Nanowar
(Hellvis - Novembre 2005)


Questa è la seconda volta che Shapeless intervista i Nanowar! Perché? Perchè lo meritano! Troppe facce scure e musi lunghi: negli anni '80 non era così! Era l'epoca dell'heavy metal, quello vero, e chi è più TRUE dei Nanowar?!! Nessuno! Se la pensaste diversamente, beh, evitate di leggere quest'intervista e tornate ad ascoltarvi "Virtual XI"...
Rispondono Gatto Panceri 666 e Potowotominimak.



Ciao Gatto e Potowotominimak! Allora, a mesi dalla sua pubblicazione, potrei dire che "Other Bands Play, Nanowar Gay" si sia rivelato un successo! Dando un'occhiata in giro per il web, ho notato con piacere che il vostro album sia stato apprezzato sia in Italia, sia all'estero (anche in paesi di linguamadre inglese, cosa stupefacente!). Siete ancora soddisfatti di questo vostro lavoro?
Gatto: Ciao Mauro!! "Other Bands..." è stato un vero successo, peccato per il secondo posto agli MTV Awards, potevamo fare di meglio. Pur tuttavia lo riteniamo tuttora il nostro miglior lavoro mai uscito nel 2005 visto il grande impegno profusovi nella sua realizzazione.
Potowotominimak: La cosa davvero stupefacente è che in genere le lingue madri si dimostrano ostili al tipo di musica che suoniamo, a chi non è mai capitato di sentirsi dire dalla propria lingua madre "Basta con questo Heavy Metal!!!" oppure "E la chiami musica questa? Ascoltati Renato Zero, piuttosto!"... Ecco, si può dire che con questo lavoro ci siamo ingraziati le lingue genitrici (anche se avevamo già un certo riscontro positivo tra le lingue padri).

Ho portato in giro con me il vostro album, e ho chiesto spesso ai gestori dei pub che frequento di farlo passare come musica di sottofondo. Neanche a dirlo, dopo un po' di minuti c'era sempre qualcuno che si piombava al bancone, chiedendo chi fosse il gruppo di schizzati che avevano messo su! Chiedendo in giro, cercando di capire i commenti della gente, ho visto che c'è una grande curiosità (almeno, nel torinese, dove abito io) nel vedere un vostro spettacolo dal vivo. Eppure, in una tua e-mail, mi hai detto che nonostante il pubblico sia entusiasta nei vostri confronti, pochi locali si sono dimostrati pronti a farvi suonare. Qual è la ragione di tutto questo? Le cose stanno cambiando, ultimamente?
Gatto: La ragione secondo me è che i locali che trattano musica metal fanno suonare o gruppi cover, o gruppi che pagano apposite agenzie di booking. Pensa che un pub con musica dal vivo di Viterbo ci ha detto addirittura che "Other Bands..." non raggiungeva gli standard minimi di qualità richiesti ai gruppi per suonare lì!! Ora, il CD può piacere o no, ma penso che sia oggettivamente prodotto e suonato bene... Delle decine di locali che ho provato a contattare pochissimi hanno risposto, ed uno solo ci ha proposto una data, il Garage 56 a Udine. La serata è andata così bene che ci hanno proposto di risuonare li all'inizio dell'anno prossimo!
In generale comunque mi sembra che i gestori e gli addetti ai lavori siano più interessati a spillare soldi ai gruppi emergenti, o ai promoter e alle agenzie di booking che senza neanche chiedere chi sei o che suoni ti chiedono soldi per organizzarti qualche data...
E mi sembra una cosa che accade solo in Italia, visto che abbiamo avuto diversi contatti con promoter ed organizzatori in Germania e Portogallo che si sono dimostrati tutti estremamente disponibili ed interessati...

