Kronos
(BRN - Maggio 2004)


Dopo aver sentito come suonano questi ragazzi francesi, qualche domanda di approfondimento era praticamente d'uopo. "Colossal Titan Strife" è uno dei dischi migliori ed innovativi che mi sia capitato di sentire in ambito Death. All'intervista, condotta al solito via mail, ha risposto il batterista Mike: preparatevi a leggere questo fiume di parole!



Prima di tutto direi di far luce sulla storia dei Kronos... Perché avete scelto questo monicker?
I Kronos sono stati fondati nel 1994 dal nostro chitarrista Grams e me. Eravamo molto giovani (lui era quattordicenne e io tredicenne!) e avevamo iniziato a suonare canzoni di AC/DC, Metallica e anche brutte cover di Jimmy Hendrix ed Eric Clapton. Poi, dopo molti avvicendamenti nella line-up, ci siamo evoluti molto verso uno stile più veloce, tecnico e brutale. Abbiamo quindi registrato il primo demotape, dal titolo "Outrace", e ne abbiamo venduto oltre 300 copie in Francia come in Spagna, Canada, Svezia e Giappone... Grazie a questo inaspettato successo, abbiamo deciso di continuare per questa strada. Finalmente, quando Tom è entrato nel gruppo come bassista, abbiamo iniziato a suonare Brutal Death Metal.
Poi abbiamo registrato il nostro primo CD autoprodotto nel 2001. "Titan's Awakening" è stato registrato ai Second Side Studio in Francia, nel quale hanno registrato gruppi come Depraved e Blackheads. Subito dopo, la francese Warpath Records (ex Shockwave), da Tolosa, ci ha offerto di riregistrarlo di nuovo sotto il loro marchio. Ovviamente abbiamo accettato subito per beneficiare di una distribuzione in tutto il mondo: era un nostro vecchio sogno ottenere un contratto discografico, e per questo non potevamo rifiutare questa offerta! La seconda versione dell'album è stata registrata nel settembre del 2001. Guardando indietro, posso dire che questa riedizione ci ha davvero lanciati, visto che abbiamo lavorato abbastanza bene, e ci ha anche permesso di suonare in Francia così come all'estero (Germania, Belgio, Svizzera e Olanda). Ci ha anche permesso di farci conoscere.
Nel giugno del 2003 abbiamo avuto un nouvo avvicendamento nella formazione, con Richard che ha rimpiazzato Tems alla chitarra, e due mesi dopo siamo entrati ai CCR Studio in Belgio (Aborted, No Return...) per registrare il nostro secondo album "Colossal Titan Strife", che è stato pubblicato il 20 dicembre dalla spagnola Xtreem Music (ex Repulse Records), con la quale abbiamo firmato un contratto per due album, dal momento che la Warpath ha smesso la sua attività come etichetta.
Il nostro monicker è in relazione al soggetto cui spesso facciamo riferimento, ovvero all'ultimo titano greco chiamato Cronos (scritto anche Chronos o Kronos).

Suppongo che voi siate totalmente soddisfatti del risultato finale di "Colossal Titan Strife". Dal songwriting alla produzione sensazionale, ogni aspetto sembra semplicemente perfetto. Cosa ne pensi di quest'album? Puoi descrivere la vosta musica ai lettori? Avete qualche particolare fonte di ispirazione o cercate di comporre musica nel modo più originale possibile?
Siamo piuttosto soddisfatti del risultato finale. Ogni canzone è stata studiata nota per nota, elemento per elemento, e il suono che è stato ottenuto, grazie a Kris Belean ai CCR Studio, corrisponde totalmente a quello che avevamo in mente prima delle registrazioni. Volevamo che fosse potente, brutale ma anche preciso ed intenso. Volevamo anche che ogni strumento si sentisse chiaramente, ma senza perdere quel senso di omogeneità che lega il tutto. Per quanto il nostro stile sia una cosa che ci tocchi da vicino, non è facile descriverlo oggettivamente. Comunque, posso dire che suoniamo un Brutal Death violento, veloce e tecnico, influenzato anche da altri stili, nel quale la gente riesce a riconoscere passaggi più melodici, Dark, Power, Grind, Thrash e anche Black. In poche parole, volevamo che il nostro album suonasse il più diverso possibile, ma non doveva essere noioso, dato che la troppa linearità è spesso un problema nel Death Metal. Vogliamo che chi ascolta il disco per la prima volta riesca a memorizzare subito dei passaggi di varie canzoni. Catturare l'attenzione della gente è un aspetto essenziale per noi. Invito tutti ad ascoltare il nostro disco e decidere con la propria mente se abbiamo raggiunto il nostro scopo oppure no!

