Forsaken
(MoonFish - Ottobre 2003)


"Via Cruciiiiiissss!!... The way of the crooooooossssss!!...."
Sì, magari voi ridete perché ancora non li avete ascoltati. Ma io tutte le mattine soffro nel sentirmi in testa l'echeggiare di questo ritornello. E voglio condividere con voi il mio disagio facendovi conoscere meglio i doom metaller Forsaken, da quel di Malta, autori di un bel mini-CD intitolato "Iconoclast"! Risponde (tanto!) alle mie domande il bassista Albert Bell. La parola ai Forsaken!



Prima di tutto vorrei chiedervi dell'origine del nome della vostra band, Forsaken.
Come saprai, all'inizio della nostra carriera, tra il 1990 e il 1991 la band si chiamava Blind Alley. Poco dopo, quando sono entrato nella band verso la metà del '91 abbiamo deciso di orientare il nostro sound verso una direzione più chiaramente doom metal. Di conseguenza, abbiamo capito che avevamo bisogno di un epiteto più adeguato alle sonorità malinconiche e commoventi che volevamo esplorare. Ognuno di noi è venuto con un po' di diversi nomi possibili, Cay, il nostro ex tastierista, durante una session di prove ha scorso la sua lista e ci ha sottoposto il nome Forsaken ('Abbandonato' - nd MoonFish), che in qualche modo ha toccato il giusto tasto per tutti!

"Iconoclast" è il primo CD che abbiamo avuto modo di sentire della vostra produzione, eppure sembra che siete in giro ormai da anni. Perlateci un po' della vostra storia.
Come dicevo prima il gruppo è stato fondato nel 1990, così ovviamente questa risposta sarà piuttosto lunga!... Della line-up originale rimangono solo Leo Stivala (voce) e Simeon Gatt (batteria). Io sono entrato come bassista nell'estate del 1991, in preparazione del concerto di debutto della band in settembre dello stesso anno. Poco dopo abbiamo pubblicato il nostro primo demo, intitolato "Requiem". All'epoca la formazione comprendeva Kevin Azzopardi (chitarre) e Cay Schembri (tastiere). Dopo la pubblicazione del demo abbiamo reclutato un secondo chitarrista, Daniel Magri, per alimentare la nostra sezione ritmica, soprattutto per i concerti. Il demo ha contribuito a presentare la band alla scena doom metal mondiale e nel 1993 abbiamo proseguito con la pubblicazione di un 7" EP intitolato "Virtues Of Sanctity", per la francese Arkham Productions. Cay ha lasciato la band prima di quest'uscita per problemi personali, ed all'epoca abbiamo continuato senza cercare un sostituto. Nel 1994 se n'è andato anche Kevin Azzopardi e così abbiamo reclutato l'attuale chitarrista Sean Vukovic come sostituto. Subito dopo siamo stati in tour in Francia e Spagna ed abbiamo pubblicato il nostro CD di debutto intitolato "Evermore" nel 1996, per la Storm Records, di Malta. Il 1997 è stato un anno tranquillo per la band e siamo sottostati ad un periodo di inattività. Dopo questa pausa di riflessione ci siamo di nuovo concentrati sulla band e ci siamo raggruppati nel 1998 con un nuovo tastierista, Mario Ellul. Nel 1999 siamo entrati in studio di nuovo per registrare "Neon Knights", una cover dei Sabbath che è poi apparsa in un tributo dedicato all'era Dio, che si intitolava "Dehumanised Witch" ed è uscito per l'americana Mid-West Metal. Sfortunatamente poi siamo passati attraverso un periodo molto difficile, dato che Daniel stava lottando contro una malattia terminale che ha poi portato alla sua morte prematura nel gennaio del 2001. Come potrai immaginare questo è stato un brutto colpo per la band. Tuttavia in qualche modo nell'estate del 2001 abbiamo raccolto le nostre forze ed abbiamo ritrovato la motivazione necessaria per entrare di nuovo in studio e registrare un nuovo demo di 3 tracce. Il demo è riuscito a portarci ad un contratto con la scozzese Golden Lake Productions, ed abbiamo pubblicato "Iconoclast" con questa etichetta nel dicembre 2002. In questo momento stiamo lavorando ad un nuovo album intitolato "Anima Mundi", ed anch'esso verrà pubblicato dalla Golden Lake verso la fine dell'anno.

