Cold Void
(Hellvis - Settembre 2004)


Da Torino, ecco i Cold Void. "Black Metal Armageddon", il bello split con i Tod, ha messo in mostra la bontà del songwriting del gruppo. Ho deciso pertanto di intervistare Necrodaemon, uno dei membri fondatori, per conoscere meglio questa promettente black metal band.



Com'è nata l'idea di questo split con i Tod? Sei soddisfatto del risultato di questa collaborazione?
Mah, tutto mi è venuto in mente 1 anno e mezzo fa (forse anche di più) quando mi capitò per le mani "Black Vengeance" dei Tod... rimasi favorevolmente colpito dal loro lavoro e li contattai per sapere se potevano essere interessati a produrre uno split CD con noi. Ci siamo messi d'accordo praticamente subito e ci siamo messi al lavoro. Purtroppo, poi, i tempi si sono allungati per una lunga serie di motivi sia nostri che loro, e alla fine il CD è uscito solo a luglio di quest'anno, ma sono ugualmente contento, secondo me è un prodotto valido che può piacere a molti, anche se noi e i Tod siamo due gruppi totalmente differenti. A giudicare dalla prime recensioni (fra cui la vostra) direi che alla fine il nostro CD sta riscotendo buoni riscontri, e la cosa non può che rendermi orgoglioso del nostro lavoro.

Presentatevi al pubblico di Shapeless. In origine vi chiamavate Frostbane. Cosa vi ha spinto a chiudere l'esperienza con quella band e ad iniziarne una nuova con i Cold Void? Come descriveresti i Cold Void musicalmente e concettualmente?
Dunque, i Frostbane sono stati una bella esperienza, ma come spesso accade alle cose belle, purtroppo, durano poco. Erano sorti alcuni problemi logistici, in quanto eravamo sparsi un po' per tutto il Piemonte, fra la provincia di Torino, Asti ed Alessandria, alcuni di noi erano impegnati in altri progetti musicali più avviati e via dicendo, per cui un giorno io ed Hypnos ci siamo fermati un attimo e abbiamo deciso che volevamo cambiare alcune cose nel nostro sound, abbiamo parlato con gli altri della band di questo e della logistica, dopo di che abbiamo deciso di sciogliere i Frostbane e creare i Cold Void. Concettualmente parlando la nostra è una band che non basa la sua esistenza su stronzate come religione o politica come molte band fanno: a noi queste cose non interessano, ci sono in giro già migliaia di band che si divertono a fare dichiarazioni ad effetto e poi, nel quotidiano, si scopre che quella della band è solo una facciata. Da questo punto di vista siamo più veri, più genuini: noi siamo esattamente così come ci si può vedere dal vivo o sentire sul disco, solo con un po' di trucco nero in meno in faccia. Per il resto, anche sotto il punto di vista visivo, spesso sono in giro con anfibi e mimetica, non ci trovo nulla di strano, fa parte del mio essere, così come per gli altri ragazzi della band. Musicalmente, invece, prendiamo spunto da tante cose diverse, e cerchiamo sempre e comunque di metterci del nostro: da questo punto di vista i pezzi che stiamo preparando saranno abbastanza diversi da quelli che avete sentito fino ad oggi, non ci piace ripeterci pedissequamente, la nostra musica cambia così come cambia la vita di tutti i giorni. E' un mutare a seconda degli eventi che modificano la nostra esistenza, siano essi positivi o negativi.