"Other Bands Play, Nanowar Gay" è un'uscita molto professionale: le singole tracce sono molto curate in ogni particolare, e gli arrangiamenti dimostrano un gran lavoro di fondo. Diciamo che il vostro album sia musicalmente impeccabile e compositivamente ottimo, tenuto conto dell'intento parodico. Perché, secondo voi, tanta critica tende a sminuire i meriti musicali di un album, se la sua tematica di fondo è demenziale o goliardica?
Gatto: Innanzitutto grazie: effettivamente abbiamo lavorato per quasi sei mesi sugli arrangiamenti dei pezzi, cori, controcori, armonizzazioni, melodie, violino, tastiere, big mac, spade, bicchieri, dragoni e Bruno Vespa. Il problema della musica goliardica è questo: se sai che un pezzo dice un mucchio di cazzate difficilmente riesci a concentrarti sulla musica... Sinceramente non biasimo più di tanto questo tipo di atteggiamento, a volte capita anche a me di mettere in secondo piano la musica di un gruppo in base agli argomenti di cui trattano i loro testi. Ti faccio un esempio: "Into The Lungs Of Hell" dei God Dethroned è un gran bel CD musicalmente parlando, ma io non riesco ad ascoltarlo, a causa dei testi contro la vivisezione e alla Rage Against The Machine sul governo che ti spia... Non c'entrano un flompino con la musica, ed indirettamente questo modifica anche il mio atteggiamento verso la musica del gruppo in genere.
Potowotominimak: Te lo dico io perché ci sminuiscono, perché abbiamo gli uccelli più grossi dell'intero panorama metal mondiale, e questo provoca invidia nella critica e nelle persone con complessi, cioè in TUTTE le band musicali del mondo (spero che qualcuno capisca sta stronzata).

Uno dei momenti più geniali del vostro album, è la canzone "Gioca Truè". Come dire, non credo ci sia una traccia più azzeccata da suonare dal vivo! Come ha reagito il pubblico alle nuove canzoni, quando vi siete messi a suonarle dal vivo? E, domanda più generica, come si svolgono i vostri concerti? Qual è il vostro "must" dal vivo?
Gatto: Beh il "Gioca Truè" come quasi tutti i pezzi del disco, li suonavamo già diversi mesi prima dell'uscita del CD. A volte la gente che non conosce il pezzo ci mette un po a "realizzare" di che razza di stronzata si tratta, ed a ballare di conseguenza... Per i nostri concerti... a dire il vero non c'è un must, ogni volta stravolgiamo gli arrangiamenti dei pezzi in chiave punk, jazz, blues, death metal, condendo il tutto con tonnellate di cazzate sempre diverse, forse questo è una delle cose che preferiamo fare suonando dal vivo, oltre che introdurre armadilli morti nell'ano di Britney Spears!
Potowotominimak: Chiaramente prima di usare l'armadillo testo personalmente le grazie di Britney... sapete come sono questi animalisti, pertanto mi assicuro che passare per il suo ano non comporti alcun rischio per la salute di niente o nessuno.

Se vi proponessero di andare a suonare in un gay club o a Napoli, accettereste?
Gatto: A Napoli sarebbe difficile, visto che abbiamo ricevuto diverse minacce dagli abitanti locali... un gay club di certo, sarebbe un occasione per Potowoto di trovare l'uomo della sua vita!
Potowotominimak: Che volete farci, sono un uomo di larghe vedute. E larghe sedute.

Tra i tanti leit-motiv delle vostre pubblicazione, vi è un continuo richiamo al Mc Donald. Non so se sia una mia impressione, ma negli ultimi tempi trovo che i loro panini si siano appesantiti ancora di più. E le patate sono molto più oleose. Non mi pare che abbiate mai trattato, nello specifico, degli effetti deleteri relativi all'evacuazione intestinale causati da un eccesso di Happy Meal o McRoyal Deluxe Menu Maxi. Insomma, sono argomenti attuali, e sono un po' dispiaciuto che non abbiate approfondito certe tematiche così attuali e socialmente utili. Che dite a vostra difesa?
Gatto: Beh, devo dire che ti sbagli, visto che "Emerald Fork" parlava di tutti i problemi gastrici connessi all'alimentazione Made in BigMac!! In ogni caso sul prossimo CD faremo una suite basata sul film "Super Size Me" che sarà un po' la summa del nostro big-mac pensiero.
Potowotominimak: E dal vivo riproporremo in diretta la stessa esperienza ipercalorica del suddetto film! Questo ovviamente comporterà il fatto che saremo in grado di fare solo un concerto all'anno, per poter riprendere il nostro peso forma, ma il concerto DURERA' UN MESE INTERO!!!
Stiamo già prendendo gli accordi con i distributori dei Mc Donald della nostra zona, e l'evento si svolgerà al Granteatro su via di Tor di Quinto, a Roma. Non mancate!