Sembrate far riferimento soprattutto alla prima ondata del doom metal (Candlemass, Trouble, ecc.). Che cosa pensate del doom metal di oggi?
Ovviamente, siccome abbiamo praticamente preceduto l'ondata gothic/doom che ha dominato la scena doom nella metà degli anni '90, siamo molto vicini alle radici del generi rappresentate dai lavori esemplari di Trouble, Nemesis, Candlemass, Pentagram, St. Vitus e naturalmente Black Sabbath. Altre band venute dopo ma che facevano vero doom come Solitude Aeternus, Count Raven e Revelation, sono anch'esse un forte punto di riferimento per la band. Detto questo, riceviamo una certa influenza anche da certo dark e gothic doom, come Tiamat, Moonspell e così via. Siamo molto ispirati anche dalla NWOBHM e dai primi gruppi thrash/power metal. Siamo piuttosto eclettici nei nostri gusti musicali e secondo me questo dà una mano alla nostra originalità.

Che opinione avete delle band gothic/doom attualmente più importanti (Anathema, My Dying Bride, Paradise Lost...)?
Nei circoli doom metal c'è una disputa piuttosto intensa sulle 'credenziali doom metal' delle band che hai menzionato. Noi abbiamo avuto l'opportunità di fare da supporto agli Anathema in un concerto che hanno tenuto a Malta a metà degli anni '90, e sono stati senza dubbio bravissimi sul palco, molto compatti e professionali anche nei loro esordi. Ad essere onesti, credo che ogni band debba essere valutata indifferentemente dal tipo di doom metal (o qualsiasi altro stile musicale, per quello che importa) che suona. Per esempio, quest'anno abbiamo suonato al festival Doom Shall Rise, in Germania. Gli Officium Triste, un'ottima band doom death olandese, erano in scaletta in mezzo a molte altre band epic doom. Alcuni dei doom metaller più puristi nel pubblico avrebbero preferito andarsene piuttosto che vedere una band di doom death in un festival di 'true' doom metal, ma questi ragazzi hanno messo su uno spettacolo talmente incredibile che hanno raccolto tutto il pubblico di 400 e più persone sotto il loro palco... In pratica, esistono gruppi di qualità e gruppi di merda, tutte queste discussioni sulle diverse categorie non hanno senso, e possono davvero essere tediose a volte. Detto questo, ciò che non apprezzo delle band che hai nominato, in particolare Paradise Lost ed Anathema, è che sembrano aver completamente perso di vista il loro obiettivo negli ultimi anni. Chi può permettersi di mettere in discussione la qualità di album come "Icon" o "Gothic" (Paradise Lost), o "Serenades" ed "Alternative 4" (Anathema)? Tuttavia, al momento, entrambe queste band sembrano essersi portate troppo lontano dalle loro radici, secondo me. D'altro canto oggi ci sono un sacco di doom band di qualità. I Reverend Bizarre dalla Finlandia e gli americani Orodruin ne sono esempi eccellenti. E' bellissimo vedere la scena doom metal vitale come oggi e sono certo che le cose in futuro potranno solo migliorare.

La maggior parte delle vostre canzoni tratta di cristianità e miti biblici. Potremmo definirvi una 'white metal' band?
Domanda interessante. Sì, siamo chiaramente ispirati da temi biblici e cristiani. Questo è particolarmente evidente su "Iconoclast", nel quale trattiamo diversi aspetti religiosi e spirituali, come l'immortalità dell'anima ("Where Angels Have Fallen"), lo stato attuale della cristianità contemporanea ("Via Crucis") e l'umanità della passione di Cristo ("Martyr's Prayer"). Tuttavia non sono molto convinto dell'etichetta di 'white metal'. Senza generalizzare, le band white metal tendono a predicare e prendere le cose superficialmente. Senza riconoscere l'importanza e la validità del Cristianesimo nella sua forma autentica (per esempio i suoi principi di Solidarietà, Compassione, Tolleranza e Giustizia). Siamo anche molto critici riguardo a come questo messaggio originale è stato usurpato dall'ufficialità della religione organizzata ed istituzionalizzata. La storia rivela parecchi casi in cui questi valori sono stati traditi da coloro che invece se ne dichiaravano sostenitori. Inoltre, a meno che non si sia indottrinati da dogmi razzisti, xenofobi e fascisti... Nessuno può negare la rilevanza di solidarietà, compassione e così via nella società di oggi. Fondamentalmente, i nostri testi su "Iconoclast" cercano di trasmettere l'importanza della ri-scoperta di tali verità universali... Se questo vuol dire che siamo una white metal band... Allora, così sia!