"Colossal Titan Strife" è uno degli album Death più tecnici che abbia mai sentito. In particolare, ogni strumento è suonato in modo semplicemente perfetto. Credi che un livello tecnico notevole sia necessario per questo tipo di musica?
Intanto grazie molte per tutte queste osservazioni che non fanno altro che motivarci ancor più a continuare per questa strada! Per rispondere alla tua domanda, credo che la tecnica sia prima di tutto uno strumento per creare musica che attragga l'attenzione. Comunque, non ci piaccciono tutti quei musicisti che usano troppa tecnica giusto per far vedere il loro pseudo talento e che dimenticano l'armonia e la musicalità. E' per questo che cerchiamo di comporre ogni volta usando le competenze di ciascuno di noi ma anche tutte le possibilità che ci sono date da ciascuno strumento. Ad ogni modo, è vero che lavoriamo soprattutto nella preparazione e nell'aspetto tecnico in quanto necessari in ogni tipo di musica e per ogni gruppo... Questo è vero soprattutto per il Brutal Death, essendo una musica molto veloce che richiede chiarezza, precisione in ogni strumento, così come la possibilità di essere ascoltata e capita in maniera chiara, efficace, ed essere interessante e potente. Per finire e delineare il mio punto di vista, posso dirti che abbiamo registrato tutte le canzoni usando un metronomo per avere una maggior accuratezza e precisione possibile.

Ritieni che per un disco sia più importante un grande impatto o una buona preparazione tecnica, magari accompagnata da una notevole qualità sonora? Non credi sia difficile combinare entrambi questi elementi nello stesso album? Consideri "Colossal Titan Strife" più diretto e violento o più tecnico e complesso?
Secondo me entrambi questi aspetti sono importanti quando si è interessati alla qualità. Cerchiamo sempre di combinare gli aspetti tecnici e musicali, come ti ho già detto prima. Per questo penso che "Colossal Titan Strife" sia un disco diretto e violento tanto quanto tecnico e complesso. Entrambi gli aspetti camminano mano nella mano. Per concludere, penso anche che il suono sia molto importante nel Brutal Death perché è questo che dà la carica essenziale e la precisione alla coerenza ed efficacia della musica nel suo insieme. Qual è lo scopo di creare canzoni tecniche, veloci e complesse se poi non si riesce a distinguere nulla chiaramente??? Verrebbero private di ogni genere di interesse ed è per questo che ritengo che se speri di fare un bel disco, hai bisogno di una produzione che sia buona quanto le canzoni per avvalorarle. La ricetta magica per un buon album è 50% buone canzoni e 50% bel suono.

Come siete riusciti ad ottenere una qualità sonora così elevata? Quanto tempo siete stati in studio? Vi siete divertiti? E com'è stato registrare fuori dalla Francia? Avete avuto problemi?
Abbiamo registrato questo disco ai CCR Studio di Zulte, in Belgio, con Kris Belean, che già aveva prodotto gruppi come Aborted e No Return, giusto per citarne qualcuno. Abbiamo lavorato venti giorni, che per noi è proprio il minimo, se vogliamo sperare di fare qualcosa di serio. Comunque, cercheremo di utilizzare trenta giorni per il nostro terzo album, se possibile, così da lavorare di più in certi dettagli e nell'atmosfera. Abbiamo registrato ciascuno strumento separatamente, partendo dalla batteria e finendo con la voce, usando un metronomo ogni volta. Poi, siamo ritornati su ciascun passaggio del quale non eravamo sicuri, per riregistrarlo. Infine, abbiamo introdotto tutti gli effetti e gli arrangiamenti in fase di missaggio. Non abbiamo avuto problemi a registrare questo disco, dal momento che abbiamo ricevuto una calorosa accoglienza da Kris e dalla sua famiglia, che ci hanno ospitati.

