Infernal Poetry
(Tamas - Marzo 2002)


Ecco l'intervista con gli Infernal Poetry, ottimo gruppo death di Ancona che ha da poco esordito con l'album "Not Light... But Rather Visible Darkness".



Ciao Axo, iniziamo parlando del vostro debut album...
Not Light... rappresenta la nostra visione del death metal, un genere che ha dato molto in passato e che pertanto sarebbe noioso ripresentare oggi esattamente nello stesso modo... per questo ci piace fonderlo e contaminarlo con altri elementi. In particolare abbiamo voluto dare un imprinting molto preciso a tutto l'album, cioè la costante ricerca dell'armonizzazione di due scuole differenti: quella americana e quella europea.

Gli arrangiamenti sono curati nei minimi dettagli, come nascono le vostre canzoni? Chi è il maggior compositore?
Hanno un lungo periodo di gestazione... si parte da un riff ma poi l'arrangiamento viene visto e rivisto mille volte e adattato alla batteria, alla linea di basso e così via. Il maggior compositore in termini di apporto creativo sono sicuramente io, ma anche gli altri fanno la loro parte. In ogni brano (ad eccezione di "Deviation in sacrality" e "Till the seventh sky") c'è sempre l'apporto di qualcun altro in termini di riff o arrangiamento.

I testi invece chi li scrive? Di cosa parlano?
I testi sono miei ("From mortal body to etrnal soul", "The higher cause") di Paolo (voce - "Pragmatic gemini" e "Till the seventh sky") e del nostro ex bassista Andrea Mastromarco ("Hell spawn" e "Deviation in sacrality"). Parlano del rapporto religione-uomo e della natura umana in generale. Niente satanismo o cagate simili, solo una visione critica della religione che ci viene propinata sin da piccoli.

Come mai quasi 2 anni prima che il cd vedesse la luce? Come siete entrati in contatto con la Self?
Perché è stato finito di registrare a giugno 2000. Però abbiamo firmato soltanto a marzo 2001 e ci sono stati ulteriori ritardi da parte di Self... è stato remixato e rimasterizzato ed è arrivato in mano nostra a novembre 2001, quindi 1 anno e 3 mesi dopo la sua registrazione.

Credo che dopo svariati anni passati a fare demo (spesso recensiti come top demo nei vari magazines) sia una bella soddisfazione avere un contratto in mano, dopo anni di lavoro e sacrifici.
Sì, sicuramente. Abbandonare finalmente l'area demo di una rivista è come una liberazione!

L'artwork è ben curato e molto interessante... perché le scale in copertina?
Perché è un soggetto enigmatico... hai notato che non si capisce bene se salgono e scendono quelle scale del cazzo???

Dal vivo siete ancora meglio che su cd, una vera live band. Frutto di tanta esperienza, grazie a concerti in giro per l'Italia e per l'Europa. Parlami proprio del vostro primo tour europeo in compagnia di Impiety e Rotting Christ. Ormai sembrava certo anche di un secondo tour di spalla agli americani Incantation, cosa ha fatto saltare il tutto? Cosa state preparando per il futuro?
In effetti credo anche io che dal vivo rendiamo molto più che su disco. Il tour europeo è stato assurdo, perché giravamo in un camper con tutta la strumentazione seguendo gli altri che giravano stipati in furgoncini... i paesi toccati sono stati Francia, Spagna, Svizzera, Olanda, Germania e Belgio, per un totale di 16 date. Un mese a guidare come dei pazzi ogni notte... abbiamo fatto 15.000 km o giù di lì e abbiamo dormito in media 3 ore per notte... da infarto. Però una grande figata. Per gli Incantation era davvero tutto pronto... stavo per prenotare addirittura il volo... che amarezza! Il problema è stato sicuramente di soldi, altro che infortunio del loro batterista, ma ormai sappiamo che la certezza non esiste in questi tour! E' tutto traballante, dall'inizio alla fine. Siamo stati contattati per il tour con gli Aeternus e Agathodaimon, ma neanche a dirlo, è stato cancellato pure quello! Alla grande! Ora ci concentriamo sull'Italia... altre 8 date ci aspettano sparse qua e là... Vicenza, Roma, Caltanisetta (!!!), Cesena e non mi ricordo... con gruppi anche più famosi di noi come Extrema, Behemot, Novembre, Undertakers.

Cosa pensi del Gods Of Metal? Ti piace il tipo di organizzazione (tipicamente all'italiana) e di scelte dei gruppi oppure preferisci la semi perfezione tedesca del Wacken con grandissime bands, luogo fantastico, ecc?
Non ci sono mai andato perché tutti ne parlano di merda... e poi i festival al coperto mi intristiscono... però sono andato al grande Monster of Rock di Donington (UK) nel 1995 a vedere Metallica, Slayer, Machine Head, Skid Row e molti altri... una vera figata!

Sei un amante del vinile?
Sono molto più belli dei Cd, ma mai avuto un vero giradischi. In compenso odio le cassette: si rovinano, si sentono male, costano + di un cd vergine!

Nei vostri concerti recenti avete proposto dei brani non presenti sul cd, nuove composizioni presumo, quindi avete già delle canzoni nuove... a che punto siete? Pensate di dare presto un seguito al vostro validissimo debut?
Metà album pronto direi... ci piacerebbe dare un seguito al debut il più presto possibile, ma bisogna vedere come va questo!

Prima di finire dimmi cosa pensi delle metal bands italiane, quali sono quelle che maggiormente ammiri e quali invece proprio non sopporti. Inoltre spara qualche nome di bands che secondo te in futuro potranno fare cose interessanti.
Vi prego risparmiatemi questa domanda... conosco di persona troppe band per fare nomi! Se nomino tizio poi si incazza caio e viceversa... cercate di capirmi! (ma sono persone o bambini??? - Nd Tamas)

Lo spazio è finito, chiudi come vuoi.
Ringrazio voi per lo spazio e l'interesse, invito tutti a fare un salto su http://www.infernalpoetry.com/ e a scaricare qualche mp3... e magari a comperare il disco prima di venirci a vedere dal vivo! Ciao!