Infidel?/Castro!
(Hellvis - Dicembre 2005)


Uno degli oggetti più misteriosi apparsi su Shapeless è proprio quello chiamato Infidel?/Castro!. Una musica strana, spiazzante, provocatoria... talvolta semplice rumore. Eppure, tutto funziona alla meraviglia. Beh, un gruppo per pochi eletti, ma spero che le mie recensioni, e questa intervista, possano spingere i lettori ad accostarsi agli Infidel?/Castro!. Risponde GEorge Korein.



Ciao George! Complimenti vivissimi per il nuovo album! Che reazioni ha suscitato tra la critica e gli ascoltatori? Sei ancora soddisfatto di questo disco?
Grazie! Penso che la gente ne sia rimasta confusa. Alcuni lo apprezzano, altri lo odiano, altri lo amano, la maggior parte dice che sia strano e difficile da capire. Abbiamo ricevuto alcune recensioni molto divertenti, le cui reazioni sono state veramente estreme. Ho sentito gente commentare positivamente "(In)voluntary Emotional Response", ma credo che questo sia dovuto solamente al fatto che si tratti della traccia più accessibile. Idealmente, vorrei che la gente scavasse più a fondo nell'album e che magari arrivasse ad apprezzare il materiale più denso del secondo disco: penso infatti che "Temporarily Dissolving Into Plasma During A Moment Of Oneself" sia simile ad "Emotional", ma migliore.
Sono ancora soddisfatto del disco (dei dischi). Penso che ci siamo spinti oltre questa volta, e che abbiamo realizzato qualcosa di veramente intenso ed epico, ed anche abbastanza originale, e ne vado fiero.

Per favore, presenta il tuo gruppo ai lettori italiani. E, a proposito, qual è il significato preciso del vostro monicker?
Ciao Italia! Siamo George Korein e Colin Marston. Assieme, siamo gli Infidel?/Castro! Il nostro monicker non ha assolutamente NESSUN significato, è soltanto uno stupido gioco di parole nato solo dal fatto che mi piace la parola Infidel.

La musica degli Infidel?/Castro! non è per niente facile. Come ho scritto nella mia recensione, ho cercato di "sentirla, passo dopo passo. Con le sensazioni, non soltanto con le orecchie". Pensi che questo sia l'approccio giusto per comprendere il vostro universo musicale?
La nostra musica non è facile da digerire, ed ho apprezzato tantissimo il fatto che ti sia concesso del tempo per assorbirla. Abbiamo un sacco di strati, moltissimi suoni ruvidi e sguaiati ed alcuni cambi abbastanza drastici. Alle volte il tutto è estremamente veloce, altre volte estremamente lento. Intendiamo avere un effetto veramente viscerale e credo che qualora l'ascoltatore ci facesse attenzione, potrebbe tirarci fuori qualcosa di interessante. Non è musica da sottofondo.

