Inane
(Hellvis - Giugno 2005)


Gli Inane sono un'ottima band che, purtroppo, non ha ancora goduto del successo che meriterebbe. Successo di critica, ovviamente, perché la loro proposta musicale è particolare, lontana da qualunque standard di mercato. Shapeless vuol fare del proprio meglio per aiutare questo formidabile gruppo. Il buon batterista Ycio risponde alle nostre domande via e-mail.



Salve ragazzi. Che reazioni ha suscitato il vostro MCD "Void That Bend"? Avete notato una discrepanza di giudizi tra fan e critica musicale, o i giudizi sono abbastanza omogenei?
Le discrepanze le abbiamo trovate sia tra il pubblico che tra le varie webzine che finora ci hanno scritto del nostro lavoro... Molti ascoltatori ci hanno riempito di complimenti, altri ci hanno riconsegnato il CD dicendo "non è il mio genere"! Il fatto è che questo EP ha la pretesa di non volersi collocare in un genere prefissato, ma di creare di per sé una nuova frangia musicale... so che non è una cosa molto facile, soprattutto per un gruppo italiano. Diciamo che siamo musicalmente ambiziosi! Ciò che ci ha lasciati più costernati è il fatto di leggere recensioni ottime, che elogiavano le nostre doti di sperimentatori e compositori, che poi ci appioppavano voti molto bassi, e questo mi spiace più che altro perché spesso la gente si limita a guardare il voto e leggere la recensione solo se è molto alto.

Siete ancora soddisfatti di "Void That Bend"? Secondo quanto mi avete scritto, molti non hanno apprezzato la qualità della registrazione. A parer mio, il suono freddo del MCD ben si lega con il vostro universo musicale. E' pur vero però che il suono della batteria avrebbe potuto essere migliore. Cosa ne pensate?
Sì, direi che in generale siamo ancora soddisfatti di questo lavoro, considerando anche al budget ridotto che avevamo a disposizione...
Infatti sono d'accordo con te riguardo al suono freddo e spesso "distaccato" che cerca di enfatizzare il distacco dal mondo esterno con la nostra musica. Per quando riguarda la produzione alcune cose, come la batteria, potevano essere sicuramente meglio... Purtroppo non è al livello di altri lavori del nostro genere (che per natura è quello più straprodotto in ambito metal), ma sicuramente in futuro abbiamo intenzione di fare "un passo in più".

Uno dei più gravi compiti per un recensore, è quello di definire in qualche modo lo stile musicale di una band. Nel vostro caso il compito risulta arduo. Aiutereste i nostri lettori a capire che musica suoniate?
Ehm, in realtà è molto arduo anche per noi descrivere quello che facciamo, e spesso alcune etichette che ci vengono appioppate ci stanno strette. Per questo abbiamo adottato una parola per descrivere il nostro genere, ossia NURULED METAL. Il nostro appunto è un metal sregolato (unruled), che si pone aldilà dei soliti canoni metal e nu metal. Negli ultimi anni abbiamo visto il decadimento del nu metal, che da musica sperimentale quale doveva essere è diventata quasi più noiosa di generi molto più vecchi, tutti i gruppi si copiavano l'uno con l'altro! Il nu metal si è standardizzato talmente tanto che ha perso di originalità, per cui abbiamo deciso di discostarci dalla parola nu metal e fare nuruled metal, ovvero un nu metal sregolato finalmente tornato sperimentale. Spero di essermi spiegato! Purtroppo quando un genere diventa inflazionato tutti si copiano e non si inventa più nulla (vedi quello che sta succedendo adesso con i The Dillinger Escape Plan, ora li imitano tutti!), stiamo cercando di fare uno sforzo per invertire la tendenza.

Da marzo, il cantante Gory è entrato a far parte degli Inane. Come si è inserito? Perché avete deciso di assumere un cantante in formazione?
Nella nostra formazione prima di essere iNANe c'è sempre stato un cantante, credo che per noi sia il miglior modo per esprimere appieno la nostra musica, ovvero un cantante che si occupi delle liriche così da lasciare "tessere" ai musicisti i vari intrecci tra gli strumenti. Ogni componente bada al proprio compito insomma, senza dover pensare che deve anche cantare. Ci piacerebbe avere in formazione anche un'altra chitarra e/o una tastiera, ma questo per noi è fantascienza visto che sinora non abbiamo trovato nessuno disposto e preparato a suonare con noi. Chiunque si sente in grado è pregato di contattarci eheheh!

