Exhuman
(teonzo - Settembre 2003)


Ecco l'intervista con Mordor, chitarrista degli Exhuman, un gruppo di Messina che ha da poco fatto uscire il secondo demo. Se vi piace il death contorto allora possono fare per voi. Intanto leggetevi l'intervista, con alla fine una bella favola in versione death metal, hahahahha.



Ci raccontate tutto quello che vi è successo dall'intervista dell'anno scorso come Undead, in particolare la storia del cambio di nome?
Di cose ne son successe davvero tante! E dopotutto son passati quasi due anni da allora! Subito dopo Undead abbiamo ripreso la stesura dei pezzi che oggi compongono "Partition Of Disorder", e' stato un lavoro per il quale ci siamo applicati tantissimo e soprattutto abbiamo cercato di farlo nel migliore dei modi prendendoci tutto il tempo necessario per capire dove volevamo arrivare e conoscere i nostri limiti. Abbiamo deciso di affidare il ruolo di vocalist a The Holy perche' la timbrica di Blasphenomen era ormai inadatta allo stile che volevamo ottenere. Riteniamo che la voce di The Holy sia perfetta per la nostra musica, aspra, delirante e a volte (come tu stesso e altri hanno notato) volutamente sforzata, per enfatizzare maggiormente il significato dei testi, che oggi piu' che mai sono importanti per i nostri lavori. Ci rendiamo conto che il risultato puo' non essere gradito a tutti, ma per noi non fa alcuna differenza. Le registrazioni sono iniziate a Febbraio 2003, e da allora e' stata davvero una bella faticaccia. Prima di tutto siamo stati contattati da un'altra band che aveva il nostro stesso monicker, ed ovviamente una delle due doveva cambiarlo. Inizialmente eravamo contrari a farlo, anche perche' noi eravamo attivi da piu' tempo di loro, ma successivamente non abbiamo avuto altra scelta visto che legalmente loro avevano diritto a tenere il monicker. Oggi posso dire che e' stato un bene per noi, Exhuman marca il punto di svolta del gruppo, per noi ha duplice significato (puo' essere inteso sia come "per l'umano" che "non piu' umano") ed e' sicuramente piu' adatto di Undead. Dopo questo evento, nel bel mezzo delle registrazioni, l'ombra della sfiga si abbatte nuovamente su di noi! Una sera Grendel ha accusato un forte dolore al polmone sinistro, ed il giorno dopo si e' letteralmente piegato in due e non riusciva piu' a respirare. La sera stessa e' stato operato d'urgenza (non ricordo il nome della patologia... chiedetelo a Jeff Walker!) ed e' dovuto rimanere in ospedale per un mese (ammazza che sfiga, meno male che è tornato tutto ok - nd teonzo). Essere arrivati al punto dove ci troviamo adesso per noi e' davvero un gran traguardo, indipendentemente da contratti e recensioni!

Quanto tempo avete impiegato per registrate "Partition Of Disorder"? Che attrezzature avete usato per registrarlo? Insomma, fateci il resoconto della registrazione del demo.
Le registrazioni sono durate quasi 3 mesi, ma bisogna considerare i bordelli che ci sono capitati in questo periodo (come spiegato sopra). Abbiamo usato un mixer a 16 canali, una scheda a 4 tracce e ovviamente microfoni. Il problema principale e' nato da questi ultimi, non essendo adatti alla ripresa di strumenti come la cassa della batteria o alla voce di The Holy. Per fortuna durante la registrazione della voce un nostro amico c'ha prestato un microfono a condensatore, permettondoci di avere un risultato migliore (grazie peppe!). Il software utilizzato era Cubase sx, anche se il nostro PC lo reggeva a mala pena! Il risultato non ci dispiace, anche se oggi mi rendo conto che avremmo potuto migliorare qualcosa qui e li', stai certo che il prossimo CD avra' una produzione migliore! Ovviamente anche stavolta (come durante le registrazioni di Undead) faremo tesoro dell'esperienza che abbiamo fatto!