Quando suonate dal vivo "Metal-La-La-La", ricreate sul palco la scena della doccia, con la caduta della saponetta e tutti gli eventi successivi? La recitate anche durante le prove, o a casa, tra di voi? Insomma, è una cosa che vi piace?
Gatto: Sì.
Potowotominimak: La cosa difficile sta nell'impedire che l'acqua della doccia raggiunga i cavi degli amplificatori. Una volta abbiamo causato un corto e... ma questa è un'altra storia, Mauro. Questa è un'altra storia.

Ma è vero che siete contenti quando vi viene l'influenza, dato che potete mettervi tutte le supposte che volete?
Gatto: Sì.
Potowotominimak: E perché aspettare l'influenza?!

Parliamo di cover. State coverizzando tutti i classiconi del metal. Il pubblico ama molto questi vostri exploit! Nuove cover in arrivo?
Gatto: Sì.
Potowotominimak: Sì, si chiameranno "Fear Of The Duck", basata su un episodio vero, che potrete conoscere anche voi andando sul sito http://www.pauradelleanatre.quack/, e "Igor Fly Free" dal ben noto pezzo degli Helloween, che narra le avventure del famoso gobbo assistente di Frankenstein e dei suoi problemi con elastici per il bungee jumping difettosi.

Avete mai pensato di coverizzare "Hallowed Be Thy Name" dei Maiden, magari facendola iniziare (dopo la lenta parte iniziale, ovviamente) con le parole "Che ne sai tu di un campo di grano / nostalgia di un amore profano..."?
Gatto: Azz, che bella idea!! A dire il vero non ci avevamo pensato, ma ora che ce l'hai detto di sicuro non lo faremo!

Parliamo dei vostri rapporti con le groupie. Quante ve ne alternate? Non è che ne avete qualcuna di avanzo, così da inviarla alla redazione di Shapeless? Questa volta vi ho dato 8, potrei darvi di più la prossima volta: rifletteteci.
Gatto: Groupie... beh essendo fanatici delle chat erotiche, abbiamo accesso ai punti groupie, come descritto su: http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/cronaca/prostitutonline/prostitutonline/prostitutonline.html
Inoltre non ho mai sentito dire "avanzano le groupies" mi sembra un concetto contrario alle leggi della fisica...
Potowotominimak: Semmai mandateci più groupies! Ah, niente darkettone metallare ciccione (che sono un classico).

Una curiosità... Cos'è sta storia di "Pennino"?!
Gatto: Diglielo tu, Potowotominimak.
Potowotominimak: Pennino è il mio pappagallo. L'ho conosciuto mentre mi trovavo all'ospedale dopo un incidente in motoscafo: avevo speronato una nave e mi sono ritrovato temporaneamente cieco e paralizzato, quando un giorno dissi "passatemi il pappagallo, ho da fare due gocce!"; mi passarono il pappagallo e ci pisciai dentro, senza rendermi conto che stavo pisciando in bocca al pappagallo del capitano della nave che avevo abbattuto, e che si trovava nella mia stessa stanza. Mi scusai col capitano per la gaffe, e tornai ai pitali di alluminio, per sicurezza. Ma ormai pennino c'aveva preso gusto alla cosa, pertanto, con sommo rammarico di quel lupo di mare, il volatile decise di seguirmi ovunque io andassi.

Che progetti avete per il futuro? Un nuovo album? E, questo week-end, fate qualcosa? Casa mia è libera, ed ho una grossa camera da letto piena di specchi...
Gatto: Purtroppo questo week-end sono impegnato in un pogrom di collezionisti di francobolli, che peccato!! Progetti per un futuro più futuro: vincere le elezioni, scampare ad un attentato della camorra e girare NanowaR - The Movie un film sulla storia di Gameliele, il dentista nudista...
Potowotominimak: Se porti le groupies non ciccione di cui parlavamo prima, io ci sono.

Bene, questa breve intervista è finita. Se aveste ancora qualcosa da dire, ditelo ora. Se no tacciate per sempre.
Gatto: Visitate il nostro sito. Scaricate i nostri mp3. Fatela tutta, fatene tanta. Associatevi alle associazioni. Non accettate caramelle dagli sconosciuti.
Potowotominimak: Credo di avere parlato anche troppo... Un saluto a tutti i metal fan! Dopodiché un saluto alle persone intelligenti.


http://www.nanowar.it/