La Division Mentale
(Hellvis - Settembre 2007)


Seguendo la musica che conta e le mode del momento, si rischia di non notare alcune realtà musicali di indubbio interesse. Questo è il caso dei francesi La Division Mentale, un gruppo-progetto che è cresciuto moltissimo negli anni, e che si candida decisamente come una delle rivelazioni del black annata 2007. Risponde CyPHeR, la mente di questa malatissima realtà musicale.



Ciao CyPHeR! Tanti, tanti complimenti per "L'eXtase Des Fous": che grande album! Una pubblicazione fresca in un panorama black internazionale decisamente stanco! Come hanno reagito la critica ed i fan, fino ad ora?
Ciao amico, grazie per i complimenti! Sono veramente felice che "L'eXtase Des Fous" ti sia piaciuto. Dalla sua pubblicazione, abbiamo ottenuto solo ottime risposte: non è strana la cosa?
I commenti nel nostro sito sono fottutamente incoraggianti, e le recensioni molto buone. C'è ancora qualche persona che sputa su di noi, ma non faremo nulla per farle cambiare opinione, perché il problema è puramente stilistico.

Il vostro album d'esordio mostra un grande miglioramento rispetto al demo. Un songwriting intelligente, una seria attenzione agli arrangiamenti, un equilibrio studiato tra la varie traccie. Avete speso tanto tempo e fatica per realizzare questo album. Ora, sei completamente soddisfatto? O vorresti poterne cambiare qualcosa, se fosse possibile?
Sì, sono completamente soddisfatto de "L'eXtase...", altrimenti non avrei cercato di pubblicarlo. Penso che alla fine abbiamo realizzato ciò che realmente avremmo voluto realizzare per "L'eXtase...".
Forse non è la perfezione, la produzione non schifosa, ecc... Nessun rimorso, questo album è semplicemente ciò che è, incluse le qualità, la riflessione, l'impulso, l'istinto, ecc... E' un insieme di cose. Questo album ha la sua identità, e lo apprezzo per ciò che è.
Vedremo cosa succederà con il secondo, perché è da escludersi che rifaremo la stessa cosa, anche se ha funzionato.

Il vostro stile è originale, ma ho notato una forte influenza norvegese, in particolare di Thorns e simili. Qual è il tuo background musicale? Perché senti il bisogno di esprimere la tua ispiraione con suoni così spettrali e inumani? Cosa vuoi comunicare con la musica de La Division Mentale?
Influenza norvegese? Sì, mi piacciono i Khold, questa band spacca... Sono un grande fa degli Ulver. Qualche album degli Arcturus e dei Satyricon (da "Rebel Extravaganza" in poi) sono sempre sulla mia scrivania... non così tanti CD, a conti fatti, ma sono definitivi per me.
Mischio tutto ciò che mi piace ascoltare, così... Se c'è un tipo di black metal che mi ha influenzato, sì, questo è quello. Ma sono così tante le cose che ho ascoltato nella mia vita, spero che la mia musica non sembri limitata all'influenza norvegese... Sono un fottuto mercenario. Ho collaborato con tantissime band diverse, che suonano stili diversi. Mi sono evoluto nella scena estrema del metal, nella scena elettronica e sperimentale, ho lavorato anche in progetti post-rock, ecc...
Alle volte come chitarrista o bassista, altre volte come screamer o come "macchinista". Quando non suono nel gruppo, sono dietro la console come tecnico...
Penso che La Division Mentale sia la sola occasione nella quale riesca a sperimentare tutte le cose che mi piacciono nei miei diversi lavori. E' la sola cosa che voglio comunicare con La Division Mentale: la mia passione per la musica, qualunque essa sia. Ogni cosa ha un suo posto ne La Division Mentale, ogni cosa è coerente. Magari la potrai trovare strana o insopportabile, ecc... Ma è esattamente ciò che io voglio ascoltare. La mia vita crea la mia musica. Non voglio nessuna immagine o "etichetta" per quello che faccio con La Division Mentale. Preferisco molti linguaggi per definire il tema, ed il tema di "L'eXtase Des Fous" è basato sulle mie pene, solo storie personali come musica di fondo. In questo caso, per rappresentare alcuni sentimenti, il linguaggio elettronico mi è sembrato che fosse il più appropriato. Più astratto, ma anche più universale. Ho dato l'atmosfera, ognuno può metterci su la propria esperienza. E' interattivo!

