un paio di giorni ho ricevuto le risposte, quindi gli rinnovo i complimenti sia per la disponibilità che per la musica! A maggio dovrebbero suonare due concerti in Italia, uno a Vicenza ed uno in provincia di Torino, quindi consiglio a tutti di andarli a vedere!!!



Prima di tutto, ci puoi raccontare la storia dei Necrophagist, così la gente si può rendere conto del vero significato della parola "sfortuna"?
La storia dei Necrophagist non è tanto bella. Puoi riassumerla dicendo che i membri dei Necrophagist non hanno mai provato la stessa dedizione alla musica che provo io. Infatti la maggior parte di loro erano dei fan dei Necrophagist prima di entrare nella band. Ma alla fine ogni situazione si è rivelata deludente. Così molti se ne sono andati, ed altri se ne sono dovuti andare perché è molto difficile riuscire a suonare le canzoni dei Necrophagist se non sei professionale, o perché non volevano dedicarci abbastanza lavoro. Così forse tutti i membri precedenti hanno tratto profitto in qualche maniera dal suonare con questa band, ma i Necrophagist non hanno assolutamente avuto nessun profitto da tutti loro. Così il gruppo è stato sempre ricacciato indietro nel tempo ed ha sempre dovuto ricominciare da capo, di volta in volta. Tutto tempo perso!
(per chi non ha mai letto la loro biografia, faccio notare che qui Muhammed è stato mooooolto diplomatico, non ha raccontato il fatto che un bassista sia scappato coi soldi destinati alla registrazione del primo album, e che un batterista si sia gravemente ferito ad una mano al lavoro prima della registrazione di "Onset Of Putrefaction"... se non è sfiga questa!!! - nd teonzo)

Quali sono le tue influenze musicali? E quali gruppi ti piacciono?
Ho svariate influenze. Ma non credo si possano notare ascoltando i Necrophagist. Beh, ora come ora sto ascoltando roba come il nuovo album dei Dream Theater, alcune opere di Beethoven, gli Spastic Ink o qualche album death metal del passato. Intendo i classici, gli album veri...

Nella mia recensione ho descritto la vostra musica come "brutal neoclassico", concordi con questa definizione?
Puoi definirla così, suppongo. Ma sta tutto a te, io non oserei mai paragonarmi con i maestri della musica classica. Almeno c'è un approccio classico a cose come i riff e gli assoli. Il basso e la batteria invece sono puramente death metal.

Penso che tutti i problemi che hai dovuto affrontare ti debbano aver cambiato come persona. Pensi che ti abbiano cambiato anche come musicista?
Beh, sicuramente mi hanno cambiato come persona. Fai esperienza nel trattare con le altre persone e nell'affrontare i problemi. Ed ovviamente queste cose ti influenzano emotivamente e ti cambiano. E poiché i sentimenti e le emozioni hanno un effetto sulle proprie composizioni allora i problemi che ho affrontato probabilmente hanno influenzato le mie canzoni.

Come vengono create le canzoni dei Necrophagist? Scrivi tutto da solo?
Sì, faccio tutto da solo. E' un peccato, mi piacerebbe che i miei compagni scrivessero almeno le loro parti, ma per qualche motivo non lo fanno ;-)

Sei soddisfatto di "Onset Of Putrefaction"? E che mi dici delle recensioni e delle vendite di quest'album?
Sì, sono soddisfatto, ma naturalmente avrei potuto fare certe cose un po' meglio, almeno per quanto riguarda il suono, anche se penso che sia abbastanza buono per uno che non aveva assolutamente nessuna esperienza nel campo della produzione... Le recensioni sono state tutte ottime senza praticamente nessuna eccezione. Le vendite non sono andate poi così bene, penso che abbia venduto circa 2000 copie. Ma d'altra parte non c'è stato nessun tipo di promozione per l'album. Si è pubblicizzato da solo colpendo positivamente gli ascoltatori, che poi hanno fatto il passaparola.

Quanto tempo hai impiegato a programmare la drum machine per "Onset Of Putrefaction"? Mille ore???
No, 8 giorni, uno per ogni canzone (questo qui non è umano!!! - nd teonzo). Ma fare questo lavoro è stato infernale. L'unica amarezza è che non ho ottenuto i suoni che volevo per i sampler delle varie componenti. Sarebbe potuta risultare meglio di come è uscita. Specialmente i tom, perché quello è l'elemento di una batteria più difficile da campionare, visto che è facilissimo che suoni artificiale. Ma lasciamelo dire: le persone che non sapevano che si trattasse di una drum machine prima di ascoltarlo, non se ne sono resi conto. Quindi la programmazione non è risultata poi così male alla fine dei conti.