Come mai avete scelto il titolo "Partition Of Disorder"? Sarà mica collegato a qualche casino col computer?
Ehehe no, anche se comunque voglio raccontare cosa ci e' successo con quel fottuto PC! Il secondo giorno delle registrazioni, dopo aver acceso il computer, compare una schermata che diceva che il sistema operativo andava reinstallato! Credo che il giorno precedente ho staccato la spina del PC (abbiamo mille cose attaccate ad un'unica presa di corrente...) prima che potesse effettuare completamente lo shut down! Beh, siam partiti alla grande da subito! In realta' il titolo "Partition Of Disorder" e' legato ai testi del demo. Il mondo di oggi e' un gran casino, vaghiamo da un eccesso ad un altro, lasciandoci vuoti immensi dietro di noi. Anche se la realta' odierna vuole essere il piu' razionale possibile, cio' che realmente resta e si manifesta e' il chaos e il disordine.

Passiamo ai testi: ci spiegate di cosa parla il testo di ogni canzone?
Certamente!
"Noreactioncode"
Letteralmente travolti dalla furia della guerra, questo testo è nato davanti alle persuasive immagini della seconda guerra del golfo, dominata e vinta dalla macchina bellico mediatica occidentale, davanti a cui la nostra partecipazione emotiva è stata schiacciata dall'individuale codice di indifferenza che la società e il tempo in cui viviamo ci ha impresso come difesa psicologica all'ingiustizia e alla violenza, mascherate dalla forza autoritaria del diritto e della legalità. È una catarsi insomma ed una confessione, poiché anche noi abbiamo una ruolo di corresponsabili nella rovina e nella guerra.
"Chaos Fragments"
Abbiamo constatato sulla nostra pelle, maturando, la fragilità dei nostri piani, delle interpretazioni della realtà, la vera consistenza delle nostre capacità e della nostra volontà, facendo a pugni con eventi che nessuno di noi prevedeva, cullati dalle tranquillità che apparentemente sembra assisterci benigna. La certezza che esprime questa canzone è tutta nelle scoperta dei mascheramenti, la morale, la logica, che usiamo per celare la nostra paura dell'esistenza e del dolore, la nostra debolezza di fronte al caotico irrazionale svolgersi degli eventi. Sentimenti crudi e disperati che "Fragments" secondo noi esprime assai bene.
"Scorned Time"
Essendo questo il primo brano scritto per "Partition Of Disorder", le sue liriche contengono i germi di tutti temi affrontati dalle altre song. "Scorned Time" è da considerarsi come una sorta di manifesto della poetica musicale degli Exhuman, una riflessione sul rapporto incredibile che viviamo con la nostra espressione artistica, il cui valore immenso andiamo quotidianamente scoprendo. La vita di ogni essere umano si apre nel dolore e nelle lacrime, cresciuti per 9 mesi dentro il buio caldo utero materno, la luce e il freddo terribili dell'ambiente esterno rappresentano il paradigma chiarissimo, l'accoglienza shockante che l'esistenza ci riserva fin dai primi secondi vissuti nel mondo. Questa che può sembrare una visione assolutamente pessimista della vita, per quanto ci riguarda rappresenta una semplice e coraggiosa constatazione della fragilità dell'uomo e contemporaneamente un'esaltazione del valore della musica, che sublima e trasfigura le nostre emozioni lasciandone il ricordo per sempre, oltre le nostre vite. Il mercato discografico mondiale, quello heavy metal in particolare, perseguendo i suoi lauti interessi tenta in tutti i modi, spesso riuscendovi, di proporre immagini di artisti incredibili che siano anche immagini di super uomini; ci sembrava giusto ricordare che la nostra musica per quanto dirompente e indubbiamente aggressiva si esprime tutta in quei pochi minuti di energia, distruttivi ma innocui, lasciandoci poi delle persone normali, forse di una sensibilità diversa, ma sempre comuni uomini.
"Tasted By Welfare"
Il pezzo più velenoso e potente di "Partition Of Disorder", non poteva che cantare ancora una volta del nostro sdegno verso il potere e l'attuale ordine mondiale, basato sul monopolio dei mezzi tecnologici e delle risorse economiche da parte di un ristrettissimo gruppo di persone; "Tasted By Welfare" non può che vomitare la responsabilità pesantissima che da spettatori silenziosi e consenzienti ci portiamo appresso, consapevoli di essere, sia come uomini sia come artisti, un ingranaggio infettato dell'industria benessere, un suo prodotto e cliente.