Sembra che siate totalmente interessati alla mitologia greca. C'è una ragione in particolare? Puoi dirmi il significato dei testi? Possiamo considerare "Colossal Titan Strife" come un concept album?
Tutti i testi sono stati scritti dal nostro ex chitarrista Tems, che ha lasciato il gruppo due mesi prima che entrassimo in studio. "Colossal Titan Strife" è un concept, poiché ruota interamente attorno ad antichi miti e leggende greche, egiziane, scandinave o di altri posti. Parliamo di storie antiche.
"Colossal Titan Strife" tratta della guerra fratricida tra i Titani guidati da Cronos e gli Dei dell'Olimpo guidati da Zeus per il dominio della terra.
"Submission" riguarda lo sfruttamento dei popoli antichi da parte dei loro comandanti che ricorrevano a pratiche crudeli e malvagie per far questo.
"Opplomak" riguarda terribili e sanguinosi duelli nell'antica Roma.
"With Eaque Sword" parla della leggenda del cavaliere senza testa che terrificava la gente decapitandola.
"Aeternum Pharaos Curse" è la storia di una maledizione sulla famiglia di un faraone nell'antico Egitto.
"Haterealm" tratta dell'odio che esisteva tra le antiche civiltà.
"Monumental Carnage" riguarda le incursioni mortali dei Vichinghi nei paesi dell'Ovest durante il Medioevo.
"Phaeton" è il mito di un giovane greco che era convinto di essere figlio del sole e la sua vita è terminata in un modo terribile.
"Kronos" racconta la vita dell'ultimo titano greco dalla nascita alla morte, mentre affronta il figlio Zeus durante la colossale sfida tra titani.
"Infernal Worms Field", infine, descrive i campi di battaglia devastati dopo la guerra tra titani e dei dell'Olimpo. Questa canzone è l'ultima del disco perché pone fine al concept. E' stato molto naturale porla in chiusura proprio per questo motivo.
Questo, in poche parole, è quello di cui parlano le nostre canzoni, ma invito tutti a leggere i testi più attentamente per capire meglio di cosa trattano precisamente.
Per concludere, penso che la nostra scelta di parlare di questo tipo di argomenti sia semplice, visto che eravamo stanchi di Satanismo, sesso mischiato a tematiche gore o altri soggetti che ormai sono diventati di uso comune. Volevamo dare qualcosa di nuovo, un approccio differente in termini di concept. Così abbiamo scelto i miti scandinavi, greci, romani ed egiziani, visto che noi tutti siamo interessati a queste storie antiche, e io in particolare, avendo studiato storia antica già da qualche anno. Ancora, penso che i nostri testi illustrino molto bene tutte le atmosfere della nostra musica, essendo oscuri, squallidi, sanguinosi, epici o fantastici nel vero senso della parola.

In che modo pensate di supportare quest'album? Siete soddisfatti della promozione della Xtreem Music? E che mi dite dei prossimi concerti? Vi piace suonare live? Avete la possibilità di esibirvi fuori dalla Francia al momento?
Cerchiamo di suonare il più possibile e dovunque per promuovere questo disco. Ecco il motivo per cui abbiamo già fatto un po' di date in Francia, ma cercheremo di suonare parecchio anche all'estero, come in Germania, Belgio, Svizzera, Olanda, Spagna, Portogallo, Italia e da qualche altra parte. Già che ci siamo, se qualcuno in Italia è interessato a farci suonare, non esitate a contattarci, saremo felici di incendiare il vostro paese! Nonostante noi siamo soprattutto musicisti, ci divertiamo molto nello stare su un palco. Invito tutti quelli che vogliano vederci dal vivo a registrarsi alla nostra mailing list sul nostro sito così da sapere tutto sulle nostre date già accordate.
Per quanto riguarda la Xtreem Music, siamo completamente soddisfatti del lavoro fatto da Dave Rotten. Abbiamo beneficiato molto di una distribuzione e una promozione internazionale da parte del nostro boss, che ci avvisava di tutte le novità che ci riguardassero. Tutto ciò è molto positivo e spero che questo vada avanti così per un lungo tempo!!