Di cosa parli nei tuoi testi?
I testi di "Onset..." trattano tematiche gore. Non perché seguo l'argomento, ma perché le canzoni di quell'album sono molto vecchie. E i testi sono stati scritti quando ero un ragazzino che adorava il vecchio materiale dei Carcass. Oggigiorno non scriverei più testi del genere, perché non avrebbe senso per me. D'altra parte non volevo cambiare assolutamente niente riguardo le canzoni, perché hanno la loro importanza sia per me che per i Necrophagist. Sono un documento di come il gruppo si è evoluto...

Quali sono i progetti futuri dei Necrophagist? Stai scrivendo del nuovo materiale? E in che stile è?
Attualmente sto scrivendo delle nuove canzoni. Lo stile è naturalmente simile a quello di "Onset..." ma in certe parti più melodico ed allo stesso tempo brutale come l'inferno, come tutti sono abituati a sentire da parte dei Necrophagist. Faremo il maggior numero di concerti possibile e contemporaneamente arrangeremo le nuove canzoni in modo da essere in grado di registrarle per la fine di quest'anno.

Cosa ci puoi dire della scena underground tedesca? Ci sono dei gruppi interessanti che ci vuoi segnalare?
Sì, ci sono dei gruppi veramente validi, l'underground tedesco si è sviluppato molto negli ultimi tempi e i nostri gruppi non hanno bisogno di nascondersi di fronte a gruppi provenienenti, che ne so, dagli USA o da altri stati, al contrario. Vorrei segnalare i Deadborn (con degli ex membri dei Necrophagist), i Profanity, i Veneral Disease, i Mortifer o i Sinners Bleed, solo per fare qualche nome...

Conosci qualche gruppo italiano? Intendo dire gruppi veri ed estremi, non roba tipo i Rhapsody, heheeh!
Conosco i Natron, gli Eviscerate, i Funeral Cry, gli Hand Of Doom ed altri ancora... e penso che siano tutti ottimi gruppi...

Che ne pensi di internet? E' un buon mezzo per diffondere l'underground, oppure è una minaccia per i gruppi visto che la gente può scaricarsi gratuitamente album interi (incluso il vostro) in mp3?
Da un lato è grandioso poter fare il passaparola come è successo coi Necrophagist, dall'altro lato è triste che i gruppi che hanno bisogno di rivedere indietro i soldi che hanno investito, i gruppi underground come noi, restino fottuti! Questo non danneggia poi molto i gruppi pubblicizzati e lanciati, poiché la gente gli compra lo stesso l'album...

Penso che il 2001 sia stata un'annata povera per le uscite metal. Ci sono stati album che ti hanno colpito in maniera positiva o negativa?
Voglio solo parlare degli album meritevoli.. L'album che mi ha colpito di più è stato "Six degrees of Inner Turbulence" dei Dream Theater. Penso che sia un album grandioso. Non ricordo proprio nessun altro album degno di nota, probabilmente non ho una buona memoria, ma può darsi che hai ragione quando dici che è stata un'annata povera.

In maggio verrete a fare un paio di concerti in Italia. Usate qualche effetto speciale sul palco? Suonate qualche cover? Cosa dobbiamo aspettarci dai Necrophagist? Avremo una possibilità di sopravvivere???
Yeah, arriveremo di nuovo nella terra della Pizza (il mio cibo preferito - chiunque voglia farmi un piacere può portarmi una pizza fatta da sua mamma, senza maiale mi raccomando, sono musulmano). L'ultima volta sono rimasto impressionato dai fan italiani. Penso che siate i migliori metal fan che abbia mai incontrato, lo penso sul serio. Non ho mai visto nulla di simile da nessuna altra parte... Beh, non usiamo effetti speciali sul palco, al massimo comprerò qualche pedale per il riverbero per gli assoli... E sì, suoniamo una cover del grande Chuck Schuldiner, e probabilmente sarà dura per voi sopravvivere, quindi vedete di fare attenzione, hahaha...

Ok, questo è tutto! Sei libero di dire quello che vuoi!
Stiamo cercando di fare dei concerti in Italia a maggio, controllate il nostro sito http://www.necrophagist.de/ per le date. E aggiungo ancora che non vedo l'ora di mangiare più pizze italiane possibile... Grazie mille per la recensione e l'intervista ai Necrophagist. E' grazie a persone come te che ci siamo fatti un nome nell'underground...