Ne "L'eXtase Des Fous", le canzoni sono divise da traccie elettroniche/ambient/noisy. Cosa ci puoi dire di esse, e della tua collaborazione con Yd e Bk?
"L'eXtase..." è una narrazione con una parte molto descrittiva (le canzoni con Mriik) ed una più astratta, più vicina alle sensazioni che al tema (le tracce con Yd e Bk). Non volevamo creare una successione di tracce, ma un viaggio sonoro. Abbiamo dovuto usare il nostro miglior vocabolario per esprimere ciò che volevamo.
Yd e Bk sono amici molto intimi. Mi hanno lasciato manipolare il loro suono per ottenere ciò che avete ascoltato. Li ringrazio per la fiducia. Abbiamo creato quest'album in famiglia, nel modo in cui mi piace lavorare. Ho lavorato con Yd negli Absent, un progetto elettronico. Con Yd, abbiamo creato un collettivo dedicato alla sperimentazione elettronica e nelle arti in generale: aB.1oo (http:// http://www.myspace.com/collectifab1oo).
Bk di Bablon Chaos e Sicnoise lavora con noi, ed è parte del collettivo.

Il tuo modo di comporre non è mai banale, ed hai un grande talento nel comunicare sensazioni malate o disturbanti. Quali sono le tue fonti di ispirazione principali?
Sono ispirato da ciò che mi circonda... La vita. Sono molto attento ai miei pensieri; analizzo le situazioni. Prendo molti appunti, in genere descrizioni. Cerco poi di restaurarle con la mia musica; solo energia basata su sensazioni oscure o intime. Una terapia strana e lunga. Un gioco narcisista.

Uno dei punti forti dell'album è il cantato di Mriik. Cosa pensi del suo lavoro?
Sì, Mriik ha dato un'interpretazione tutta malata. La prima volta che ho ascoltato i Devilish Era, ho subito capito che avrei dovuto chiedergli di lavorare con La Division Mentale. Sapevo che avrebbe calzato a pennello con ciò che avevo in mente, e altro ancora. Per La Division Mentale, le parole sono suoni, ma implicano anche qualcosa di molto personale che può essere vomitato fuori solo da un caro amico. Mriik ha fatto il suo fottuto lavoro. Egli è la voce del mio lato oscuro.

Sei soddisfatto del lavoro dell'etichetta?
Sì, Marco e la Blood Fire Death hanno realizzato un buon lavoro. L'album ha una distribuzione fottutamente buona ed una promozione valida. Non potevo sperare di meglio per un primo album. Appunto, stiamo lavorando insieme in vista del nuovo La Division Mentale.

Sò che hai suonato assieme a Mriik nel suo ultimo disco dei Devilish Era (mio lapsus quando ho inviato la domanda: in realtà ha suonato nell'ultimo disco dei Wolok, altro progetto del suo collega Mriik - nd Hellvis). Suoni in qualche altro progetto, oltre a La Division Mentale?
Devilish Era? Ho solo lavorato con i Wolok come produttore e programmatore della batteria, in un album intitolato "Servum Pecus". Magari un giorno collaborerò con i Devilish Era, ma non c'è ancora nulla per ora... Oltre a La Division Mentale, suono con gli Absent (combo elettronico) col mio amico Yd. Nessun altra fottuta band. Non ho tempo per questo. La Division Mentale ed Absent assorbono tutta la mia creatività. Continuo comunque a collaborare come produttore per alcune band, come ho fatto in passato con Wolok, Hymen o Horrid Flesh, ecc.
Lavoro anche per il collettivo aB.1oo (http:// http://www.myspace.com/collectifab1oo).
E devo lavorare per dar da mangiare alla mia famiglia... il tempo non può essere allungato.

La Division Mentale, è anche una band live?
Per il momento, no. Non abbiamo tempo per lavorare su una dimensione live.
Penso che farò solo serate industrial con il nome di La Division Mentale, da solo, e solo per serate particolari.

Piani per il futuro? Hai scritto nuove canzoni?
Ora sto lavorando sul prossimo album. Penso che la fine del lavoro di composizione sia da collocarsi per questo inverno, e la produzione avverà in seguito.
E ho remissato una traccia che apparirà in una retrospettiva di 4 CD per i dieci anni di Melek Tha (il dio francese del ritual industrial) questo inverno.
Aspetta di sentirci molto presto, sia sulla scena di metal estremo che sulla scena elettronica. Siamo pronti per indossare di nuovo i nostri incubi, da ogni parte: resta sintonizzato!

Questa breve intervista è finita. A te le ultime parole!
Ehi amico, grazie per il sostegno: è la prima volta che rilascio un'intervista ad una zine italiana! Spero soltanto che i vostri lettori apprezzino l'album... Hellcome in the Noise!



Sito internet: http://www.myspace.com/ladivisionmentale