Ho notato che la vostra musica ha subito un'evoluzione sensibile da "Case Studies In Bioentropy". Il vostro suono era molto disturbante e folle, in quel disco. In "The 49-Day Period" la vostra musica era ancora pazza, ma meno disturbante e più criptica. "Bioentropic Damage Fractal" ha portato questo stile all'estremo. Lo descriverei come una lunga, lunga suite (ovviamente, divisa in diversi movimenti) di ambient/noise/elettronica decostruite. Sei d'accordo con me? Come descriveresti l'evoluzione della vostra musica?
Sì, queste tre pubblicazioni sono intese come una specie di trilogia (nonostante la parola "trilogia" suoni pericolosamente pomposa). Esplorano tutte tematiche correlate ed una correlata agenda sonora. "Case Studies In Bioentropy", come suggerisce il nome, altro non è che una fetta più stretta della stessa torta di "Bioentropic Damage Fractal". Anche questa si alterna tra casino e musica d'ambiente, ma tutto è più contenuto, e ci sono campionamenti di film un po' dappertutto, così come una nostra narrazione scritta. In "Bioentropic Damage Fractal" abbiamo deciso di allontanarci dai campionamenti dei film, ma di mantenere alcune narrazioni così come altri canti e vocalizzi senza parole, ed abbiamo portato tutto all'estremo: le parti lente sono più lente, le parti veloci più veloci, l'astrazione più astratta, le tracce lente più lente, le tracce lunghe più lunghe, le parti stridenti più stridenti, le parti strutturate, dense sono diventate così dense e strutturate che non riusciamo più nemmeno a riconoscere tutti i vari ingredienti. Sembra che abbiamo toccato un punto troppo astratto per essere compreso da molte persone, ma almeno la gente afferma che si tratti di una cosa abbastanza unica, e speriamo che nel tempo questo possa significare qualcosa per più persone. "The 49-Day Period" è un collage di materiale tratto da tutte e due le pubblicazioni, in varie forme alterate, spesso rappresentando simultaneamente coppie di tracce, perciò può essere considerato in un certo senso come il nostro lavoro più assurdamente denso, anche più di "Bioentropic Damage Fractal".
Abbiamo anche pubblicato alcune "Suicide Ballads", senza relazione con gli altri lavori, sullo split a quattro "Contre Tous", della Dead Mind Records. Questo materiale è più vicino alla forma-canzone, e tratta di metodi insoliti di suicidio utilizzati da vari cittadini del mondo. Ci sono due tracce: "MSIGWTTH" mostra il nostra lato più umoristico, e "Exposing One's Belly To Predators" è la nostra composizione più romantica. Penso sia una delle cose migliori che abbiamo mai fatto, ed una delle più accessibili.

Ho scritto che gli Infidel?/Castro! scrivono "musica per le menti". Quali sensazioni provate, mentre state suonando questa musica? Cosa volete comunicare all'ascoltatore?
Vogliamo avere un impatto veramente emotivo. Se ti facesse pensare, sarebbe una cosa ottima. Se ti facesse venire mal di stomaco, ci sentiremmo un po' indispettiti ma forse sarebbe una reazione appropriata. Se ti facesse ridere, piangere, spaventare, se ti facesse esclamare "Oh, non ho mai sentito una cosa simile prima", se ti trasportasse in un altro luogo o stato della mente, queste sarebbero tutte reazioni valide, credo. Ci sono state volte che la musica mi ha spaventato in un modo davvero esilarante; penso che noi puntiamo a questo, come penso che i nostri amici Time Of Orchids puntino a questo. Probabilmente non dovrei specificare cosa una canzone significhi per me, ma cazzo, lo faccio lo stesso. "Temporarily Dissolving" tratta di questi momenti improvvisi, talvolta spontanei, quando un milione di cose indescrivibili succedono nella tua mente, nel tuo corpo, e ti potresti sentire avviluppato, distrutto, rinato, potresti vivere un'intera vita sognata, misteriosa e senza parole, nella frazione di un secondo per poi sentirti dire "Ehi", ed essere richiamati da queste visioni e ritornare alla vita normale.

I miei complimenti per l'artwork del vostro album. Quanto è importante l'artwork, nel concept degli Infidel?/Castro!?
Sono lieto che ti sia piaciuto. Abbiamo sempre visto gli album come arte, e ci piace quando una registrazione è accompagnata da un'immagine potente ed appropriata. Cerchiamo di creare un artwork che stia bene con la musica, di solito tramite collage digitale, un processo che ben si adatta considerato che gran parte della musica è anche un collage digitale. Abbiamo preso in considerazione di usare un artista esterno, ma nulla è stato realizzato in tale direzione. Alcuni dei collage li abbiamo fatti assieme. Nel passato Colin si occupava della maggior parte dell'artwork, ma questa volta il lavoro maggiore è stato il mio (nella grafica, ma anche nei testi), con uno spreco di energie quotidiano, dalle 6 del mattino fino alle 8 di sera, inviando a Colin le immagini appena le avevo finite... Poi mi facevo una doccia ed andavo a vedermi i Khanate e i Dysrythmia. Uno dei quei giorni rari... Ogni immagine occupava praticamente l'intero schermo del computer, visto che non avrebbe avuto senso spendere soldi per stampare le versioni ristrette, tra le note e per un zilione di pagine. Colin ha optato per avere una confezione eccezionale che andasse a braccetto con una musica eccezionale, ed ha convinto la Crucial Blast che i soldi sarebbero stati ben spesi. Non penso che sia una questione relativa al fatto che i soldi fossero ben spesi, ma sono fiero che sempre più persone apprezzino i miei giochetti da autodidatta del Photoshop, così come per quelli che io e Colin abbiamo fatto assieme.

