Ivory Moon
(Muad'Dib - Marzo 2003)


Ecco l'intervista agli Ivory Moon, band di Power Sinfonico che si è sviscerata ai 'microfoni' di Shapeless!



Ciao ragazzi, potete raccontarmi la storia della band?
La band nasce nel 2000 da un'idea di Fabrizio Zucchini e Mattia Cobianchi (primo chitarrista della band e ora bassista), dopo numerosi cambi di line-up, oggi la band ha trovato una sua dimensione stabile con Gianluca Sbarbati alla voce, Cecilia Serra ai cori, Davide Calisse alla chitarra solista, Fabrizio Zucchini alla chitarra ritmica, Mattia Cobianchi al basso, Filippo Natoli alla tastiera, Emanuele Valabrega alla batteria.

Il vostro sound ha caratteristiche in comune con i Rhapsody, quali sono i dischi di ultima uscita che vi sono piaciuti di più?
Questo è un argomento divertente, tra tutte le recensioni avute ci hanno paragonato ai Manowar, agli Skylark, ai Rhapsody, ai Blind Guardian, ai Therion ed infine su una famosa rivista cartacea nel numero di febbraio a Malmsteen!!! Se ti devo dire la verità i gruppi con cui mi sento più vicino sono Virgin Steele, Symphony X, Royal Hunt, Iron Maiden e Manowar. Penso che la nostra musica sia così variegata di inserti e di parti che ognuno la può interpretare a suo modo. Probabilmente se rispondesse uno qualsiasi degli altri componenti del gruppo ognuno ti darebbe una diversa versione. Comunque la nostra musica ha dei capisaldi riconoscibili che sono la potenza e la velocità alternate a parti sinfoniche e corali, arrangiamenti diretti e potenti e frequenti cambi di tempo. I dischi che mi hanno colpito di più recentemente sono stati quelli dei Dark Lunacy e dei Symphony X, tra le grandi delusioni metterei Malmsteen e i Rhapsody.

Il lavoro svolto per la composizione dei brani fa parte di tutto il gruppo o solo di certi elementi?
In generale ogni elemento del gruppo può partecipare alla fase della composizione portando sue idee che poi tutto il gruppo arrangia insieme. Per il momento la maggior parte delle canzoni le ho scritte io, alcune volte da solo e altre con Gianluca, Mattia e Davide, quest'ultimo è anche il "responsabile" di molti arrangiamenti sui miei brani. Ma sul disco che stiamo realizzando ci sono anche pezzi scritti solo da Davide o da Gianluca, e questa vena compositiva non accentrata favorisce l'ecletticità delle nostre songs.

Una delle vostre coriste, Cecilia Serra, ha un cognome tipico della Sardegna... è originaria di questa regione (io lo sono...)?
Cecilia in realtà non è solo una corista, visto che ha anche alcune parti soliste all'interno delle canzoni ed è di origine Sarda e precisamente di San Gavino (CA), anche se lei è nata a Roma. La voce di Cecilia riesce ad amalgamarsi con la potente voce di Gianluca e riescono insieme a creare linee vocali e armonizzazioni molto particolari che ormai sono una nostra caratteristica.

A più di un anno dalla realizzazione del vostro demo siete soddisfatti del lavoro svolto?
In realtà il lavoro compie un anno a maggio, e ti devo dire che nel complesso siamo molto soddisfatti di Ivory Moon. Certo oggi come oggi cambierei la produzione, soprattutto della batteria troppo soffocata e impastata e molte ingenuità in fase di registrazione. Ma non mi sarei mai aspettato così tanti consensi per il nostro lavoro, abbiamo venduto in Grecia e in Spagna e le recensioni sono state veramente positive e abbiamo trovato tanti ragazzi che ci supportano nei nostri concerti. Devo dire che siamo realmente contenti, anche se consci che con il nostro nuovo lavoro bisogna migliorare e puntare più in alto.

Avete pronto del materiale per il vostro prossimo lavoro? E quando questo dovrebbe vedere la luce?
Il materiale per il nostro prossimo lavoro è pronto per l'80%, ci mancano da arrangiare un paio di pezzi e il gioco è fatto. Detto così sembra semplice, ma in realtà dobbiamo ancora pensare a tantissime cose, anche perché scegliendo la strada dell'auto produzione sicuramente ci siamo complicati la vita. Comunque spero che entro settembre sia pronto. E ci sarà anche una simpatica novità per i ragazzi che ci seguono... per ora non anticipo nulla, ma diciamo che chi ci segue potrà partecipare direttamente alla stesura delle tracce del CD. Tenete d'occhio il nostro sito.

Mi parlate un po' delle vostre esibizioni dal vivo?
Le nostre prime esibizioni live sono state nel 2000 anche se con altra formazione, le date che ricordo con più piacere sono state quelle con gli Zen, veramente un gruppo grandioso, e al Postmortem, dove ci siamo esibiti per la prima volta su un palco serio. Sicuramente una delle date vecchie più belle è stata quella in cui abbiamo suonato alla festa di quartiere. Siamo saliti sul palco che nessuno ci conosceva, non avevamo ancora realizzato il demo, e c'erano moltissime persone ultra cinquantenni di passaggio venute a vedere le band di cover di musica italiana e rock. Dopo la seconda canzone ho alzato lo sguardo al pubblico e ho visto che una moltitudine di gente cantava "Valhalla", ed è stato emozionante. Le ultime serate al Jailbreak e al Mc Kays ci hanno permesso di suonare con grandi band, i Windseeker, gli Invaders e i Lahamia, e sono state veramente coinvolgenti. Abbiamo messo in scaletta la cover di "Over The Hills And Far Away" di Gary Moore che ha riscosso grandi consensi, così come "Valhalla" ed "A Story Already Told" che hanno un grande impatto live. Non vedo l'ora il 19 marzo di suonare al Sonica con i Nexus Opera, un'altra fortissima band romana, dove porteremo per la prima volta live "White Wings", un'altra della nostre canzoni. Ci piace molto confrontarci con altre band e quindi vorrei rivolgere un invito a qualsiasi band voglia suonare con noi si faccia sentire per organizzare insieme qualche data.

Com'è la scena metal nella vostra regione?
Ci sono molte band con idee e che fanno buona musica, alcuni nomi sono quelli che ti ho citato sopra, ma potrei aggiungerne molti altri, i posti dove suonare ultimamente sono cresciuti, anche se la qualità dei locali non è certo eccezionale, e i locali sono molto più interessati al numero delle persone che entrano che alla qualità della musica suonata.

Vi ringrazio per la disponibilità e se c'è qualcosa che volete dire ai lettori vi lascio lo spazio per concludere come volete l'intervista. Ciao!
Ringraziamo tutte le persone che ci seguono, che amano il metal e che con coraggio portano avanti un discorso di qualità musicale. Crediamo che la musica e in particolare il metal siamo una forma d'arte e un approccio alla vita e come tale deve restare separata da questioni meramente economiche che invece tanto piacciono alle persone che vivono alle spalle dei gruppi (manager, case discografiche, ecc.). Seguite gli Ivory Moon e non resterete delusi, vi aspettiamo a uno dei nostri live e non perdetevi gli aggiornamenti di Shapeless una webzine veramente metal!!!

Mail: ivorymoon@libero.it
Sito internet: http://www.digilander.iol.it/ivorysite