Chi ha disegnato la copertina? Come avete fatto a creare quel disegno?
La copertina e' una creazione di un nostro amico, Marco Sano'. L'essere rappresentato e' una specie di ominide dai piu' volti, personificazione dell'irrazionalita' e dell'indifferenza. La figura in trasparenza e' invece un angelo stilizzato, tratto da una scultura tombale di un poeta messinese. L'artista che l'ha realizzata si chiama Carmelo Cappello. Abbiamo adottato questa immagine come icona della nostra band, per noi rappresenta la figurazione materiale dei nostri ideali estetici, cosi' divergenti e apparentemente caotici ma uniti in un'unitaria espressione artistica.

Nella rece ho scritto che secondo me avete fatto un bel passo in avanti come qualità delle composizioni. Voi come giudicate le nuove canzoni? Vi sentite più maturi e più a vostro agio quando componete le canzoni?
Le nuove song sono nate da un periodo di gestazione importante, frutto di una naturale maturazione umana e musicale, un tormentato lasso di tempo, durante il quale abbiamo affinato le nostre capacita' di espressione, elaborando quelle idee che ancora incerte suonavano nel nostro primo demo, definendo, percependo le reali dimensioni e le principali caratteristiche che volevamo dare alla nostra musica. Per tutti i musicisti comporre ed arrangiare nuove pezzi e' al tempo stesso una prova, una fatica ed un'esperienza estremamente affascinante; ma puo' diventare un'imparziale e terribile banco di prova quando le idee scarseggiano, esasperando una crisi o al contrario divampando in una furia creativa quando ogni cosa suona come vorresti.

Avete fatto concerti in questo anno? Come sono andati?
Si', abbiamo suonato il 19 maggio di quest'anno. Suonare nella nostra citta' e' stato un passo importante per noi, un atto di orgoglio che ci sentivamo di fare da molto tempo e quando le condizioni ideali si sono presentate non abbiamo esitato. Pur essendo stata la nostra prima esperienza live, la nostra performance e' stata gratificante, godendo al massimo, abbiamo intrattenuto chi e' venuto a sentirci dopo un lunghissimo INSPIEGABILE silenzio del metal estremo a Messina. Tra pochi giorni suoneremo in un altro locale, dopo il riinvio della nostra data percedente causate dal mal tempo.

Com'è stato il Wacken di quest'anno?
Mordor, (cioe' quel disgraziato che sta scrivendo le risposte a queste domande!) e' stato l'inviato speciale degli Exhuman al mega festival tedesco. Ha resistiso solo due giorni, poiche' l'abbuso straordinario di birra l'ha costretto ad una mesta ritirata: cio' che ha visto e sentito e' disperso in un lato oscuro del suo cervello...

A me il nick Grendel fa sempre venire in mente Hansel e Gretel (o come cazz si chiamavano, i due bambinetti della favola insomma). Quindi eccovi il compitino da fare a casa: raccontateci la storia di Hansel e Gretel in versione death metal!
Ancient e Grendel sono i corpulenti figliuoli di un violento macellaio che, rimasto volontariamente vedovo, compro' una matrigna porchissima e muta per i suoi viziosi giochetti. Dopo aver eliminato a colpi di piallatrice i due amabili genitori, i due si rifugiarono, mordicchiando falangi, nel folto della foresta. Ben presto si ritrovarono perduti nella foresta carpatica mentre il buio scendeva minaccioso. Scorta una luce tra gli alberi, si diressero verso di essa, fino a trovare un moderna e ammobiliata casetta dove un uomo, dal naso adunco e dalle orecchie a punta, si presento' a loro col nome ridicolo di Mortiis. Memori delle storie paurosissime sulle foreste e i suoi vagabondi e pacioccosi fanciulli, decisero di infornare il buffo omuncolo, dopo aver fatto dei suoi spigolosi attributi delle simpatiche merendine alla birra. Morirono subito dopo felici e contenti, vomitando sangue ed interiora. (bel compito, promossi! siete secchioni allora, confessate, hahaahahha!!! - nd teonzo)

Ok, concludete l'intervista come volete, basta che la prima e l'ultima parola che scrivete siano la stessa (oggi sono più stronzo del solito).
Grazie! (cazz, mi sono fatto fregare come un babbeo... la prossima volta devo farmi più furbo - nd teonzo)

Mail: mordor@exhuman.net
Sito internet: http://www.exhuman.net/