E' da un po' di tempo che non suonate dal vivo. Vi manca questa esperienza? E, a proposito di esperienze, siete rimasti soddisfatti del vostro concerto di marzo assieme ai Dark Funeral e ai Defleshed? C'è qualche aneddoto inerente al concerto che puoi raccontarci?
Già, è da marzo che non suoniamo dal vivo, e questo mi dispiace molto. Purtroppo abbiamo dovuto rinunciare ad un paio di date in aprile a causa della defezione di Hypnos, che ci ha portato a riarrangiare tutti i pezzi per poterli suonare con una chitarra sola: è nelle nostre intenzioni trovare un secondo chitarrista, ma non è facile, e siccome non vogliamo più trovarci nella situazione di dover rinunciare, ci siamo messi sotto e abbiamo rimaneggiato tutti i vecchi pezzi. Se poi troveremo un'altra chitarra, perfetto, torneremo a suonarli nella loro forma originale, in caso contrario siamo comunque di nuovo pronti a suonare dal vivo in ogni situazione. Credo che non ci vorrà molto per vederci di nuovo live, basta solo che qualcuno ci dica di venire a suonare e noi arriviamo, nessun problema! Per quanto riguarda il concerto coi Dark Funeral, personalmente mi sono divertito molto. Mi piacerebbe però sottolineare che insieme a Dark Funeral e Defleshed erano presenti anche i Necroart e gli Arvind (oltre a noi ovviamente), due band che a mio avviso sono molto valide, soprattutto dal vivo. Mi dispiace un po' che la gente chieda spesso cosa si prova a suonare con i gruppi famosi dimenticandosi sempre che di band valide ce ne sono parecchie anche di meno famose. Da questo punto di vista sono un po' fatto a modo mio, me ne rendo conto, però è giusto focalizzare l'attenzione anche su act meno famosi. Tornando alla tua domanda, i Dark Funeral si sono dimostrati persone davvero alla mano, soprattutto il bassista che, dopo il concerto, è venuto a complimentarsi con noi nei camerini e poi ha passato buona parte della serata a bere con noi, e il cantante, con cui ci siamo fermati a parlare di moto e tatuaggi. Tutti molto disponibili quindi, e onestamente non me lo aspettavo.

Ritorniamo ora a parlare di "Black Metal Armageddon". Attualmente Bloodskull Impaler non fa più parte della band ed è stato sostituito da Necronamtar, che era già stato vostro cantante. Quali sono i motivi di tutto questo via vai tra i cantanti?
Molto semplice: Necronamtar non abita molto vicino a noi, per cui quando abbiamo formato i Cold Void ci siamo concentrati su persone più vicine, e la scelta è caduta su Bloodskull Impaler, ottimo singer, ma che purtroppo aveva altri progetti a livello musicale. Così, finite le registrazioni, ha mollato per un'altra band più blasonata di noi, e siccome ora Necronamtar è spesso dalle nostre parti per motivi di studio, gli abbiamo proposto di unirsi a noi. I pezzi gli sono piaciuti e ha deciso di ricominciare.

Che ci puoi dire del futuro della band? State programmando l'uscita di un full-length? Continuerete a collaborare con l'etichetta Il Male Production o avete ricevuto altre offerte?
Il futuro è incerto, ma di idee ce ne sono parecchie. Stiamo preparando i pezzi nuovi, ma non so se usciranno come full length, miniCD o sotto forma di un altro split CD. Abbiamo preparato una nuova cover da registrare e proporre dal vivo, di cui non anticipo il titolo, ma posso affermare con certezza che appassionerà tutti gli amanti del black metal. E' nelle nostre intenzioni poi suonare dal vivo il più possibile, e stiamo cercando di trovare i posti in cui esibirci. Per quanto riguarda la collaborazione con Il Male Production non so davvero cosa dirti, al momento giusto sentiremo Porz che ci proporrà qualcosa, sempre se avrà voglia e interesse per proporci qualcosa. In ogni caso, in qualche modo faremo: ho imparato da tempo che è inutile fasciarsi la testa prima di essersela rotta, per cui un problema per volta. Ora dobbiamo pensare a finire i nuovi brani e suonare dal vivo, il resto verrà da sé, ne sono convinto.

Cosa ne pensi della scena metal estrema torinese? Quali sono, secondo te, le band più promettenti?
Beh Torino è sempre stata una città molto in fermento a livello musicale, soprattutto sui versanti punk, hardcore e metal estremo. Di band ce ne sono davvero a bizzeffe, e concentrandosi solo su quelle estreme posso nominarti i Disarmonia Mundi e i Thee Maldoror Kollective, giusto per dire le più famose. Se poi si scava un po' più a fondo si troveranno altre realtà più underground ma sempre molto valide come Black Flame, Unholy Storm, Tipheret e via discorrendo. Il problema qui non sono i gruppi, ma la mancanza di locali! Tutti i locali metal dove si suonava negli ultimi anni hanno chiuso baracca, e sono rimasti solo centri sociali per suonare punk e locali per cover band, stop. E' dura, ma anche questa volta resisteremo.

Questa breve intervista è finita. A te le ultime parole!
Ragazzi, andate sul nostro sito e scaricatevi i nostri brani. Fateci sapere cosa ne pensate sul guestbook. Spero di vedervi tutti ad un nostro concerto prima o poi. Horns up!

Mail: necrodaemon@coldvoid.net
Sito internet: http://www.coldvoid.net/