Emblema
(Disconnected - Marzo 2003)


Abbiamo il piacere di scambiare due chiacchiere con Federico, il cantante degli Emblema, band torinese il cui demo "Kings Of Evil" (2001) è stato recensito nel mese di gennaio 2003. Buona lettura!



Ciao ragazzi. Innanzitutto vi rivolgo nuovamente i complimenti per il vostro demo-CD. C'è qualcosa che volete aggiungere o precisare riguardo la recensione che è stata pubblicata?
Grazie dei complimenti. Direi che la recensione e' abbastanza precisa e in linea con le altre che abbiamo ricevuto. se permetti vorrei dire che per noi avere un suono che ricorda gli Iron Maiden non e' un difetto, in fondo il metal e' quello, poi dipende dai gusti del pubblico in un certo periodo: negli ultimi anni ci sono state decine di bands cloni degli Helloween e nessuno ha mai detto niente.

Riguardo la realizzazione di "Kings Of Evil" c'è qualche aneddoto meritevole di essere raccontato? Siete soddisfatti del risultato?
Non mi viene niente in mente di particolarmente curioso, eravamo molto concentrati sul lavoro e per fortuna e' filato tutto liscio. Per quanto riguarda il risultato, considerati i tempi e le nostre capacita' siamo molto soddisfatti, anche se poi a mente fredda si trova sempre qualcosa da correggere, soprattutto a livello di suono.

Quali sono i vostri principali interessi e quali sono le vostre fonti d'ispirazione? Ci sono delle situazioni precise per creare la vostra musica? Cioè, come nascono le vostre canzoni?
Musicalmente le nostre influenze vanno dagli Iron Maiden ai primi Metallica, dal thrash al power metal attuale, anche se quest'ultimo non si sente molto nelle nostre canzoni. Di solito sono i due fratelli Max e Beppe (chitarra e basso) a portare qualche idea, poi ognuno aggiunge o adatta la musica in base al proprio strumento. Di solito le canzoni all'inizio sono molto lunghe e quindi c'e' sempre qualche riff o passaggio da eliminare. quando tutto e' finito scrivo i testi che a seconda dell'ispirazione del momento possono riguardare aspetti generali della vita o cose inventate.

Facciamo un po' di promozione: per quale motivo un metallaro dovrebbe venire ai vostri concerti? Per quale motivo un poser dovrebbe venire ai vostri concerti? Per quale motivo una persona qualsiasi dovrebbe venire ai vostri concerti?
Un metallaro che viene ad un nostro concerto sicuramente non rimarra' deluso, vedra' un gruppo che suona musica potente e aggressiva, dando il 100% e anche di piu'. Un poser potrebbe venire per ammirare il mio nuovo gilet di seta con i dragoni gialli e rossi ricamati che ho comprato appositamente in Cina, mentre ad una persona normale sconsiglio di venire perche' poi magari si diverte, si avvicina al palco per guardare meglio e bum, viene sbattuta in terra da qualcuno dei nostri tifosi personali che sta pogando.

In base alla vostra esperienza (diretta o indiretta), cosa ci potete raccontare dell'attuale situazione live offerta alle band heavy metal?
Purtroppo, almeno per quanto riguarda la zona torinese, la situazione è disperata. L'unico locale che con passione dava spazio al metal ha chiuso, per il resto i posti per suonare sono pochi, male attrezzati e spesso gestiti da avventurieri incompetenti che approfittano dei gruppi giusto per raccattare una cinquantina di persone a serata. Che ci vuoi fare, finche' non ti fai un nome, per suonare e divertirti un po' le condizioni sono queste.

Ci sono band che conoscete nell'ambito underground che ritenete meritevoli di essere prese in considerazione? Ci potete fare qualche nome?
A dir la verita' non seguiamo molto l'underground, posso dirti che apprezzo qualche gruppo di torino come gli Aemerald, i Wind Of Hate e i simpatici Hollywood Killers. Ah, e poi mi piacciono molto i Rain da Bologna, che ho visto tempo fa come supporto di Paul Di'Anno e mi chiedo come mai in tanti anni non siano mai riusciti a farsi un nome, sono molto piu' bravi di tanti gruppettini power metal a cui nessuno ormai nega un contratto.

Che opinione avete dell'attuale scena heavy italiana, riferita proprio in generale e non solo alle band?
Come detto prima non ho molti contatti, quindi la mia e' un'opinione piu' da fan che non da musicista. direi che l'Italia patisce un po' la mancanza di un ricambio generazionale, oggi per un ragazzino e' difficile avvicinarsi al metal perche' ormai e' un genere di nicchia, inoltre il metal ha perso quella sua immagine trasgressiva che attirava i giovani magari ancor prima della musica stessa. ora che l'ondata power si sta eusarendo prevedo un periodo buio, speriamo che ci sia un'ondata thrash o anche un'ondata street metal, giusto per riportare in vista la nostra musica, altrimenti gli Iron Maiden dovranno suonare fino a sessant'anni.

Trovate una lampada, la sfregate ed esce un genio che vi dice che per ognuno di voi esaudirà un unico desiderio: cosa gli chiedete?
Max: io vorrei un bel superenalotto.
Beppe: a me va bene anche solo un miliarduzzo di vecchie lire.
Andrea: io chiederei il successo, che comunque non vuol dire necessariamente soldi, pensa a quelli che vincono la medaglia d'oro alle olimpiadi in lotta greco-romana, dopo un mese sono di nuovo sconosciuti, pero' hanno successo.
Roberto: io vorrei che le donne avessero un orgasmo con la mia sola presenza.
Federico: io sono indeciso tra meno tasse per tutti e citta' piu' sicure.

Ed ora vi lascio poche righe per dire quello che volete...
Grazie per lo spazio, voglio segnalare che abbiamo due nuovi membri tra noi, Andrea Savant alla chitarra e Roberto Atm alla batteria, con loro stiamo scrivendo nuove e sempre piu' potenti canzoni, non dimenticate il nostro nome perche' presto sentirete di nuovo parlare di noi.

Mail: emblemametal@hotmail.com
Sito internet: http://sitogruppo