Cosa ci puoi dire dei testi di "Bioentropic..."? Li hai scritti tu, no? Quali sono i temi principali (ho notato delle foto del vostro presidente nel libretto, che ci sia un lato politico negli Infidel?/Castro!?)?
Li ho scritti io. Tecnicamente, non abbiamo molti testi registrati nei due dischi, ma abbiamo un sacco di testo scritto tra le note, con la funzione di testi non ascoltati. C'è un linguaggio ricorrente che non è stampato tra le pagine, ma che può essere ascoltato molto chiaramente in "Damage Fractal Series 3".
Il ricordo figlia infinitamente una serie di iterazioni inferiori progressive. Nessun difetto passa inosservato. La devoluzione è assisa oltre l'imperfezione definitiva e la stessa bioentropia sboccia in stravaganti frattali di danneggiamento, di irrazionalità naturale (cioè? - nd Hellvis).
Per la registrazione, la devoluzione (che intendiamo in senso biologico) è detta anche de-evoluzione - immagino che questo sia tecnicamente sbagliato, seguimi. L'omicida dice: "Ti inizio allo sporco", che è ancora più scorretto. In più, un amico ha puntualizzato che il ricorso, come funzione matematica, in realtà non produce iterazioni inferiori progressive. Ma questo non è una dichiarazione di una teoria scientifica, è il ritratto della sensazione di essere oppressi dalla negatività, in un modo che sfiora l'intuizione. Per esempio: "Perchè provo sempre di più e le cose stanno peggiorndo?"; "Le cose non possono andare così male" - Oh sì che possono, e continueranno a peggiorare. Ciò ci porta alla situazione politica degli Stati Uniti, che sta scendendo sempre più a fondo in un sentiero orribilmente distruttivo, con in pratica nessun segnale di ripresa. Dato che ho considerato "Bedsores" come una delle canzoni più cattive che avessimo mai potuto concepire (che si conclude in un non-essere... con tutta probabilità una buona cosa), Colin ha deciso che avremmo dovuto dedicarla a G.W. Bush. Ho quindi seguito le direttive con l'artwork, che ritrae una piaga, allungata digitalmente così che si vedano i tendini, che accarezza Bush (e in una foto, Cheney) mentre procede con i suoi affari abominevoli. Il testi (ed i sottotitoli) per "Damage Fractal Series 2" e "Series 3" sono costruiti usando anagrammi dei titoli di "Series 1". Ho trovato gli anagrammi che volevo prendendoli ed editandoli da una lista di mille e mille, compilata dal programma Anagram Genius. Alcuni risultati hanno un tono politico: "Un nazionalista comunica, determinando irreversibilmente un ignorante castigo di massa", che si riferisce all'ignorante "castigo" di massa, che è stato disposto per l'11 settembre in Iraq, con un danno devastante alle persone che sono state presumibilmente "liberate". Alcuni sono un po' umoristici, anche, come "il nazionalismo riverberante riveste indiscriminatamente", che mi ricorda una parte di "Slaughterhouse Five" dove Vonnegut menziona una diatriba tedesca riguardo agli ufficiali americani che si tappano i nasi mentre distribuiscono le uniformi alle masse sporche o a chiunque altro.

Puoi descriverci i vostri spettacoli dal vivo? Suonate semplicemente sul palco? O ci sono effetti particolari, giochi di luce e così via?
L'ultimo show che abbiamo tenuto, nel gennaio del 2003, era illuminato da un bulbo scarno fissato al pavimento, con una griglia attorno. A parte questo, non c'erano certo spettacoli di luci o proiezioni. Alle volte mi scarabocchio messaggi sul petto, e ci sono delle foto nel nostro sito. I nostri spettacoli erano continui, un medley piuttosto che canzoni e stacchi. Suoniamo arrangiamenti dal vivo dei materiali del nostro album, alle volte simili alle volte differenti. Ci sono elementi di improvvisazione, ed una stretta struttura complessiva e molte parti serrate e composte. Colin ed io abbiamo suonato come duo e tutto è funzionato alla perfezione (una prova interessante, davvero) ma Keith Abrams, che suona nel favoloso trio PAK, ha fatto un tour con noi quel gennaio, ed ha portato tutto davvero su un altro livello.