In generale avete ottenuto responsi migliori in Europa o in America? In quali paesi vendete meglio?
Dipende dalle persone, ma devo ammettere che in generale il nostro stile è più apprezzato in Europa piuttosto che in America. Non so perché, a dirti la verità. Forse abbiamo un'inconscia identità europea che ai nostri amici dall'altra parte dell'Atlantico non piace molto. Riguardo alle vendite, è troppo presto per dire qualcosa, visto che l'album è uscito solo qualche mese fa. Comunque, è vero che vende bene innanzitutto in Francia, il che è ovvio, visto che siamo più conosciuti qui ed abbiamo anche una distribuzione migliore. Infine, è anche più semplice per noi suonare in Francia essendo il nostro paese natale, così questo aspetto ci permette di vendere di più qui.

Siete fiduciosi del vostro futuro?
Ma certo, perché non dovremmo??!! No, dai, seriamente siamo molto motivati per quello che facciamo, ed anche le recensioni molto positive al momento ci danno la volontà ad andare avanti e divertirci mentre lavoriamo sulla nostra passione. CONTINUIAMO A SUONARE!!!

Le vostre precedenti uscite (in particolare demo) sono ancora disponibili?
Il nostro primo demotape, intitolato "Outrace" e registrato nel 1997, e il nostro split demo CD con la Melodic Death metal band Non Divine sfortunatamente non sono più disponibili. Comunque, il nostro primo album "Titan's Awakening" del 2001, uscito per la Warpath Records (http://www.warpathrecords.com/) è ancora disponibile ovunque nel mondo. Se siete interessati provate a cercarlo e dateci un ascolto, ci sono delle buone canzoni che ancora adesso suoniamo dal vivo. Inoltre invito tutti quelli che hanno apprezzato il nuovo disco a prenderselo perché è nello stesso stile di questo.

Ci sono gruppi interessanti o promettenti nel vostro paese, secondo te? Che opinione hai della scena estrema in Francia?
La Francia oggi può contare molti gruppi talentuosi, mi riferisco a No Return, Scarve, Loudblast, Misanthrope, Dungortheb, Recueil, Mortuary, Inhumate, Carcariass e Zubrowska tra gli altri. Ad ogni modo, non siamo più di tanto supportati nel nostro paese o all'estero perché le grosse etichette o gli organizzatori dei concerti a volte preferiscono supportare gruppi americani, tedeschi o scandinavi al posto di quelli francesi! Mi spiace profondamente per questo, visto che va a minare la nostra scena underground che è composta di molte band eccellenti. Infine, spero proprio che questa mentalità possa cambiare un giorno, e che riviste ed etichette in giro per il mondo ma soprattutto in Francia inizino a credere un po' di più sulla scuola francese in ambito estremo!!

Ok, concludi come preferisci. Spero otterrete un buon successo in futuro.
Beh, grazie mille per questa interessante intervista e per il tuo supporto! E grazie a tutti quelli che ci supportano quotidianamente e credono in noi! STAY FUCKING BRUTAL!!! Per quelli che non ci conoscono, non esitate a visitare il nostro sito internet così potrete sentire qualche nostro pezzo in mp3 estratti dai due album.
Se volete comprare il nostro ultimo disco, è distribuito in italia da:
- Avantgarde Music (http://www.avantgardemusic.com/)
- Nocturnal Music (http://members.tripod.com/nocturnalmusic/)
- Subordinate
- The Spew (http://www.thespew.org/)
- Massacro Records (http://www.massacrorecords.com/)
- The Flood
STAY BRUTAL, SICK, METAL & UNDERGROUND!!!!!!

Mail: mikekronos@aol.com
Sito internet: http://kronosbrutaldeath.free.fr/