Potreste parlarci un po' della scena maltese? Ve ne sentite parte?
Nonostante le piccole dimensioni, la scena metal maltese è molto produttiva e ci sono abbastanza band di qualità, compresi i notevoli brutal death-grinders Beheaded che stanno fedelmente portando la fiamma del metal underground. Siamo molto contenti di essere parte di questa scena piccola ma intraprendente e speriamo che la nostra esposizione all'estero ci abbia aiutato a portare all'attenzione pubblica la fertile scena metal dell'isola.

A parte questo, ci sono dei buoni locali? Voi e le altre bands avete l'opportunità di suonare live da quelle parti? Com'è la risposta del pubblico?
I locali sono un grosso problema dell'isola. Ce ne sono solo due o tre dove i gruppi metal possono suonare regolarmente, e non mi sorprenderebbe se il numero si abbassasse ancora di qui a poco. Per il resto le presenze ai concerti sono molto numerose di solito, specialmente se confrontate con le scene più grandi all'estero. Molte band possono aspettarsi un pubblico di 200 o più persone ai loro concerti e la partecipazione del pubblico è generalmente molto evocativa!

La scena maltese ha una connotazione religiosa? Ci sono più band 'sataniste' o più 'cristiane' come voi? Il vostro essere cristiani vi ha mai dato difficoltà nel muovervi nella scena heavy metal, che è spesso considerata la 'musica del diavolo'?
Secondo il mio punto di vista, non si può dire che l'isola abbia una scena black abbondante come in Scandinavia od altre nazioni europee. Con questo non voglio dire che non ci siano gruppi black metal o che a Malta non ci sia interesse verso questo genere. Martyrium, Archrean Harmony ed Apotheosis sono sutti esempi di black metal di qualità dell'isola. Riguardo ai loro testi, davvero non posso commentare, immagino che dovresti parlarne con loro. Ciò che posso dire è che nonostante le differenze di opinione, politiche, religiose o che altro, il metal tende a tenerci tutti uniti. Infatti abbiamo spesso collaborato con queste band in un modo o nell'altro e da parte nostra non ci sono assolutamente problemi nel farlo.

Siete coscienti del fatto che alcune delle vostre canzoni ancora mi risuonano in testa quando mi sveglio la mattina? Non vi sentite colpevoli?!
Spero che non ti roviniamo il sonno! Scherzi a parte, ci sentiamo onorati del fatto che la nostra musica abbia un effetto così profondo sul nostro pubblico. Ci auguriamo che la nostra musica spinga i nostri ascoltatori a pensare e riflettere su alcuni importanti problemi della vita che spesso sono messi da una parte in favore del risolvere i piccoli bisogni di ogni giorno.

C'è qualcosa che vorreste dire al vostro potenziale pubblico italiano?
So che c'è una scena doom in crescita in Italia, penso in particolare ai potenti DoomSword ed ai Thunderstorm. Sono sicuro che i doom metaller italiani troveranno nei Forsaken una prospettiva interessante... Epic doom mediterraneo al meglio... Dateci un ascolto... (attenzione! ora parla in italiano!! - nd MoonFish) Sono certo che non sarete disappuntate. Ciao e grazie per l'interesso... (il piacero è tutto mio! - nd MoonFish) Il Metal Regna Sovrano.

Mail: albertbell@rocketmail.com
Sito internet: http://forsaken_malta.tripod.com/