Cosa ci puoi dire degli altri progetti musicali? Qualche notizia interessante?
Mh, sono sempre stato abbastanza pigro con l'autopromozione, e senza internet sarebbe ancora più difficile che la situazione fosse diversa. Ho giurato che mi sarei preso internet e che avrei cambiato tutto questo, o almeno parzialmente, ma l'affare dell'autopromozione mi vede sempre goffo. Ho pubblicato recentemente un album raccogliendo ventotto tracce (79 minuti) del mio lavoro solista, quelle più orientate alla canzone e a volte umoristiche, includendo nove coppie di temi che corrispondono ai nove ordini di trilobiti. Il tuo sito l'ha recensito, descrivendolo come "sperimentale / elettronica / pop schizzato", che penso sia una buona descrizione. Ho scritto un sacco di materiale solista, da allora. Ho registrato nuove canzoni, che mantengono l'elemento umoristico ma sono diventate più oscure, ed ho anche creato una serie di collage strutturali, oscuri nello stile degli Infidel. Ho in programma di pubblicare un album con questo materiale (principalmente quello vecchio, forse qualcosa di più tardo) nel prossimo anno. Se qualche etichetta fosse interessata in questa cosa, mi contatti. Ho registrato una collaborazione con Jesse Krakow (Time Of Orchids, PAK e un milione di altre band, alle volte anche Ruins e Doctor Nerve?!?) e Christopher Sommer (Rbabbott, Hunderd Year Hex e altri) per "We are The Musk Brigade, Volume 6", intitolato "Inebriate The Whole Sector". Ho ancora il mio sito dei Lobe Stub (http://bathotaxe.com/LobeStub), che non è stato aggiornato da tempo, ma avrei un bel po' di LobeStubs da caricare. Ha anche qualche prova di "surf rap", che vede la collaborazione di $and Dollar e Beach Ball, e del "black metal rap" che vede Grim Shady e Gloom Fogg (pss... Forbes dei Kayo Dot). Ho anche investigato nella musica vecchio stile e composizione ritmica. Cosa ne verrà fuori, non lo so ancora dire. Ci sono stati un po' di spettacoli dal vivo per sostenere il mio disco con una band e una drum-machine. Ho partecipato ad una performance del gioco musicale Cobra (inventato da John Zorn), che mi ha divertito molto. Ho suonato nell'ensemble di 100 chitarre di Glenn Branca, durante la sessione di registrazioni abortita un anno fa, e penso di suonare alle prove e all'esibizione dal vivo questo Febbraio a North Jersey, e forse di nuovo a marzo a Los Angeles.

Quali sono i vostri piani per il futuro?
Lo stato attuale degli Infidel è inattivo. Colin ha troppi impegni per permettergli di restare attivo. E' stato così per un po' di tempo e mi aspetto che continui così per qualche tempo ancora. Infidel potrebbe ritornare, oppure no. Potrebbe ritornare con Colin o potrebbe mutarsi in qualche altra forma, magari temporaneamente. Forse metterò su un'altra band assieme ad un batterista reale, e suonare più canzoni mie. Oppure starò nella mia caverna, con la mia ragazza, guardando film e schizzando note su un giornale, mentre il suo gatto piscia su tutto a cui noi teniamo. Potrei formare una band tributo degli Steely Dan. Non è uno scherzo. Ho anche scritto recensioni per Live4metal.com, che è una cosa buona. Ho intervistato Marten Hagstrom dei Meshuggah, ed è stato divertente. Potrei scrivere per un giornale di musica locale chiamato Origivation. Occasionalmente scrivo storie brevi, oppure disegno qualcosa. Liz ed io abbiamo considerato di realizzare un documentario sulla musica dei Nintendo, ma dubito che ne verrà fuori qualcosa di interessante. Non posso però immaginare di non scrivere la mia musica, comunque - morirei di sicuro.

Bene, l'intervista è finite. A te le ultime parole!
CCCP sta per CeCeCe Peniston.


Sito internet: http://www.infidelcastro.com/