Pensate che l'arrivo di un nuovo musicista comporterà dei cambiamenti stilistici nella vostra musica?
Noi siamo molto aperti a cambiamenti stilistici nella nostra musica, anzi per quanto mi riguarda io sarei al settimo cielo ad avere negli iNANe un altro componente con un background musicale completamente diverso dal mio, e vedere il suo modo di sentire la musica implementarsi con il nostro. Che è un po' quello che è successo suonando con Simone e Alberto in fin dei conti. Ma tutto ciò è molto difficile, pensa che è da quando esiste il gruppo che cerchiamo un tastierista (mai trovato) o un chitarrista (alcuni provati), ma non siamo mai riusciti a far loro capire che con noi dovevano mettersi in gioco e mettere del "loro" nelle canzoni, senza pensare a che genere stiamo suonando. Ma per fare questo si deve avere la mente molto aperta.

Vi piace suonare dal vivo? Come reagisce il pubblico alle vostre esibizioni? Quali date avete in programma per i prossimi mesi?
Certo è sempre molto bello suonare dal vivo, anche se qua in Italia è sempre più difficile suonare in giro ed è sempre più difficile far venire ai concerti le persone. Purtroppo gli interessi sono altri, la bella macchina, vestiti firmati, serate in disco a ballare musica alla moda. Non sto dicendo che siano cose brutte, o sbagliate. Ma è anche bello vedersi un bel concerto di musica interessante, non trovi? Qui ci si limita ad andare a sentire i soliti pezzi sentiti e risentiti alla radio rifatti dalla prima cover band del cazzo che si trova, questo è veramente triste, ma questa è la massima concezione musicale in Italia, non si scappa. Beh poi forse quando suoneremo all'estero tornerò dicendo che tutto il mondo è paese... speriamo di no! Riguardo le reazioni del pubblico dal vivo devo ammettere che la nostra musica non è di facile presa, e questo lo sapevamo! La gente non poga e non si ammazza, ma comunque siamo sempre stati apprezzati. Per il futuro ci siamo promessi di comporre qualche pezzo che faccia scatenare il pubblico, un po' di sana violenza senza troppe pretese ma con la nostra solita vena musicale incontrollata.
Riguardo le nostre prossime date suoneremo il 26 giugno 2005 alla seconda data del festival Distortion2Days, al Black Hole di Milano, in compagnia di Embrace, Sown, Ritual, Suburban Base, DCA 6, Haddah e Guilty Method, mi raccomando di non mancare perché tutti i gruppi presenti sono molto validi e sono sicuro che non rimarrete delusi. Il fest ha anche un sito, fateci un salto per ulteriori informazioni (http://www.distortion2days.tk/). Inoltre a settembre recupereremo una data in Svizzera, al Peter Pan di Bellinzona in compagnia dei comaschi B-Negative.

Forse come domanda è un po' prematura, ma avete già in programma l'uscita di un full-length? Quante nuove composizioni avete in cantiere?
Nella nostra mente c'è l'idea di fare un album, ma sinceramente è un po' presto. Stiamo iniziando a lavorare a nuove composizioni anche se finora non abbiamo nessun pezzo completo. Abbiamo avuto una discreta attività live, e nel frattempo abbiamo dovuto integrare il nuovo cantante nella formazione... solo adesso abbiamo del tempo per buttarci sul nuovo materiale!

Questa breve intervista è finita. A voi le ultime parole.
Ringrazio Shapeless Zine e i suoi lettori, venite a trovarci sul nostro sito, se ancora non ci conoscete potete scaricare un paio di mp3, inoltre trovate molte info su di noi e sui nostri concerti! A presto!!!


Mail: info@inane.it
Sito internet: http://www.inane.it/